Logo Seebrücke Schweiz

«Reintrodurre la possibilità di presentare domande d’asilo presso le ambasciate»

Motion 21.3282
Level: Confederation
Status: Rejected

Attendance

18.03.21 Presentazione della mozione “Reintroduzione dell’asilo in ambasciata” al Consiglio degli Stati

“Il Consiglio federale è incaricato di elaborare una base legale per la reintroduzione dell’asilo in ambasciata analoga alla vecchia legge sull’asilo del 26 giugno 1998, articolo 20. La situazione catastrofica nei campi profughi ai confini dell’Europa è peggiorata a causa della pandemia di Covid. Anche le persone con un legittimo diritto d’asilo sono costrette a lottare per raggiungere illegalmente l’Europa e la Svizzera con l’aiuto di organizzazioni criminali di contrabbando e in circostanze pericolose per la loro vita, per poter fare domanda d’asilo. Dal 2014, più di 21.000 persone sono morte nel Mediterraneo su questo volo, cioè dieci persone al giorno! Questo dramma, che in parte è anche causato dalla nostra legislazione, deve finire. Questo può essere ottenuto in modo relativamente semplice reintroducendo l’asilo nelle ambasciate. Questo è stato abolito con la revisione della legge sull’asilo nel 2012 perché il Consiglio federale voleva evitare che la Svizzera fosse l’unico paese europeo a fornire questa possibilità. Ma questo era prima che la crisi dei rifugiati si facesse sentire. Nel frattempo, però, conosciamo le drammatiche conseguenze che ne sono derivate. Il Consiglio federale si è finora opposto alla reintroduzione dell’asilo nelle ambasciate con la motivazione che se la Svizzera lo introducesse da sola, diventerebbe un centro di attrazione come paese d’asilo. Così facendo, il Consiglio federale non si rende conto che l’asilo in ambasciata permette una procedura d’asilo ordinata e che la definizione della procedura non implica una decisione sui criteri di ammissibilità, che rimangono invariati. L’asilo d’ambasciata può causare più lavoro per l’amministrazione; di fronte alla tragedia umana della situazione attuale, questo è senza dubbio giustificabile”.

Richiesta e giustificazione della mozione “Reintroduzione dell’asilo in ambasciata”.

02.02.22 La commissione per la politica statale propone di respingere la mozione

“La Commissione della politica statale del Consiglio degli Stati (SPK-S) è stata incaricata dal suo Consiglio di preconsultare la mozione 21.3282 presentata da Daniel Jositsch (ZH), membro del Consiglio degli Stati. Questa mozione chiede che sia di nuovo possibile presentare le domande d’asilo alle ambasciate, come avveniva fino alla revisione della legge sull’asilo adottata con il referendum del 2013. Prima di prendere una decisione su questa mozione, che il Consiglio federale propone di respingere, la Commissione ha sentito rappresentanti di organizzazioni non governative, dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e della Commissione federale della migrazione. In seguito a queste audizioni e alla luce delle spiegazioni fornite dalla delegazione del Consiglio federale, la Commissione è giunta alla conclusione che una reintroduzione dell’asilo nelle ambasciate non coordinata con gli Stati membri dell’Unione europea potrebbe avere un effetto traino. Inoltre, la legge attuale offre alle persone la cui vita o integrità fisica è direttamente e seriamente minacciata sufficienti possibilità di ottenere protezione in Svizzera, in particolare attraverso il visto umanitario o i programmi di reinsediamento. La Commissione propone quindi al Consiglio di respingere la mozione con 6 voti contro 4 e 1 astensione. La minoranza ne propone l’adozione, poiché ritiene inaccettabile che il sistema d’asilo svizzero costringa le persone in cerca di protezione a intraprendere il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo”.

Comunicato stampa della Commissione della politica statale del 02.02.22

15.03.22 Il Consiglio degli Stati respinge la mozione con 29 voti contro 12

Il dibattito al Consiglio degli Stati può essere letto qui.

Press reports

Botschaftsasyl: Ständerat lehnt Wiedereinführung ab
Menschen können auch künftig nicht bei einer Schweizer Botschaft um Asyl ersuchen. Der Ständerat stellt sich dagegen, das Botschaftsasyl zu reaktivieren. Auch der Ukraine-Krieg bewirkte keinen Sinneswandel.
https://www.tagblatt.ch/news-service/inland-schweiz/session-staenderat-will-wiedereinfuehrung-des-botschaftsasyls-pruefen-ld.2187270
Ständeratskommission lehnt Wiedereinführung des Botschaftsasyls ab
Personen in Gefahr soll auch künftig der Antrag auf Asyl bei Botschaften verweigert werden. Diese Meinung vertritt die Ständeratskommission (SPK-S).
https://www.nau.ch/politik/bundeshaus/standeratskommission-lehnt-wiedereinfuhrung-des-botschaftsasyls-ab-66099202

Ständeratskommission lehnt Wiedereinführung des Botschaftsasyls ab
Gefährdete Menschen sollen weiterhin keinen Asylantrag auf Auslandsvertretungen stellen dürfen. Dieser Meinung ist die Staatspolitische Kommission des Ständerats (SPK-S). Die Möglichkeit war 2013 abgeschafft worden.Der Zürcher SP-Ständerat Daniel Jositsch hat das Thema zurück aufs Tapet gebracht. Seine Motion verlangt, dass es wieder möglich sein soll, Asylgesuche bei Botschaften einzureichen, wie dies bis zur 2013 in der Volksabstimmung angenommenen Revision des Asylgesetzes der Fall war.
https://www.watson.ch/international/st%C3%A4nderat/929150810-staenderatskommission-lehnt-wiedereinfuehrung-des-botschaftsasyls-ab

«Das ist ein kollektives Verbrechen»
Für Geflüchtete wird es immer schwieriger, nach Europa zu gelangen. Der Zürcher SP-Ständerat und Rechtsprofessor Daniel Jositsch fordert deshalb die Wiedereinführung des Botschaftsasyls, nötigenfalls mit einer Volksinitiative.
https://www.woz.ch/-bafa

Das Asylrecht verkommt zur Fiktion
Die EU-Staaten haben während der Coronapandemie Fakten geschaffen: Die Aufrüstung der Aussengrenze geht voran, die Asylzahlen sind alarmierend tief, auch in der Schweiz.
https://www.woz.ch/-ba82

«Rendere possibili Città dell’accoglienza e Comuni solidali»

Parlamentarische initiative 21.519
Level: Confederation
Status: Rejected

Attendance

Presentazione dell’iniziativa parlamentare “Per un rafforzamento federalista della tradizione umanitaria della Svizzera. Abilitare città e comunità accoglienti e solidali” il 16.12. 21 da Balthasar Glättli (Gruppo Verde) nel Consiglio Nazionale

“La Confederazione istituisce nella legge sull’asilo, a complemento dell’articolo 56 LAsi, le condizioni per accogliere ulteriori contingenti di rifugiati su richiesta dei Comuni e dei Cantoni: i Comuni e i Cantoni devono avere la possibilità di accogliere gruppi di rifugiati se

– presentano una richiesta corrispondente alla Confederazione per accogliere un contingente di rifugiati,

– garantiscono l’alloggio ai rifugiati e si fanno carico della quota del finanziamento, per il quale sarebbe competente la Confederazione,

– i rifugiati soddisfano le eventuali condizioni per essere ammessi in gruppo (reinsediamento tramite l’UNHCR, ricollocazione, ammissione come rifugiati di guerra, controlli di sicurezza ecc.).

La decisione effettiva sulla concessione dello status di asilo rimane alla Confederazione, come avviene oggi. L’accoglienza di ulteriori gruppi di rifugiati da parte di Comuni e Cantoni non incide sui contingenti di rifugiati che la Confederazione decide nell’ambito dei propri programmi di reinsediamento o di altre iniziative umanitarie e non viene conteggiata nella consueta chiave di ripartizione cantonale.”

16.6.22 liquidato

Il consiglio nazionale non è dato seguito.

Puoi sostenere l’appello dei Verdi con una firma.

Press reports

«Es ist eine Pflicht, sie aufzunehmen»
Schweizer Städte und Gemeinden wären schon seit Jahren bereit, mehr Geflüchtete aufzunehmen. Sie blitzen mit ihrem Anliegen beim Bund jedoch immer wieder ab. Die Grünen machen nun Druck für eine Gesetzesänderung.
https://www.woz.ch/2206/asylgesetz/es-ist-eine-pflicht-sie-aufzunehmen

Willkommensstädte und solidarische Kantone ermöglichen
Für Solidarität mit Geflüchteten – Jetzt Appell unterschreiben!
https://gruene.ch/kampagne/willkommensstaedte-und-solidarische-kantone-ermoeglichen

«Muri-Gümligen (BE): Mozione per aderire all’alleanza “Città e comuni per l’accoglienza dei rifugiati”.»

Motion
Level: Municipality
Municipality: Muri-Gümligen (BE)
Status: Rejected

Attendance

24 agosto 2021 Rifiuto del rinvio al consiglio comunale

Dopo un dibattito controverso nel Gran Consiglio Comunale, la mozione è stata respinta con 19 voti contrari, 13 voti a favore e un’astensione, e quindi non rimandata al Consiglio Comunale per l’attuazione. Nella motivazione, si sottolinea che le questioni di politica d’asilo sono di competenza del governo federale e non dovrebbero essere attuate “da soli” dai comuni.

18 giugno 2021 Raccomandazione di rifiuto del consiglio comunale

Il consiglio comunale ritiene che la responsabilità di accogliere i rifugiati sia del governo federale. Il comune stesso è responsabile della cura e dell’integrazione dei 90 richiedenti asilo che gli sono stati assegnati. Non c’è spazio abitativo disponibile per una sistemazione aggiuntiva. Si raccomanda quindi di respingere la mozione.

27 aprile 2021 La mozione “evacuare ORA – anche a Muri-Gümligen!” viene presentata al Gran Consiglio Comunale.

La mozione chiede “al consiglio comunale di aderire all’alleanza “Città e comuni per l’accoglienza dei rifugiati”, di dichiarare la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati che hanno particolarmente bisogno di protezione
dal Mar Egeo, e per sollecitare il Consiglio federale ad agire insieme all’Alleanza e alle 132 organizzazioni di #evacuareORA”.

Document

Press reports

Parlament sagt Nein zu Flüchtlingsappell

Der Druck auf den Bund soll nicht noch grösser werden, finden die Gegner. Für die Befürworter wäre ein Mittragen allerdings ein «Zeichen der Humanität» gewesen.

 

«Moutier (BE): mozione urgente – accogliere i migranti del campo profughi di Moria»

mozione urgente
Level: Municipality
Municipality: Moutier (BE)
Status: Accepted

Attendance

Accettato il 03.02.2021 dalla Municipio

Il Municipio, nella sua riunione del 7 dicembre 2020, ha accettato all’unanimità la mozione PSA.

Accettato il 17.11.2020 dal Consiglio Comunale

Il Consiglio comunale è “sensibile alla situazione drammatica vissuta da questi rifugiati” ed è del parere, “che il Comune deve far conoscere la sua disponibilità per un’accoglienza”.

Di conseguenza, il 30 settembre 2020 è stata inviata una lettera alla consigliera federale Karin Keller-Sutter. Nella sua risposta Karin Keller-Sutter sottolinea

Il sistema d’asilo svizzero è un compito comune per il quale condividiamo la responsabilità a tutti i livelli politici in Svizzera. La Confederazione apprezza molto l’impegno e il sostegno delle città, tra cui Moutier, e vi ringrazio per questo. Il ruolo delle città è centrale per l’integrazione delle persone con diritto di soggiorno e anche per i richiedenti asilo. Sarei felice di considerare una più stretta collaborazione con le città nelle future campagne di benvenuto. Insieme ai cantoni, discuteremo come la disponibilità delle città ad accogliere i nuovi arrivati possa essere utilizzata, per esempio nei programmi di reinsediamento.

Risposta del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP)

Inoltre, il Consiglio comunale ha dichiarato che aderisce all’Unione delle città svizzere (UVS) e che la mozione viene elaborata dalla Municipio.

Presentazione della mozione il 21.09.2021

Il gruppo PSA (Parti socialiste autonome du Sud du Jura) ha presentato al Consiglio comunale una mozione urgente intitolata: “Accogliere i migranti del campo profughi di Moria” e ha chiesto a 12 dei suoi membri di fare le rimostranze necessarie al Cantone di Berna e alla Confederazione affinché si offrano volontari per accogliere i migranti del campo profughi di Moria. Il gruppo ha anche chiesto l’urgenza “vista la situazione drammatica che queste persone stanno vivendo” nei campi.

Document

«Stans (NW): Chiediamo al comune di Stans di: Agisci ORA!»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Stans (NW)
Status: Rejected

Attendance

Settembre 2020:
Il Bistro Interculturel chiede in una petizione “Chiediamo al comune di Stans di: Agisci ORA!”

“Chiediamo al comune di Stans di comunicare al consiglio di governo del cantone di Nidvaldo la sua disponibilità ad accettare rapidamente e senza burocrazia i rifugiati dei campi profughi greci. Per questo motivo, ci rivolgiamo ora anche al comune di Stans per l’appello di Pasqua al Consiglio federale lanciato da diverse organizzazioni. La situazione disumana nelle isole greche è una conseguenza della politica europea dei rifugiati. Come Stato Dublino, la Svizzera (Confederazione, cantoni, comuni) condivide la responsabilità della catastrofe umanitaria sulle isole greche. Abbiamo le capacità e i mezzi finanziari necessari per dare un contributo importante all’evacuazione. In vista dell’avanzare della pandemia di Corona, il tempo stringe.
Giustificazione

Un disastro silenzioso si sta svolgendo davanti ai nostri occhi nelle isole greche del Mar Egeo. Diverse decine di migliaia di rifugiati provenienti da zone di guerra e di conflitto sono bloccati lì senza alcuna protezione. L’assistenza medica non è garantita e anche il diritto di chiedere asilo è stato temporaneamente sospeso. La situazione è particolarmente drammatica nel campo di Moria sull’isola di Lesbo, come riferiscono le agenzie di aiuto sul posto. Il numero di richieste d’asilo in Svizzera è al minimo storico. Il nostro Stato ha i mezzi finanziari, le capacità spaziali e le risorse umane per accogliere più rifugiati e prendersi cura di loro qui. In passato, è stato dimostrato che il sostegno finanziario della Grecia ha fatto poco per migliorare la situazione dei rifugiati. Al contrario, come riporta il New York Times, il governo greco sta ricorrendo a mezzi sempre più drastici. Non si fermano nemmeno alla pratica illegale e contraria ai diritti umani di abbandonare i rifugiati in piena notte in mare aperto. L’unica opzione rimasta è l’evacuazione. Abbiamo tutti dimostrato negli ultimi mesi che un’azione rapida e non convenzionale è possibile per il bene degli altri. Permettiamo ora a questa solidarietà di superare le frontiere! Per noi è chiaro che il governo federale decide sull’accoglienza e la distribuzione dei rifugiati – non il cantone, e nemmeno i singoli comuni. Tuttavia, perché Berna accetti di accogliere i rifugiati, ha bisogno di volontà e pressione dal basso. Perché se nessun comune e cantone mostra la volontà di risolvere rapidamente questa emergenza umanitaria, sarà molto più difficile per il governo federale fare una proposta per l’alloggio non programmato dei rifugiati. E se i singoli comuni segnalano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati – cosa che attualmente accade sempre più spesso in tutta la Svizzera – non ci sono quasi ragioni per non farlo! Perché i comuni sono il luogo in cui la convivenza avviene realmente.

Ecco perché noi, i residenti del comune di Stans, chiediamo alle nostre autorità comunali:

-> dichiarare la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati dalle isole greche

-> di comunicare pubblicamente questa decisione e di trasmetterla al governo del cantone di Nidvaldo e al Consiglio federale. Grazie per il vostro sostegno, Bistro Interculturel di Stans”.

Marzo 2021:
Il comune di Stans rifiuta un’ulteriore ammissione di rifugiati e fa riferimento al lavoro di integrazione fatto nel comune. Tuttavia, la petizione viene inoltrata al cantone e al governo federale.

Document

«Mozione #evacuareORA – anche a Köniz!»

V2114 Mozione (Mozione urgente)
Level: Municipality
Municipality: Köniz (BE)
Status: Accepted

Attendance

Accettato il 23.08.2021

Nella sessione parlamentare del 23.08.2021, la mozione è stata adottata dal comune. Il comune ha giustificato la decisione dicendo,

da un punto di vista umanitario, a causa dell’evidente e incommensurabile sofferenza delle persone interessate e
l’urgenza di un’azione […] e di aderire all’alleanza “Città e Comuni per l’accoglienza dei rifugiati” per convincere il Consiglio federale ad agire.

Consiglio comunale di Köniz

Presentazione della mozione il 07.04.2021

I Verdi, in collaborazione con il PS, hanno presentato una mozione affinché anche Köniz aderisca all'”Alleanza delle città e dei comuni per l’accoglienza dei rifugiati” e che il Consiglio federale, insieme all’Alleanza e alle 132 organizzazioni di #evacuareORA, sia spinto ad agire.
le 132 organizzazioni di #evacuareORA ad agire. La mozione, ritenuta sostanziale, è stata firmata da 16 deputati.

Document

«Ostermundigen (BE): contribuire ad alleviare le difficoltà nei campi per i rifugiati»

Dringliche Motion
Level: Municipality
Municipality: Ostermundigen (BE)
Status: Accepted

Attendance

30.10.21: Presentazione della mozione urgente non partitica

Il testo della mozione recita: “Si chiede al consiglio comunale,

  1. Fare pressione a livello federale e cantonale perché Ostermundigen accolga 10 persone dai campi greci, in particolare Moria / Kara Tepe.
  2. Chiedere al Consiglio Federale in una lettera di accettare ulteriori persone da questi campi in Svizzera (per esempio 2000).
  3. Pubblicare questa lettera anche come comunicato stampa.
  4. Chiedere in una lettera alle comunità circostanti come Muri-Gümligen, Hofigen, Bolligen, Stettlen, Köniz, Berna di accogliere persone nella stessa misura.

La situazione umanitaria a Lesbo è ancora estremamente preoccupante un mese e mezzo dopo l’incendio del campo profughi di Moria.

In totale, circa 50.000 persone sopravvivono in questi campi.

Ci sono 78.832 appartamenti liberi in Svizzera (al 1° giugno 2020), tra cui molti a Ostermundigen.

Non sarebbe realistico per la Svizzera accogliere gli 80 milioni di rifugiati che sono attualmente sfollati nel mondo. Ma può fare molto di più che garantire protezione a 20 minori.”


21 giugno: adozione da parte del Consiglio Comunale

Document

Press reports

Nach Vorstoss im Parlament: Von Lesbos nach Ostermundigen
Der Berner Vorort will im Alleingang Flüchtlinge aufnehmen, die auf den griechischen Inseln gestrandet sind. Geht das überhaupt?

«Winterthur: Per un impegno ad accogliere i rifugiati dei campi sulle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Winterthur (ZH)
Status: Accepted

Attendance

27 gennaio 2021 Accettazione

Il Comune fa riferimento a una lettera di “evacuazione ora” in cui ha già dichiarato la sua posizione e la sua disponibilità di base ad accettare ulteriori donne rifugiate in considerazione della situazione di emergenza umanitaria. Così, il consiglio comunale indica che la richiesta è annotata, ma già soddisfatta.

La città di Winterthur dichiara che da allora ha ribadito più volte la sua posizione e l’ha anche comunicata al governo federale attraverso i suoi rappresentanti nell’Iniziativa delle città per la politica sociale e nell’Associazione svizzera delle città. Tuttavia, un’effettiva ammissione aggiuntiva sarebbe possibile solo con il sostegno del governo federale e del cantone.

23 novembre 2020 Presentazione

Diverse persone di Winterthur hanno presentato al Consiglio comunale la petizione “per un impegno ad accogliere i rifugiati dai campi sulle isole greche” con 4 firme. La petizione chiede che la città di Winterthur “dichiari la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati dalle isole greche” e che “comunichi pubblicamente questa decisione e la trasmetta al Consiglio federale”.

Document

«Stein (AG): Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Stein (AG)
Status: Rejected

Attendance

25.03.21: Richiesta al comune di Stein (AG),

  • per accettare di accogliere 2 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

29.03.21: Rifiuto del consiglio comunale

“Attualmente, sette persone con un permesso F vivono nel nostro villaggio. Inoltre, 30 persone sono alloggiate nel rifugio d’asilo cantonale.

L’obbligo di accogliere le persone secondo il §18a della legge sull’assistenza sociale e la prevenzione SPG è stato quindi adempiuto dal comune di Stein per molti anni da un multiplo (attualmente 37 invece di 10 persone)”.

Decisione del consiglio comunale del 29.03.2021

Nella giustificazione, il consiglio comunale indica la responsabilità del governo federale. Il comune è già coinvolto nella cura dei rifugiati oltre la quota richiesta.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Gansingen (AG): accoglienza aggiuntiva di altri rifugiati»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Gansingen (AG)
Status: Rejected

Attendance

15.03.21: Lettera al comune di Gansingen (AG) riguardo all’ammissione supplementare di rifugiati

01.04.21: Lettera di rifiuto del consiglio comunale.

“Il consiglio comunale è d’accordo a non accogliere altre persone al momento”.

Decisione del consiglio comunale del 01.04.21

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Oberkulm (AG): Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Oberkulm (AG)
Status: Rejected

Attendance

15.03.21: Richiesta al comune di Oberkulm

01.04.21: Rifiuto da parte del comune

“Secondo le direttive cantonali, l’obbligo del comune di Oberkulm di accettare i rifugiati è di dieci. Il comune di Oberkulm adempie al suo obbligo di accogliere dieci rifugiati e non ha la capacità di accoglierne altri”.

Decisione della cancelleria comunale del 01.04.21

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Oberentfelden (AG): accoglienza di rifugiati dal campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Oberentfelden (AG)
Status: Rejected

Attendance

01.03.21: Richiesta al consiglio comunale di Oberentfelden, con le richieste,

  • per accettare di accogliere 6 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

23.03.21 Rifiuto del consiglio comunale

La giustificazione afferma che la responsabilità è del governo federale e del cantone. Questi dovrebbero essere affrontati per questa preoccupazione.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Magden (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Magden (AG)
Status: Rejected

Attendance

04.03.21: Presentazione della petizione con 12 firme al consiglio comunale di Magden, con le richieste,

  • per accettare di accogliere 3 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

15.03.21 Rifiuto da parte del consiglio comunale

La motivazione afferma che l’ammissione diretta non è di competenza del comune. Inoltre, l’ammissione di tre persone causerebbe costi elevati, per i quali l’assemblea comunale dovrebbe approvare un bilancio.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Petizione per un impegno del comune di Spiez ad accogliere i rifugiati»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Spiez (BE)
Status: Accepted

Attendance

Risposta positiva del consiglio comunale del 16 marzo 2021:

La risposta al modulo di petizione compilato con 30 firme di cittadini del comune di Spiez è stata molto positiva. Il consiglio comunale di Spiez si esprime positivamente sulla richiesta e la sostiene pubblicamente. Spiez è ora membro della “Alleanza delle città e dei comuni per l’accoglienza dei rifugiati”.

Il consiglio comunale firma la petizione che chiede un intervento, poiché il Consiglio federale non ha ancora accettato l’offerta di 25 comuni. Secondo la petizione, è ora imperativo che altri comuni prendano parte e quindi esprimano chiaramente che c’è una volontà in tutta la Svizzera di affrontare questa situazione.

Questa è l’occasione per il comune di Spiez di esprimere la sua solidarietà e la sua volontà di contribuire a porre rimedio alle condizioni assolutamente insostenibili nei campi profughi greci e di sostenere il Consiglio federale nell’intraprendere un’azione umanitaria urgente in questa situazione estremamente precaria.


La petizione segue l’appello del Forum dei cittadini europei EBF:

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.

Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Fermate le morti nel Mar Mediterraneo!»

Petition 20.2000
Level: Confederation
Status: Rejected

Attendance

07.01.20: Presentazione della petizione

Numerose organizzazioni di sostegno presentano una petizione con 25.000 firme che chiede al Consiglio federale e al Parlamento di prendere misure immediate per garantire che le persone in pericolo in mare nel Mediterraneo siano salvate e accolte rapidamente a livello decentralizzato.

1. La Svizzera deve partecipare alla creazione di un sistema europeo di soccorso marittimo civile organizzato e finanziato.

2. La Svizzera deve sostenere la distribuzione di persone salvate da situazioni di pericolo in mare. Nel fare ciò, i principi umanitari e lo stato di diritto devono essere rispettati.

3. il Consiglio federale e il Parlamento devono creare le basi legali per un’accoglienza rapida e decentralizzata dei rifugiati via mare in Svizzera.

Richieste della petizione per porre fine alle morti nel Mediterraneo.

La consigliera nazionale Mattea Meyer ha presentato una mozione con lo stesso nome 19.3479 a questo scopo. È stato respinto nel dicembre 2020.

18.12.20: Rifiuto nel Consiglio Nazionale

Per la mozione della maggioranza … 100 voti
Per la mozione della minoranza … 90 voti
(4 astensioni)

18.03.21: Rifiuto al Consiglio degli Stati

Per la mozione della maggioranza … 25 voti
Per la mozione della minoranza … 13 voti
(6 astensioni)

Leggi di più: Petizione “Basta morire nel Mediterraneo!” respinta anche al Consiglio degli Stati

Press reports

Das Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!
Am 7. Januar haben Vertreter*innen von Solinetzte.ch und dem Netzwerk migrationscharta.ch die Petition „Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!“ bei der Bundeskanzlei in Bern abgegeben.

Sterben auf dem Mittelmeer stoppen – Petitionsübergabe
Fast 25’000 Personen unterschrieben die Petition, die gestern der Bundeskanzlei in Bern überreicht wurde.

Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!
In der heutigen Infosendung sprechen wir über Motion und Petition «Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!» und mit einer Wassersommelière über ihren Beruf.

Petition für die Seenotrettung

«Kaisten (AG): 500 persone per Aargau – 2 persone per Kaisten»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Kaisten (AG)
Status: Rejected

Attendance

04.03.21: Presentazione della petizione al consiglio comunale di Kaisten

11.03.21: Rifiuto del consiglio comunale

“Dall’inizio dell’obbligo di ammissione o quota, il comune di Kaisten l’ha sempre rispettato. Spesso sono state ricoverate e curate più persone di quanto il comune sarebbe stato obbligato a fare.

La misura richiesta nella petizione è già stata praticata dal comune di Kaisten per molti anni ed è quindi anche attuata. Per questo motivo, il consiglio comunale si astiene dal segnalare al Dipartimento dell’Asilo del Dipartimento della Sanità e degli Affari Sociali la disponibilità ad accogliere due rifugiati supplementari”.

Estratto della risposta del consiglio comunale di Kaisten

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Accettare le famiglie di Kara Tepe»

M 2730 - proposition de motion
Level: Canton
Canton: GE
Status: Accepted

Attendance

Ginevra, 8 febbraio 2021

Kara Tepe, a nord di Mitilene (Lesbo), è il nuovo campo dove 10.000 sopravvissuti all’incendio del campo precedente (campo Moria) sono stipati dietro una tripla fila di filo spinato. Le condizioni di detenzione – perché di detenzione si tratta – di questi rifugiati provenienti da Siria, Yemen, Afghanistan, Somalia e Sud Sudan sono ancora peggio che nel campo di Moria.

La proposta di mozione chiede alla città di Ginevra di unirsi all’appello per accogliere una parte di questi rifugiati. Si chiede anche che il Consiglio Cantonale di Ginevra proponga al Consiglio Federale di dare la priorità alle famiglie con bambini e allo stesso tempo si offra di accogliere da 5 a 10 famiglie.

04/03/2021 Discussione immediata accettata
04/03/2021 Urgenza accettata
05/03/2021 Oggetto approvato con emendamenti e rinviato al Consiglio Cantonale

Emendamento:
2a richiesta (nuova formulazione) – proporre che il Cantone di Ginevra accolga 20 famiglie.

Press reports

Une goutte d’eau d’humanité dans un océan d’injustice et de violence

Bien qu’insatisfait par le caractère minimaliste de cette motion PDC, le groupe Ensemble à Gauche a néanmoins soutenu cette dernière demandant que le canton de Genève accueille 10 familles de réfugiés vivant dans le camp de Kara Tepe sur l’île de Lesbos

Evacuer d’urgence les réfugié-e-s des îles grecques

Jean Ziegler et Ilias Panchard demandent que «l’Appel de Pâques» pour l’accueil en Suisse de 5000 réfugié-e-s en provenance des camps grecs soit entendu par la Confédération.

Genf soll 20 Familien aus Moria aufnehmen

Zwanzig Familien aus dem Flüchtlingslager Moria in Griechenland sollen im Kanton Genf aufgenommen werden. Das Kantonsparlament hat dies am Freitag angenommen.

«Evacuate subito! I rifugiati dalla Grecia hanno bisogno della nostra protezione!»

Motion 248-2020
Level: Canton
Canton: BE
Status: Rejected

Attendance

16.09.20 Presentazione

“Il Consiglio di Stato è incaricato di intervenire presso la Confederazione e di indicare la sua disponibilità ad accogliere un contingente di rifugiati bloccati in Grecia in aggiunta alla chiave di ripartizione legalmente definita (art. 21 dell’ordinanza sull’asilo 1). In Svizzera, la loro domanda d’asilo dovrebbe poi essere trattata in modo regolare”.

Richiesta della mozione

26.11.20 Dichiarato urgente

03.02.21 Rifiuto da parte del Consiglio di Governo

Il Consiglio di governo chiede di rifiutare, poiché considera sufficienti gli sforzi della Svizzera e non vede la necessità di un’azione da parte del Cantone.

Decisione del Consiglio di Governo.

15.03.21 Respinta in Gran Consiglio (70 sì, 81 no, 6 astensioni)

Registrazione dei voti.

Document

«Kaiseraugst (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Anfrage
Level: Municipality
Municipality: Kaiseraugst (AG)
Status: Rejected

Attendance

18.11.20: Richiesta al comune di Kaiseraugst (AG),

  • per dichiararsi pronto ad accogliere 4 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

14.12.20: Rifiuto del consiglio comunale.

“Il consiglio comunale respinge la richiesta […] di accogliere quattro rifugiati. Tuttavia, in caso di richiesta cantonale, il consiglio comunale è felice di prendere in considerazione l’accoglienza di altre quattro persone”.

Decisione del consiglio comunale del 14.12.20

I seguenti punti sono fatti a sostegno di ciò:

  • L’assegnazione dei rifugiati ai comuni è di competenza del governo federale e del cantone.
  • Il comune di Kaiseraugst si occupa già di un numero doppio di persone rispetto al fabbisogno cantonale (43 invece di 18,55 persone).
  • Il comune aveva la capacità di accogliere altre quattro persone. Esaminerebbe l’ammissione in caso di richiesta da parte del cantone.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Brittnau (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Brittnau (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Brittnau (AG),

  • per accettare di accogliere 3 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Lengnau (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Lengnau (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Lengnau (AG),

  • per accettare di accogliere 2 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Möhlin (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Möhlin (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Möhlin (AG),

  • per accettare di accogliere 8 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Hägglingen (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Hägglingen (AG)
Status: Rejected

Attendance

18.01.21: Richiesta al comune di Hägglingen (AG),

  • per accettare di accogliere 2 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

04.02.21: Rifiuto del consiglio comunale.

“Il comune di Hägglingen non è autorizzato né ha il diritto di accettare rifugiati aggiuntivi alla quota esistente al di fuori della procedura ordinaria di asilo.

Se il Consiglio federale dovesse prendere una decisione a favore del richiedente, il comune di Hägglingen adempirà ai compiti che gli sono stati assegnati nel sistema d’asilo”.

Decisione del consiglio comunale del 04.02.21

Nel suo rifiuto, il comune fa riferimento alle responsabilità del governo federale e del cantone. I costi sostenuti dal comune, che sono “non valutabili”, parlano anche per il consiglio comunale contro l’accettazione volontaria dei rifugiati di Moria.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Neuenhof (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Neuenhof (AG)
Status: Rejected

Attendance

25.11.20: Richiesta al comune di Neuenhof (AG),

  • per accettare di accogliere 7 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite.

09.12.20: Rifiuto del consiglio comunale

Nella motivazione del rifiuto, il consiglio comunale fa riferimento alle responsabilità del governo federale e del cantone. Il comune di Neuenhof ha l’obbligo di accogliere 22 persone, ma attualmente si occupa già di 57 persone negli alloggi cantonali e di 30 persone negli alloggi propri del comune. Pertanto, sta già dando un contributo superiore alla media nel settore dell’asilo. In conclusione, il comune afferma:

“Non chiudiamo la mente all’accoglienza di altre persone nel cantone di Argovia. Tuttavia, secondo il consiglio comunale, l’accoglienza di ulteriori richiedenti l’asilo deve continuare ad essere effettuata tramite le strutture di accoglienza cantonali, poiché c’è un grande bisogno di sforzi di integrazione, soprattutto nel primo periodo dopo l’arrivo, che solo l’ufficio cantonale dell’asilo può fornire. Per i bisogni di cura e di sostegno necessari, i comuni non hanno le possibilità e le risorse necessarie”.

Estratto della risposta del consiglio comunale


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Ammerswil (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Ammerswil (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Ammerswil (AG),

  • per accettare di accogliere 1 rifugiato di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Tägerig (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag aus der Bevölkerung
Level: Municipality
Municipality: Tägerig (AG)
Status: Rejected

Attendance

28.11.20: Richiesta al comune di Tägerig (AG),

  • per accettare di accogliere 1 rifugiato di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

07.12.20: Rifiuto da parte del consiglio locale.

“Tenuto conto delle considerazioni, l’accoglienza supplementare di un rifugiato da parte del comune di Tägerig (affitto di locali adeguati) non può essere concessa”.

Decisione del consiglio comunale del 07.12.20

Il comune argomenta il rifiuto con il fatto che già si occupa di più persone di quelle che dovrebbe secondo la chiave cantonale. Inoltre, non ci sono né locali adatti né i mezzi finanziari disponibili per ospitare una persona in più.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Ennetbaden (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Ennetbaden (AG)
Status: Rejected

Attendance

Richiesta al comune di Ennetbaden (AG),

  • per accettare di accogliere tre rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

La richiesta è stata respinta.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Muri (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Muri (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Muri (AG),

  • per accettare di accogliere 6 rifugiati di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Rietheim (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Rietheim (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Rietheim (AG),

  • per accettare di accogliere 1 rifugiato di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Rekingen (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Rekingen (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Rekingen (AG),

  • per accettare di accogliere 1 rifugiato di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Leuggern (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Leuggern (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Leuggern (AG),

  • per accettare di accogliere 2 rifugiati da Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Koblenz (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Koblenz (AG)
Status: Pending

Attendance

Richiesta al comune di Koblenz (AG),

  • per accettare di accogliere 1 rifugiato di Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Gipf-Oberfrick (AG): accoglienza di rifugiati dal campo di Moria»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Gipf-Oberfrick (AG)
Status: Rejected

Attendance

02.01.21: Presentazione della petizione al consiglio comunale di Gipf-Oberfrick.

“I firmatari chiedono al consiglio comunale di informare il cantone che il comune è disposto ad accogliere tre […] rifugiati. Si aspettano che il consiglio comunale sia solidale in questa vicenda e che dia un riscontro alla sua decisione”.

Estratto della petizione al comune di Gipf-Oberfrick

13.01.21: Rifiuto da parte del consiglio comunale.

“Il consiglio comunale prende nota della petizione. In linea di principio, sostiene tutte le misure che alleviano la situazione dei rifugiati nei vari campi. Tuttavia, non è di sua competenza accogliere da sola i rifugiati e sostenerne i costi”.

Decisione del consiglio comunale del 13.01.21

Nella giustificazione, il consiglio comunale indica la competenza del governo federale. Inoltre, non poteva decidere l’ammissione di tre rifugiati senza il consenso dell’assemblea comunale, poiché ciò avrebbe causato costi annuali aggiuntivi di circa 100.000 franchi. Il comune è già coinvolto nella cura dei rifugiati oltre la quota richiesta.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Frick (AG): Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Frick (AG)
Status: Accepted

Attendance

Richiesta al comune di Frick,

  • di accettare 4 rifugiati da Moria;
  • di invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • coordinarsi con le città e i comuni del cantone di Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere i rifugiati.

26.04.21: Impegno del consiglio locale

Il consiglio comunale è pronto ad accogliere altri 4 rifugiati a Frick “a condizione che la Confederazione ascolti l’appello dell’Appello di Pasqua e faccia evacuare 5000 persone dai campi greci, 500 delle quali dovrebbero essere prese in carico dal cantone di Argovia”.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Eiken (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Eiken (AG)
Status: Rejected

Attendance

29.11.20: Richiesta al comune di Eiken di accogliere 2 rifugiati di Moria.

25.01.21: Rifiuto del consiglio comunale.

“Il consiglio comunale ha discusso la vostra lettera e deve dichiarare che il comune non può offrire spazio abitativo gratuito per altri rifugiati. Lo spazio esistente è già occupato. Il comune soddisfa il requisito di ammissione cantonale e quindi non ha bisogno di affittare ulteriori spazi abitativi per ospitare altre persone”.

Estratto della risposta del consiglio comunale di Eiken del 25.01.21

Risposta del consiglio comunale di Eiken


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Oberrohrdorf (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Oberrohrdorf (AG)
Status: Rejected

Attendance

03.12.20: Richiesta al comune di Oberrohrdorf di accogliere 3 rifugiati di Moria.

Rifiuto da parte del consiglio comunale:

“Il consiglio comunale è disposto ad accogliere anche in futuro i richiedenti asilo con lo status F, nella misura in cui le strutture di alloggio disponibili lo permettano. Nel fare ciò, si attiene, per quanto possibile, alle esigenze della Confederazione e del Cantone, ma non è attualmente in grado di accogliere altre persone per i motivi precedentemente considerati”.

Estratto della risposta del consiglio comunale

Risposta completa del consiglio comunale, pagina 1

Risposta completa del consiglio comunale, pagina 2


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Zofingen (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Interpellation
Level: Municipality
Municipality: Zofingen (AG)
Status: Pending

Attendance

19.10.20: Il PS chiede in un’interpellanza l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) campo di Moria a Lesbo.

“Il consiglio comunale di Zofingen è invitato a rispondere alle seguenti domande.

  • Il consiglio comunale è disposto ad accogliere 9 rifugiati di Moria? Se no, perché no?
  • Il consiglio comunale è pronto a chiedere al cantone e al governo federale di prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza dei rifugiati di Moria? Se no, perché no?
  • Il Comune è disposto a coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, così come con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative simili per accogliere le persone fuggite? Se no, perché no?”.

27/01/21: Il Consiglio Comunale rifiuta l’interpellanza.

Il Consiglio comunale respinge tutti e tre i punti dell’interpellanza per i seguenti motivi (risposte complete nel PDF qui sotto):

La responsabilità è del governo federale e non del cantone o della città di Zofingen. La città è già molto coinvolta in questo problema e attualmente si occupa di 20 persone in più di quanto dovrebbe secondo la chiave cantonale (65 invece di 45,17 persone). Pertanto, al momento non si dovrebbe fare alcuna ulteriore ammissione. Di conseguenza, la città non vuole rivolgersi al governo federale per chiedere possibilità di accoglienza in comune e non vuole nemmeno fare rete con altre città che sono disposte ad accogliere i rifugiati.

Risposta del Consiglio comunale di Zofingen all’interpellanza

Ordine del giorno della riunione del Consiglio dei residenti del 22 marzo 2021.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Porto sicuro Kriens – Accoglienza dei rifugiati»

Anfrage aus der Bevölkerung
Level: Municipality
Municipality: Kriens (LU)
Status: Accepted

Attendance

03.12.20: Inchiesta della popolazione via e-mail

Nella lettera di accompagnamento si discute la situazione dei campi alle frontiere esterne europee e le possibilità d’azione della Svizzera. Diverse città e comuni in Svizzera hanno già dichiarato pubblicamente la loro disponibilità ad accogliere più rifugiati: “Il dossier è una questione federale, ma abbiamo ancora bisogno di città coraggiose che esercitino pressione e segnalino al governo federale che una politica dei rifugiati umana è fattibile”. Come residente della città di Kriens, sarei molto felice se anche Kriens diventasse un rifugio sicuro e sostenesse questa causa”.

06.01.21: adozione del Consiglio Comunale

“Il Consiglio Comunale ha considerato la vostra lettera e la richiesta in essa contenuta nella riunione del Consiglio Comunale del 06 gennaio 2021. Il consiglio comunale sostiene l’appello al governo federale per consentire le ammissioni dirette da Moria ed esorta il governo federale ad avviare un dialogo con i comuni e le città per l’attuazione”.

Risposta della città di Kriens

Document

«Buchs (SG): Accoglienza dei rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Buchs (SG)
Status: Accepted

Attendance

31 marzo 2021 Accettato

Il consiglio comunale sottolinea il suo atteggiamento aperto e conferma la sua disponibilità a continuare ad accogliere ulteriori rifugiati oltre la chiave di distribuzione cantonale definita. Inoltre, il consiglio comunale di Buchs vuole comunicare la sua posizione al governo federale.

10 febbraio 2021 Consegna della petizione al consiglio comunale

A Buchs sono state raccolte 81 firme per una petizione all’attenzione del consiglio comunale. In esso, si chiede alla città di “dichiarare la sua volontà di accettare i rifugiati dalle isole greche, di comunicare pubblicamente questa decisione e di trasmetterla al Consiglio federale”.

Document

Press reports

Die Stadt Buchs soll ein Zeichen setzen gegen das Flüchtlingselend
Barbara Gähwiler hat der Stadt 81 Petitionsunterschriften überreicht. Gefordert wird die Aufnahme von Geflüchteten in den Lagern auf den griechischen Inseln.

«Buchs (SG): Accoglienza dei rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Buchs (SG)
Status: Pending

Attendance

10.02.21 Consegna della petizione al consiglio comunale

A Buchs sono state raccolte 81 firme per una petizione all’attenzione del consiglio comunale. In esso, si chiede alla città di “dichiarare la sua volontà di accettare i rifugiati dalle isole greche, di comunicare pubblicamente questa decisione e di trasmetterla al Consiglio federale”.

Document

Press reports

Die Stadt Buchs soll ein Zeichen setzen gegen das Flüchtlingselend
Barbara Gähwiler hat der Stadt 81 Petitionsunterschriften überreicht. Gefordert wird die Aufnahme von Geflüchteten in den Lagern auf den griechischen Inseln.

«Laufenburg: Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Antrag
Level: Municipality
Municipality: Laufenburg (AG)
Status: Accepted

Attendance

04.01.2021 Richiesta alla città di Laufenburg di accogliere 3 rifugiati da Moria.

13.01.2021 Il consiglio comunale di Laufenburg approva la seguente risoluzione positiva:

Il Comune di Laufenburg ringrazia IG Asyl Laufenburg e tutti i firmatari per le spiegazioni sulle condizioni devastanti in tutta Europa. Sulla base delle dichiarazioni dell’IG Asyl Laufenburg e del servizio sociale regionale Laufenburg, il consiglio comunale ha discusso l’argomento in dettaglio.

Il consiglio comunale di Laufenburg dichiara la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati. Il servizio sociale regionale di Laufenburg è incaricato di informare le autorità cantonali di questa decisione e di rappresentare la posizione del consiglio comunale di Laufenburg.

Il Comune di Laufenburg vorrebbe che l’IG Asyl Laufenburg contribuisse e sostenesse la cura e l’integrazione dei rifugiati. Sarebbe lieto di ricevere suggerimenti e offerte in questo settore da IG Asyl Laufenburg.

Risoluzione del Consiglio Comunale di Laufenburg, http://seebruecke.ch/wp-content/uploads/2021/02/Zusage-Laufenburg.pdf

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Petizione per l’accoglienza dei rifugiati dei campi delle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Turgi (AG)
Status: Rejected

Attendance

04.01.21 Rifiuto del consiglio comunale.

Petizione per l’accoglienza dei rifugiati dei campi delle isole greche.

Il 1° dicembre 2020 è stata presentata al consiglio comunale la petizione per l’impegno del nostro comune ad accogliere i rifugiati dei campi delle isole greche. La petizione è stata firmata da 4 residenti del comune di Turgi. La petizione critica la situazione nei campi delle isole greche. Secondo le informazioni contenute nella petizione, il Consiglio federale ha accolto 53 rifugiati minorenni provenienti dai campi che hanno già parenti in Svizzera. Circa 50’000 persone in Svizzera, le chiese nazionali e più di 130 organizzazioni sostengono l’appello pasquale della campagna di Amnesty International, Evacuate NOW e la Carta delle migrazioni, dicono i firmatari. Inoltre, le otto città più grandi della Svizzera hanno aderito all’appello. Chiede l’accoglienza dei rifugiati da parte delle autorità federali.

In particolare, la petizione presentata al consiglio comunale chiede che il consiglio comunale accetti di accogliere i rifugiati delle isole greche e di comunicare pubblicamente questa decisione e di trasmetterla al Consiglio federale.

Il Consiglio comunale ha esaminato la petizione nella riunione del 14 dicembre 2020 e ha deciso di non dare seguito alle richieste della petizione. Il governo federale è responsabile dell’accoglienza dei rifugiati / richiedenti asilo provenienti dall’estero. In linea di principio, il comune non può accettare direttamente persone provenienti dall’estero. Il Comune è responsabile dell’accoglienza dei rifugiati / richiedenti l’asilo che gli vengono assegnati dal Cantone e provvede al loro alloggio e alla loro integrazione.

Secondo la quota di accoglienza prescritta dal cantone di Argovia, il comune di Turgi deve fornire un alloggio per 9 persone. Turgi sta già superando questo obbligo con un totale di 19 persone. Tuttavia, l’opinione dei firmatari sulle condizioni precarie dei campi è condivisa dal consiglio comunale. Tuttavia, il Consiglio comunale è anche convinto che il Consiglio federale prenderà decisioni prudenti al riguardo e lo sostiene nello svolgimento dei suoi compiti a livello comunale”.

Comunale Notizie Turgi del 04.01.21


01.12.20 Presentazione della petizione nel comune di Turgi

Press reports

Gemeinderat reagiert auf Petition: Turgi will keine Flüchtlinge aus Moria
Baden hingegen ist gewillt, 14 Personen aus griechischen Lagern aufzunehmen, sofern die rechtlichen Voraussetzungen geschaffen werden.

«Chiamata alla comunità di Saignelégier: Prendere i rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Saignelégier (JU)
Status: Accepted

Attendance

Il consiglio comunale di Saignelégier accetta la petizione di accogliere i rifugiati direttamente dalle isole greche e di segnalarlo al Consiglio federale.


La petizione segue l’appello del Forum dei cittadini europei EBF:

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.

Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Bienne: Le città hanno dato un segno di solidarietà – l’ammissione diretta dei rifugiati ora!»

Postulat 20160212
Level: Municipality
Municipality: Biel (BE)
Status: Accepted

Attendance

23.02.17: la voce 1 del postulato è dichiarata significativa e cancellata in quanto soddisfatta, la voce 2 è dichiarata significativa.

https://www.biel-bienne.ch/public/upload/assets/3959/03a_vom_23._Februar_2017_GV1.pdf

Press reports

Bieler Hilfsorganisation in Not Ein paar Bieler Freunde gründeten letzten Herbst die Organisation «Stand up for Refugees». Nach einem Aufruf über Facebook unterstützten sie innert kürzester Zeit tausende Helfer aus der ganzen Schweiz. Jetzt ist die Organisation selber in Gefahr: Weil sie keinen Ersatz für ihr Lager in Biel findet.

Städte setzen ein solidarisches Zeichen – Direktaufnahme von Geflüchteten, jetzt! Parlamentarier_innen aus Thun, Bern, Köniz und Burgdorf verlangen in einem überparteilichen und städteübergreifenden Vorstoss von ihren Regierungen, ihren Handlungsspielraum auszuschöpfen: Sie fordern die Direktaufnahme von Geflüchteten und die Erhöhung des Aufnahmekontingents!

«Wohlen (AG): Accogliere i rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Wohlen (AG)
Status: Rejected

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consigliere comunale Wohlen è richiesto

  • per accogliere i rifugiati di Moria;
  • di chiedere al Cantone e alla Confederazione di adottare le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che adottano iniziative analoghe per l’accoglienza dei rifugiati”.

Il postulato è stato respinto nell’ottobre 2020.

“Quattro politici del CVP hanno preteso 50.000 franchi di donazioni dal comune. Il PS e i Verdi, d’altra parte, hanno chiesto che Wohlen faccia pressione sul governo federale e sul cantone per accogliere presto dodici rifugiati di Moria nel villaggio. Breve e dolce: Entrambe le richieste sono state respinte. Entrambe le volte, il consigliere comunale Paul Huwiler ha potuto chiarire che l’aiuto umanitario è un obbligo del governo federale.

“Naturalmente prendiamo ogni contingente che ci viene assegnato dal governo federale e dal cantone. Attualmente abbiamo ancora più rifugiati a Wohlen di quanti ne dovremmo avere”, ha detto Huwiler. I 50.000 franchi sono stati respinti con 15 sì contro 20 no e 2 astensioni. I dodici rifugiati sono stati respinti con 11 voti a favore, 23 contrari e 4 astensioni. Anche 10’000 franchi, richiesti più tardi nel dibattito sul bilancio per i rifugiati, sono stati chiaramente respinti dal consiglio”.

Aargauer Zeitung del 12.10.20

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Gemeinde Wohlen wird Flüchtlingen in Moria nicht helfen
Der Einwohnerrat Wohlen hat zwei Vorstösse für Moria abgelehnt. Den Finanzplan haben die Räte jedoch ohne grössere Diskussionen zur Kenntnis genommen. Und am Budget haben sie erstaunlich wenig gestrichen.

«Winterthur accetta di accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Winterthur (ZH)
Status: Accepted

Attendance

Winterthur a settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Winterthur ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. Nicolas Galladé, consigliere comunale di Winterthur, sottolinea che non è questo il momento di dare la colpa. La Confederazione deve agire ora. Insieme ad altre nove città svizzere, Winterthur farà pressione sulla Confederazione per far sì che un numero maggiore di persone possa essere alloggiato in Svizzera.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’accoglienza diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione avvalersi finalmente di questa offerta.

Document

Press reports

Asylpolitik in Winterthur: Bund blockiert Städte bei der Aufnahme von Geflüchteten
Im Juni hat sich Winterthur mit sieben weiteren Schweizer Städten dazu bereit erklärt, mehr Flüchtlinge direkt aus griechischen Camps aufzunehmen. Der Bundesrat habe dieses Angebot «klar abgelehnt».

Winterthur und St.Gallen unterstützen Forderungen der Stadt Zürich
Die Schweiz soll den Flüchtlingen der griechischen Insel Lesbos helfen. Der Stadtrat Zürich hat in einer Mitteilung gefordert, dass der Bund den Weg zur Aufnahme von Flüchtlingen freimacht, die Städte St.Gallen und Winterthur unterstützten die Forderung.

Mitte-Links-Allianz fordert: Winterthur soll Flüchtlinge aus Moria aufnehmen
Der Stadtrat soll sich “aktiv einsetzen” rasch Flüchtlinge aus Lesbos aufzunehmen, fordert eine Mehrheit im Gemeinderat, von AL bis GLP.

«Windisch (AG): accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Windisch (AG)
Status: Accepted

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consiglio comunale di Windisch è richiesto

  • per accogliere i rifugiati di Moria;
  • di invitare il Cantone e la Confederazione a prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che adottano iniziative analoghe per l’accoglienza dei rifugiati”.

Il postulato è stato valutato come urgente il 21 ottobre 2020 e accettato.

“Il Consiglio Comunale accetta questo postulato per le seguenti considerazioni: In linea di principio, il governo federale è responsabile dell’accettazione dei rifugiati. Il comune di Windisch non può influenzare il numero di rifugiati di altri paesi che vengono accettati. Per questo motivo, il consiglio comunale è in realtà il mittente sbagliato per questa richiesta. Tuttavia, il consiglio comunale vede la necessità e il dovere che la Svizzera ha di contribuire alla soluzione del problema, anche se deve essere risolto a livello internazionale. Per questo motivo, è disposta ad accettare la richiesta e ad adottare la posizione appropriata nei confronti della Confederazione e del Cantone.

Risoluzione del consiglio comunale del 21.10.2020, https://www.windisch.ch/public/upload/assets/1855/2020-10-21.pdf

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Zentrumsgemeinden wollen 15 Flüchtlinge aus Moria aufnehmen
Der Stadtrat Brugg beantragt im Einwohnerrat am Freitag, den Vorstoss aus dem linken Lager entgegenzunehmen. Die Nachbargemeinde Windisch hat diesbezüglich bereits gehandelt.

«Wettingen (AG): Accogliere i rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Wettingen (AG)
Status: Rejected

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consigliere Wettingen è richiesto

  • per accogliere i 15 rifugiati di Moria;
  • di chiedere al Cantone e alla Confederazione di adottare le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che adottano iniziative analoghe per l’accoglienza dei rifugiati”.

12.01.21 Rifiuto da parte del consiglio comunale

“È una richiesta moralmente molto comprensibile”, scrive il consiglio comunale nella sua proposta al consiglio dei residenti. Tuttavia, la responsabilità di accogliere i rifugiati spetta al governo federale, mentre il cantone è responsabile della concessione dei permessi di soggiorno. Da solo, il comune non può accogliere persone.

“È estremamente improbabile che il comune di Wettingen possa accogliere 15 rifugiati dal campo profughi in questione senza l’approvazione del governo federale e del cantone”, ha detto. Allo stesso tempo, l’impatto finanziario di un’ammissione volontaria non è valutabile. Se e come questi importi presumibilmente elevati siano coperti dal cantone rimane aperto. Per queste ragioni il postulato dovrebbe essere respinto.

Badener Tagblatt del 12.01.21

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Mia Gujer (SP) blitzt ab: Gemeinderat lehnt die Aufnahme von Flüchtlingen aus Moria ab
Die Wettinger Exekutive will keinen Alleingang riskieren und empfiehlt ein SP-Postulat von Mia Gujer zur Ablehnung. Anders sieht die Lage in Baden aus.

«Weinfelden chiede più persone bisognose»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Weinfelden (TG)
Status: Rejected

Attendance

17 giugno 2021 Presentazione dell’interpellanza

Dopo il rifiuto della petizione dell’ottobre 2020, il SP Weinfelden chiede con la sua mozione di rispondere alle seguenti domande:

  1. La città di Weinfelden è disposta a segnalare al governo federale l’accoglienza di rifugiati (soprattutto di minori non accompagnati richiedenti asilo)?
  2. Se c’è un testamento: Quali infrastrutture mancano per un’ammissione?
  3. In quanto tempo possono essere costruiti?

Il SP Weinfelden lo chiede al consiglio comunale, poiché il conto 5730 Asilo nel 2019 aveva un’eccedenza di oltre 360’000 franchi. Nel 2020 è rimasta un’eccedenza di 330.000 franchi. È chiaro che il conto 5730 è stato positivo per anni.

25 novembre 2020 Rifiuto

Nella risposta alla petizione, il consiglio comunale scrive che la città di Weinfelden è naturalmente pronta ad accogliere i rifugiati che vengono assegnati dal governo federale o dal cantone. Tuttavia, accogliere queste persone non è sufficiente; i rifugiati devono anche essere assistiti in un modo adeguato. Weinfelden non ha le risorse di spazio e di personale necessarie, e queste dovrebbero prima essere costruite.

21 ottobre 2020 Presentazione

La Svizzera accoglie solo 53 persone bisognose. Questo non basta e Weinfelden vuole cambiare le cose. L’eco di Evacuate NOW riecheggia non solo nelle grandi città, ma anche fino a Weinfelden. È stata presentata una petizione per chiedere l’ammissione dei rifugiati delle isole dell’Egeo e per esercitare pressioni sul Consiglio federale. I membri del consiglio direttivo del PS Dana Wassmann e Xenja Magri hanno raccolto 107 voti a sostegno delle loro richieste. C’è molto di più dietro la petizione. Le due donne chiedono e criticano in modo costruttivo, proponendo piani di alloggio e di cura per le persone che possono essere ospitate.

Document

Press reports

In ottobre, il PS della città di Weinfelden ha presentato una petizione al consiglio comunale chiedendo l’ammissione supplementare di rifugiati dalle isole greche. Il consiglio comunale ha ora risposto alla richiesta.

Einsatz für Flüchtlinge auch in Weinfelden Die SP Weinfelden hat dem Stadtrat eine Petition überreicht. Sie fordert die Aufnahme von Geflüchteten von den Ägäis-Inseln in der Stadt selbst sowie Druck auszuüben auf den Bundesrat.

Stadtrat appelliert an Bundesrätin Keller-Sutter Petitionäre fordern die Aufnahme von Flüchtlingen in Kreuzlingen. Rechtlich sind dem Stadtrat die Hände gebunden. Er wendet sich deshalb an Bundesrätin Karin Keller-Sutter und verlangt ein grösseres Engagement der Schweiz bei der Bewältigung dieser humanitären Krise.

«Avanzamento per l’accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Vorstoss
Level: Municipality
Municipality: Neuchâtel (NE)
Status: Accepted

Attendance

Mercoledì 30 settembre 2020 il Gran Consiglio di Neuchâtel ha adottato a stragrande maggioranza (96 voti a favore, 3 contrari e 6 astensioni) una risoluzione urgente che chiede al Consiglio federale di ammettere un maggior numero di persone del campo di Moria a Lesbo.

A Neuchâtel, è stata una coalizione di centro-destra e di sinistra a portare la questione davanti al Consiglio generale, che ha appoggiato quasi all’unanimità un testo che chiedeva l’ammissione di una cinquantina di rifugiati. La decisione sul numero di rifugiati che possono essere accolti dalla Svizzera è di competenza della Confederazione, ma può essere utile per la Confederazione sapere che le autorità sul posto sono pronte a lavorare per accogliere le vittime di questa tragedia umanitaria.

“La nostra città multiculturale ha una bella tradizione di solidarietà con i rifugiati. Sia attraverso il lavoro dei servizi della città, sia attraverso le comunità religiose e la loro mutua assistenza, sia attraverso le numerose associazioni che operano nel campo dell’integrazione. Ancora una volta abbiamo l’opportunità di essere all’altezza di questa tradizione.
Pertanto, vorremmo porre all’amministrazione comunale la seguente domanda:

Il Comune è disposto ad aderire all’appello delle città svizzere e ad informare per iscritto la Confederazione di essere pronto ad accogliere le vittime, soprattutto le famiglie e i minori non accompagnati fuggiti, della tragedia umanitaria rappresentata dall’incendio in Moravia?”.

Press reports

Le Grand Conseil veut aider les réfugiés de Moria

Mercredi, les députés neuchâtelois se sont prononcés en faveur d’une aide envers les réfugiés du camp grec de Moria, qui a été ravagé par les flammes.

Neuchâtel demande à Berne d’accueillir plus de réfugiés de Moria

Le canton de Neuchâtel demande à Berne d’accueillir plus de personnes réfugiées en provenance du camp de Moria sur l’île de Lesbos, qui a brûlé dans la nuit du 8 au 9 septembre.

«Vernier sostiene l’appello di Evacuare Ora»

Appell
Level: Municipality
Municipality: Vernier (GE)
Status: Accepted

Attendance

L’appello chiede al Consiglio federale e al Parlamento di portare in Svizzera il maggior numero possibile di rifugiati dall’Egeo. In quanto Stato di Dublino, la Svizzera è in parte responsabile della catastrofe umanitaria nelle isole greche. Ha le capacità e i mezzi finanziari necessari per contribuire in modo sostanziale all’evacuazione. In vista dei progressi della pandemia di Corona, il tempo stringe.

«Sostegno e accoglienza dei rifugiati del campo bruciato di Moria»

Interpellation
Level: Municipality
Municipality: Wil (SG)
Status: Accepted

Attendance

L’interpellanza urgente della fazione SP richiede l’ammissione dei rifugiati del campo bruciato di Moria:

Interpellanza

Accettazione dell’interpellanza il 05.11.2020

Il consiglio comunale parla di 10’000 franchi a sostegno dei fuggitivi e segnala al governo di San Gallo che la città di Wil è pronta ad accogliere i rifugiati.

Risposta del consiglio comunale

Press reports

SP fordert, Wil soll Flüchtlinge aus Moria aufnehmen: «Vor unseren Augen spielt sich eine humanitäre Katastrophe ab» Nach dem Brand im Flüchtlingslager Moria auf der griechischen Insel Lesbos haben verschiedene Schweizer Städte angeboten, Flüchtlinge aufzunehmen. Geht es nach der SP, soll Wil diesem Beispiel folgen.

«Thun: Le città inviano un segnale di solidarietà – Ammissione diretta dei rifugiati ora!»

Postulat P 6/2016
Level: Municipality
Municipality: Thun (BE)
Status: Rejected

Attendance

17.11.16: Rifiuto da parte del consiglio comunale e della città
03.06.2016: Ingresso

http://www.thun.ch/fileadmin/behoerden/stadtrat/media/pdf/Protokoll_09_vom_17._November_2016.pdf

Press reports

Städte setzen ein solidarisches Zeichen – Direktaufnahme von Geflüchteten, jetzt! Parlamentarier_innen aus Thun, Bern, Köniz und Burgdorf verlangen in einem überparteilichen und städteübergreifenden Vorstoss von ihren Regierungen, ihren Handlungsspielraum auszuschöpfen: Sie fordern die Direktaufnahme von Geflüchteten und die Erhöhung des Aufnahmekontingents!

 

«Smettila di morire sul Mediterraneo!»

Motion 19.3479
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Rejected

Attendance

09.05.19: Presentazione della mozione

“Il Consiglio federale è incaricato di prendere urgentemente le misure necessarie per garantire il salvataggio delle persone in difficoltà nel Mediterraneo e il rispetto dei diritti dell’uomo.

In particolare, la Svizzera:

1 partecipare alla creazione di un sistema civile di salvataggio in mare organizzato e finanziato dall’Europa
2 sostenere un meccanismo di distribuzione per le persone salvate dalle difficoltà, basato su principi umanitari e costituzionali;
3 fornire un sostegno adeguato alle comunità che accettano di accogliere i rifugiati in barca;
4 lavorare per l’immediato rilascio di tutte le persone detenute che cercano protezione in Libia e sostenere la loro accoglienza attraverso il Programma di reinsediamento delle Nazioni Unite.”

https://www.parlament.ch/DE/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20193479

21.08.19: Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.

“1 Le questioni relative alla creazione di un sistema di salvataggio e al proseguimento delle operazioni esistenti sono attualmente oggetto di un dibattito controverso tra gli Stati europei. La missione dell’UE per il salvataggio in mare dei migranti e per la lotta alle reti di trafficanti nel Mediterraneo (Eunavfor Med Sophia) prosegue senza una componente navale dal marzo 2019. Nelle discussioni a livello europeo, la Svizzera si impegna a rispettare i diritti dell’uomo, la Convenzione di Ginevra sui rifugiati e il principio di non respingimento.
2 Da diversi anni sono in corso discussioni a livello europeo sulla riforma del sistema di Dublino e sull’introduzione di un meccanismo di distribuzione per i migranti. La riforma sta facendo pochi progressi perché vari Stati membri dell’UE rifiutano un meccanismo di distribuzione. Nel gennaio 2019 la Commissione Europea ha presentato una proposta che prevede un “accordo temporaneo”. Questo servirà come soluzione ponte fino all’entrata in vigore del nuovo sistema di Dublino. Ad oggi, tuttavia, l’UE non ha ancora deciso sull’attuazione concreta di questa proposta. La Svizzera è del parere che una tale soluzione transitoria non sarà in grado di colmare le lacune del sistema esistente e potrebbe, nella migliore delle ipotesi, ritardare la ricerca di una soluzione strutturale a livello europeo. Per questo motivo, continua a sostenere una migliore distribuzione delle responsabilità tra gli Stati a livello europeo e la ricerca di soluzioni durature all’attuale situazione migratoria.
La Svizzera accoglie i rifugiati su base volontaria: in base all’articolo 56 della legge sull’asilo (AsylA, RS 142.31), la Svizzera concede l’asilo a persone particolarmente vulnerabili nell’ambito del programma di reinsediamento dell’ACNUR. Il Consiglio federale ha assegnato un contingente di 800 persone per il 2019. La ripartizione dei rifugiati di reinsediamento tra i Comuni è di competenza dei Cantoni. Per ogni rifugiato la Confederazione versa ai Cantoni una somma forfettaria globale. Conformemente al regolamento entrato in vigore il 1° marzo 2019 (art. 88 cpv. 3bis della legge sull’asilo e art. 24a cpv. 1 dell’ordinanza 2 sul finanziamento, ordinanza 2 sull’asilo; RS 142.312), la Confederazione pagherà la somma forfettaria globale per i rifugiati (reinsediamento) per un nuovo periodo di sette anni. I Comuni che accolgono i rifugiati di reinsediamento sono quindi già indirettamente sostenuti dal versamento ai Cantoni delle somme forfettarie globali da parte della Confederazione. Anche i rifugiati di reinsediamento, come tutti gli altri rifugiati riconosciuti e le persone ammesse temporaneamente, beneficeranno della modifica dell’ordinanza entrata in vigore il 1° maggio 2019, che aumenta l’indennità di integrazione. Nell’ambito dell’agenda dell’integrazione, a cui sono destinati questi fondi, sono previste la gestione dei singoli casi e l’aumento delle misure di integrazione. I Cantoni sono responsabili dell’attuazione in collaborazione con i Comuni.
4 Il Consiglio federale è profondamente preoccupato per la situazione dei migranti detenuti nei pressi delle zone di combattimento. Sostiene le attività umanitarie delle organizzazioni internazionali e delle agenzie di soccorso per alleviare le sofferenze nei centri di detenzione. Si compiace del fatto che l’UNHCR faccia regolarmente evacuare i rifugiati particolarmente vulnerabili da questi centri di detenzione e recentemente ha risposto a un appello urgente di questa organizzazione con un contributo di 500.000 franchi. La Svizzera finanzia inoltre un progetto dell’OIM per la protezione e l’assistenza medica dei migranti detenuti.
In seguito a un appello urgente dell’ACNUR nell’aprile 2019, la Svizzera ha messo a disposizione per l’evacuazione dalla Libia fino a 50 posti nell’attuale programma di reinsediamento. Attualmente, in collaborazione con l’UNHCR, si stanno esaminando diverse opzioni per l’attuazione di queste evacuazioni.”

https://www.parlament.ch/DE/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20193479

06.01.20: 25.000 firme della petizione “Stop Dying in the Mediterranean” vengono consegnate dalla Solinetze a sostegno della petizione

https://beobachtungsstelle.ch/news/sterben-auf-dem-mittelmeer-stoppen-petitionsuebergabe/

09.12.20: Rifiuto del Consiglio nazionale

Press reports

Das Sterben auf dem Mittelmeer stoppen! Am 7. Januar haben Vertreter*innen von Solinetzte.ch und dem Netzwerk migrationscharta.ch die Petition „Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!“ bei der Bundeskanzlei in Bern abgegeben.

Sterben auf dem Mittelmeer stoppen – Petitionsübergabe Fast 25’000 Personen unterschrieben die Petition, die gestern der Bundeskanzlei in Bern überreicht wurde.

Sterben auf dem Mittelmeer stoppen! In der heutigen Infosendung sprechen wir über Motion und Petition «Sterben auf dem Mittelmeer stoppen!» und mit einer Wassersommelière über ihren Beruf.

Petition für die Seenotrettung

«Iniziativa professionale del Cantone di Lucerna per l’accoglienza dei rifugiati»

Dringliche Motion M 216
Level: Canton
Canton: LU
Status: Rejected

Attendance

14.09.20: Rifiuto nel consiglio cantonale

22.06.20: Consultazione nel consiglio cantonale

02.06.20: Dichiarazione del Consiglio di governo

18.05.20: Iscrizione dell’anticipo nel consiglio cantonale

https://www.lu.ch/kr/mitglieder_und_organe/mitglieder/mitglieder_detail/Geschaeft_Detail?ges=bad6c6938dd64952a14ec9017a0a6c55


Il Cantone di Lucerna respinge l’iniziativa professionale di accettare persone guidate dalla consigliera cantonale del PS Sara Muff. Già a maggio ha chiesto che Lucerna facesse pressione sul governo federale affinché accogliesse i rifugiati delle isole greche. La consigliera cantonale Sara Muff ha espresso il suo disappunto per il voto di oggi: “Il Consiglio cantonale di Lucerna ha deciso oggi di non agire. E’ quindi in parte colpa della situazione di Lesbo. Finché i politici* fanno solo ciò che non possono rimuovere dalla loro area di responsabilità, i morenti continuano a morire alle frontiere esterne europee”.

“Difficilmente possiamo credere a questa decisione a meno di una settimana dal devastante incendio di Moria. È assolutamente incomprensibile che il Cantone non sia disposto a chiedere alla Confederazione di accettarli in questa situazione di emergenza. Potrebbe così spianare la strada alle nove città che sono pronte ad accogliere i rifugiati, tra cui la città di Lucerna”, dice Anne Noack di SEEBRÜCKE Schweiz. Mercoledì scorso, il campo profughi Moria sull’isola greca di Lesbo è stato raso al suolo. Da allora, quasi 13.000 persone sono rimaste senza casa e hanno a malapena provveduto alle strade dell’isola. L’unica soluzione accettabile a questo disastro umanitario è l’immediata evacuazione di tutti i rifugiati dall’isola.

In Svizzera, le nove città di Berna, Basilea, Zurigo, Winterthur, San Gallo, Lucerna, Ginevra, Losanna e Delemont hanno espresso ancora una volta chiaramente la loro volontà di accogliere i rifugiati negli ultimi giorni.
Il consigliere federale Keller-Sutter ha tuttavia sostenuto che non esisteva una base giuridica per l’ammissione. Il gruppo AsyLex scrive che ciò non è corretto: “La legge svizzera stabilisce esplicitamente che i fuggitivi possono essere ammessi in Svizzera per “motivi umanitari”. Sia il diritto d’ingresso svizzero che il diritto europeo di Dublino stabiliscono che i fuggitivi possono entrare in Svizzera per “motivi umanitari” ed essere inclusi nella procedura d’asilo locale.

In Svizzera, le nove città di Berna, Basilea, Zurigo, Winterthur, San Gallo, Lucerna, Ginevra, Losanna e Delemont hanno espresso ancora una volta chiaramente la loro volontà di accogliere i nuovi membri nei giorni scorsi.

Sono stati adottati programmi di reinsediamento di competenza, ad esempio alcuni anni fa per l’ingresso di rifugiati siriani dall’estero. Le ragioni umanitarie sono ancora chiaramente indicate alla luce della devastante situazione attuale dei rifugiati di Lesbo e della pandemia di Covid-19″.

Insieme ad altre 130 organizzazioni dell’Alleanza Evacuate Now e a migliaia di persone che negli ultimi giorni hanno espresso il loro sostegno in occasione di numerose manifestazioni, SEASURE BRIDGE Svizzera chiede l’immediata evacuazione dei rifugiati dall’isola di Lesbo e l’approvazione del Consiglio federale ad accoglierli nelle città svizzere.

Press reports

Kanton Luzern setzt sich nicht ein Der Kanton Luzern lehnt die Standesinitiative zur Aufnahme von Menschen auf der Flucht von SP-Kantonsrätin Sara Muff ab. Sie forderte bereits im Mai, dass sich Luzern beim Bund für die Aufnahme Geflüchteter von den griechischen Inseln einsetzen soll.

Kanton Luzern verzichtet auf Standesinitiative zur Aufnahme von Flüchtlingen Trotz Aktualität aus dem griechischen Flüchtlingscamp Moria auf Lesbos: Das Luzerner Kantonsparlament verzichtet darauf, den Bund zur Aufnahme von Flüchtlingen zu drängen. Eine Standesinitiative sei das falsche Instrument, so die Mehrheit.

Besonderer Empfang für Luzerner Kantonsrat Der Kantonsrat trifft sich diesen Montag in der Messe zur Mai-Session. Vor dem Beginn haben Aktivistinnen und Jungpolitiker mit einer Kundgebung auf ihre Forderungen aufmerksam gemacht. «Wir fordern sofortiges Handeln!»: Juso will den Kantonsrat auf die Situation von Flüchtlingen aufmerksam machen Die Juso Stadt Luzern will mit einer Aktion auf die aktuellen Bedingungen in den Flüchtlingscamps in Griechenland aufmerksam machen. Ausserdem wurde in der ausserordentlichen Session des Kantonsrats über die Dringlichkeit einer Motion der SP-Kantonsrätin abgestimmt, welche den Bund zum Handeln auffordert. Flüchtlingshilfe Griechenland Verschiedene Organisationen in der Schweiz versuchen seit Wochen zu erreichen, dass man das Lager Moria auf Lesbos evakuiert und Flüchtlinge hier aufnimmt. Eine Forderung, die jetzt auch in Luzern zum Thema wird. Lancierung Petition: Evakuierung Moria Am 11. Mai lancierte JUSO Stadt Luzern, zusammen mit Seebrücke Luzern, eine Petition, welche die Luzerner Kantonsregierung auffordert, sich beim Bund u.a. für die sofortige Evakuierung vom Flüchtlingscamp Moria in Griechenland stark zu machen. Gleichzeitig soll Bereitschaft signalisiert werden geflüchtete Menschen, auch im Kanton Luzern aufzunehmen.

SP-Kantonsrätin verlangt von der Luzerner Regierung Soforthilfe für Flüchtlinge In einer dringlichen Motion fordert Sara Muff, dass der Regierungsrat beim Bund eine entsprechende Standesinitiatve einreicht.

Muff fordert, dass die Schweiz handelt Sara Muff, Kantonsrätin SP, reichte eine dringliche Motion zur aktuellen Flüchtlingssituation ein.

Rund 300 Demonstranten zogen durch die Stadt Luzern Rund 300 Menschen haben am Mittwochabend an einer Spontandemo in der Stadt Luzern teilgenommen. Die Demonstranten kritisierten den Umgang mit den Geflüchteten an der Türkisch-/Griechischen Grenze. Eine Luzerner SP-Kantonsrätin reichte zur Situation am Mittelmeer eine dringliche Motion ein.

«Le città inviano un segnale di solidarietà – Ammissione diretta dei rifugiati ora!»

Postulat / SRB: 2016-56
Level: Municipality
Municipality: Burgdorf (BE)
Status: Accepted

Attendance

20.06.2016 Presentazione del postulato da parte di SP, Verdi e EVP: Le città danno un segno di solidarietà – Ammissione diretta dei rifugiati ora!

“Mozione:

  • Si chiede al consiglio comunale di esaminare, secondo l’approccio della città di Zurigo, di aumentare la quota di ammissione dei rifugiati e almeno nell’ordine dello 0,25 per cento della popolazione residente.
  • Si chiede al Consiglio Comunale di prendere in considerazione l’accoglienza degli sfollati direttamente dai campi per rifugiati, secondo l’approccio del Comune di Barcellona”.

Testo completo del postulato.


07.11.2016 Decisione: “Il Consiglio comunale approva all’unanimità il rinvio e la contemporanea cancellazione del postulato.”

“La città di Burgdorf ha affrontato il problema fin dall’inizio e piena di convinzione facciamo la nostra parte. Purtroppo, a Burgdorf, l’attenzione si concentra ancora solo sugli alloggi sotterranei. Questo non è l’ideale, ma tutti i nostri sforzi, soprattutto nell’area dell’AMP, per fornire alloggi in superficie sono falliti. Almeno si può affermare che molte più persone sono alloggiate a Burgdorf. Ci sono circa 300 persone e questo è molto più di quanto il cantone si aspetta da Burgdorf secondo la chiave. Le cifre sono dettagliate nella presentazione. La città di Burgdorf è anche un modello per la disponibilità ad accogliere le persone. La quota a Burgdorf è molto buona. Il postulato chiede anche che i rifugiati siano accettati direttamente e senza burocrazia. A questo punto, si fa riferimento alla risposta del GR a una proposta simile del gruppo SP. L’ammissione dei rifugiati in Svizzera è stata introdotta in un processo. Non ha senso che una città come Burgdorf vada da sola. È molto più importante assicurare una buona e regolare coesistenza sul terreno e fare la nostra parte”.

Estratto dalla risposta della presidente della città Elisabeth Zäch

https://www.burgdorf.ch/wAssets/docs/Politik/Stadtrat/Sitzungsprotokolle/2016/Protokoll-Stadtrat-vom-07.11.2016.pdf

Press reports

Städte setzen ein solidarisches Zeichen – Direktaufnahme von Geflüchteten, jetzt! Parlamentarier_innen aus Thun, Bern, Köniz und Burgdorf verlangen in einem überparteilichen und städteübergreifenden Vorstoss von ihren Regierungen, ihren Handlungsspielraum auszuschöpfen: Sie fordern die Direktaufnahme von Geflüchteten und die Erhöhung des Aufnahmekontingents!

«Città di rifugio, la solidarietà è necessaria»

Motion M-1191
Level: Municipality
Municipality: Genève (GE)
Status: Accepted

«Città di rifugio, la solidarietà è necessaria»

Motion M-1191
Level: Municipality
Municipality: Genève (GE)
Status: Accepted

«La città di Zurigo chiede una conferenza nazionale sull’ammissione diretta dei rifugiati»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Zürich (ZH)
Status: Accepted

Attendance

Zurigo a settembre 2020

Raphael Golta, il capo del Dipartimento sociale della città di Zurigo, chiede una conferenza sull’accoglienza diretta dei rifugiati.

In considerazione delle condizioni inimmaginabili in cui vivono circa 12.500 rifugiati dopo l’incendio del campo profughi di Moria sull’isola di Lesbo, la città di Zurigo chiede alla Confederazione di convocare senza indugio una conferenza nazionale sull’accoglienza diretta dei rifugiati.

Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione approfittare finalmente di questa offerta.

Press reports

Die Schweiz will zwanzig Minderjährige aus Moria aufnehmen. Die Städte sind zu mehr bereit, doch der Bund blockt. «Beschämend» findet das die Kirche
Eigentlich wäre alles bereit: Zürich, die Kirchen, sie alle wollen Menschen aus dem niedergebrannten griechischen Flüchtlingslager Moria aufnehmen. Die Kritik am Bund wächst.

«Zürich könnte 800 Menschen aufnehmen»
Karin Keller-Sutter stellt sich taub, doch die Städte lassen sich nicht beirren: Sie machen weiter Druck für die sofortige Evakuierung von Geflüchteten aus Lesbos

Zürcher Stadtrat Raphael Golta «Wir sind bereit, uns zu engagieren»
Schweizer Städte sind bereit, Flüchtlinge aus dem abgebrannten Flüchtlingslager auf Moria aufzunehmen. Der Zürcher Stadtrat Raphael Golta sagt, der Bund müsse einen Schritt auf die Städte zugehen.

«La città di Lucerna conferma la volontà di accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Luzern (LU)
Status: Accepted

Attendance

Lucerna nel settembre 2020

In risposta all’incendio del campo profughi di Moria a Lesbo, il consigliere comunale Martin Merki ha rilasciato un comunicato stampa che conferma la volontà della città di Lucerna di accogliere più rifugiati di quanti il governo federale abbia effettivamente previsto.

Anche se la politica d’asilo svizzera è fondamentalmente di competenza della Confederazione, le città e i comuni sono tradizionalmente partner importanti – ad esempio nell’opera di integrazione vera e propria.

La Città di Lucerna sostiene la proposta della Città di Zurigo e invita la Confederazione a convocare immediatamente una conferenza nazionale e ad attuare concretamente l’accoglienza diretta dei rifugiati.

Press reports

Nach Brand in griechischem Flüchtlingslager: Luzern will Betroffene aufnehmen In der Nacht auf Mittwoch wurde das Flüchtlingslager in Moria Raub der Flammen. Angesicht der prekären Lage der auf der Insel Lesbos lebenden Flüchtlinge wollen mehrere Schweizer Städte konkrete Hilfe leisten.

 

«La città di Berna vuole accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Accepted

Attendance

Berna nel settembre 2020

In seguito all’incendio del campo profughi di Moria a Lesbo, il consiglio comunale della città di Berna chiede alle autorità federali di consentire l’ammissione diretta dei rifugiati. Allo stesso tempo si dichiara disponibile, come primo passo, a dare rifugio a Berna a un gruppo di venti persone di Moria.

Anche il sindaco della città, Alec von Graffenried, è del parere che si debba agire immediatamente. Lo ha twittato su Twitter in risposta alla pubblicazione del comunicato, che è stato indirizzato alle autorità federali.

Press reports

Stadt Bern will Flüchtende aus Moria aufnehmen

Nach dem verheerenden Brand im griechischen Flüchtlingslager Moria will die Stadt Bern sofort handeln: Der Gemeinderat will in einem ersten Schritt 20 Flüchtende aufnehmen.

Bern will 20 Flüchtlinge aus Moria aufnehmen
Mehrere Länder und Regionen wollen den Migranten aus dem abgebrannten Lager helfen. Nordrhein-Westfalen will 1000 Flüchtlinge aufnehmen, die Niederlande winken ab.

Wohin mit den Flüchtlingen aus Moria?
(Ab Minute 9) Moria, Symbol für Europas Versagen, gibt es nicht mehr. Nach einem zweiten Feuer im Migranten-Lager sind auch die letzten Unterkünfte auf der griechischen Insel Lesbos zerstört. 12’000 Menschen stehen vor dem Nichts – was soll mit ihnen geschehen?

«San Gallo si dichiara disposto ad accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: St. Gallen (SG)
Status: Accepted

Attendance

San Gallo nel settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, San Gallo ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. Sonja Lüthi, consigliere comunale di San Gallo, dichiara pubblicamente che è giunto il momento di agire e di agire. Insieme ad altre nove città svizzere, San Gallo eserciterà pressioni sulla Confederazione affinché un numero maggiore di persone possa essere ammesso in Svizzera.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’accoglienza diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono disposti ad accogliere persone provenienti da Moria. Spetta ora alla Confederazione avvalersi finalmente di questa offerta.

Document

Press reports

Brand in Moria: Ostschweiz soll Flüchtlinge aufnehmen

«Wir können die Augen vor dem Elend nicht verschliessen» Ein Kollektiv fordert mit Transparenten an leerstehenden Häusern in der Innenstadt die Aufnahme von Flüchtlingen aus dem abgebrannten Lager in Moria. Der St.Galler Stadtrat bekräftigt, man müsse aktiv werden. Dazu müsse aber eine gemeinsame Lösung mit Bund und Kantonen auf den Tisch. Winterthur und St.Gallen unterstützen Forderungen der Stadt Zürich Die Schweiz soll den Flüchtlingen der griechischen Insel Lesbos helfen. Der Stadtrat Zürich hat in einer Mitteilung gefordert, dass der Bund den Weg zur Aufnahme von Flüchtlingen freimacht, die Städte St.Gallen und Winterthur unterstützten die Forderung.

«Bülach: Aiuti d’emergenza per i rifugiati»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Bülach (ZH)
Status: Rejected

Attendance

17 dicembre 2020 Rifiuto

La mozione in Consiglio è stata sconfitta con un voto di 18 contro e 9 a favore, anche se il Consiglio Comunale aveva precedentemente accettato di ricevere il postulato. Si è fatto riferimento alla responsabilità nel caso di ammissioni dirette da parte del governo federale e del cantone. Invece, il Comune ha pagato 50.000 franchi per l’aiuto all’estero.

“Poiché il Consiglio federale si è finora astenuto da ammissioni dirette, spetta ai comuni sollecitarlo a cambiare direzione”, ha detto Dominik Berner (PS)

20 settembre 2020: Input
Postulato di Dominik Berner (PS) e dei cofirmatari:

“Il Consiglio comunale è invitato al Consiglio federale, come hanno già fatto altre città e comuni, a segnalare la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati direttamente dalle zone di confine siro-turche e turco-greche e a chiedere al Consiglio federale di consentire fin d’ora tali ammissioni dirette.

Il consiglio comunale è inoltre invitato a esaminare come l’ammissione diretta e l’alloggio dei rifugiati nel centro di asilo Müliweg possano essere resi possibili in un prossimo futuro, se l’ammissione diretta viene approvata dal governo federale.”

Press reports

Medienmitteilung der SP Bülach Gemeinderäte der SP und der  Grünen Bülach fordern den Stadtrat auf, sich für die Direktaufnahme von Flüchtlingen aus dem ägäischen Raum stark zu machen.

POSTULAT SOFORTHILFE FÜR FLÜCHTLINGE

Gemeinderäte und der SP Bülach und Grünen Bülach fordern den Stadtrat auf sich für die Direktaufnahme von Flüchtlingen aus dem Ägäischen Raum stark zu machen.

 

«Porto sicuro di Berna»

Dringliches Postulat 2020.SR.000344
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Pending

Attendance

05.05.2021 Il Consiglio parrocchiale ha raccomandato il postulato per l’approvazione.

Ingresso 05.11.2020.

“Il consiglio comunale è invitato ad esaminare la fattibilità delle seguenti misure che fanno di un comune un “porto sicuro

  1. Essere solidali con le persone in fuga,
  2. garantire l’accoglienza e la sistemazione rapida e semplice delle persone soccorse in mare, oltre al tasso di distribuzione per le persone in cerca di protezione,
  3. La città di Berna si impegna ad accogliere e ad accogliere direttamente le persone soccorse in mare, ad esempio da un’imbarcazione civile di salvataggio in mare, in modo simile a un programma di trasferimento. Questa accoglienza si aggiunge alla distribuzione dei richiedenti asilo. L’attuazione avviene d’intesa con il Dipartimento federale dell’interno e la Segreteria di Stato per la migrazione,
  4. di fare pressione sulla Confederazione per la creazione di nuovi programmi di accoglienza legale dei rifugiati o per l’ampliamento significativo di quelli esistenti e di offrire a tal fine ulteriori posti di accoglienza,
  5. garantire l’arrivo a lungo termine, fornendo tutte le risorse necessarie per un’assistenza adeguata, in particolare nei settori dell’alloggio, dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione
  6. prendere pubblicamente posizione contro la criminalizzazione del salvataggio in mare nel Mediterraneo e sostenere a livello politico un servizio statale di salvataggio in mare
  7. per sponsorizzare o partecipare alla sponsorizzazione e al sostegno finanziario di una nave civile di salvataggio in mare Sea-Eye
  8. impegnarsi attivamente a livello regionale, nazionale e transnazionale per attuare i punti precedenti,
  9. sostenere un’alleanza di tutti i “rifugi sicuri” in Europa per plasmare attivamente una politica europea sulle migrazioni che sia conforme ai diritti umani
  10. comunicare pubblicamente in modo tempestivo e continuo tutte le azioni intraprese da Berna per dimostrare che è un porto sicuro”.

    L’urgenza è stata respinta.

«Protezione e procedura di asilo dovuta per le persone del campo profughi distrutto»

Einfache Anfrage
Level: Municipality
Municipality: Gossau (SG)
Status: Rejected

Attendance

10. settembre 2020
Semplice richiesta di Monika Gähwiler-Brändle (SP)

“Il Consiglio comunale è disposto a intervenire anche presso il governo federale affinché i centri d’asilo federali e cantonali siano nuovamente utilizzati per offrire protezione ai rifugiati di Lesbo e delle altre isole greche in Svizzera, garantendo loro una procedura d’asilo adeguata?”

24. settembre 2020
Risposta del consiglio comunale

“A causa dell’attuale ripartizione delle competenze nelle procedure d’asilo tra Confederazione, Cantoni e Comuni, il Consiglio comunale ritiene più appropriato un approccio a livello cantonale. Se i Cantoni si esprimono a favore dell’accoglienza di persone provenienti dai campi profughi, ciò è più efficace che se le città e i comuni si esprimono a favore in casi isolati. Ciò è dovuto anche al fatto che la ripartizione delle persone nella procedura d’asilo viene effettuata dalla Confederazione attraverso i Cantoni e non direttamente ai Comuni.”

Press reports

«La città del santuario di Lucerna – la città di Lucerna come rifugio sicuro»

Postulat 228
Level: Municipality
Municipality: Luzern (LU)
Status: Accepted

«Sistema di asilo a quote»

Motion M 194
Level: Municipality
Municipality: Nidau (BE)
Status: Rejected

«Postulato su rifugi sicuri e vie di fuga»

Postulat P 137
Level: Canton
Canton: LU
Status: Rejected

Press reports

SP fordert Hilfe für Menschen in Seenot Politische Konflikte und kriegerische Auseinandersetzungen zwingen weltweit Millionen von Menschen auf die Flucht. Die Aussengrenzen der Europäischen Union sind ein Massengrab. Tausende Menschen sind beim Versuch, in Europa Schutz vor Verfolgung, Krieg und Elend zu finden, ums Leben gekommen. Im Jahr 2019 ertranken bereits über 1000 Menschen im Mittelmeer, wie aus Zahlen der UN hervorgeht. Die SP fordert nun von der Regierung zu überprüfen, wie der Kanton Luzern geflüchtete Menschen von den Schiffen im Mittelmeer aufnehmen kann, damit sie Zugang zu einem fairen Asylverfahren bekommen. Es sollen Kontingente dafür definiert werden, ähnlich wie dies bereits eine Reihe anderer europäischer Städte und Regionen getan haben.

Luzern will keine zusätzlichen Flüchtlinge Kantonsparlament will nichts wissen von freiwilliger Aufnahme. Der Kanton Luzern nimmt nicht mehr Flüchtlinge auf als vom Bund verlangt. Die Grünen und die SP hatten in zwei Vorstössen gefordert, dass Luzern zusätzliche Flüchtlinge aufnimmt, welche an europäischen Häfen ankommen. Das Kantonsparlament wollte davon aber nichts wissen.

Luzern soll keine zusätzlichen Flüchtlinge aufnehmen Der Luzerner Kantonsrat will nicht, dass der Kanton mehr Flüchtlinge aufnimmt, als der Bund ihm zuweist. Er begründet dies damit, dass die Asylpolitik Sache des Bundes sei und Luzern nicht die globalen Probleme lösen könne.

«Postulato sull’accoglienza dei rifugiati bloccati nei paesi europei»

Postulat P 163
Level: Canton
Canton: LU
Status: Rejected

Press reports

Postulat über die Aufnahme von Flüchtlingen, die in europäischen Ländern stranden Monique Frey und Mitunterzeichnende fordern den Regierungsrat mit einem Postulat auf, an europäischen Häfen ankommende Geflüchtete aufzunehmen und die vorhandenen Asylzentren nicht zu schliessen, sowie beim Bund darauf hinzuwirken, dass sich die Schweiz an einer europäischen Verteilquote beteiligt, und dem Bund ein Angebot zur Aufnahme eines Teils des schweizerischen Kontingents in Luzern zu machen. Luzern will keine zusätzlichen Flüchtlinge Kantonsparlament will nichts wissen von freiwilliger Aufnahme. Der Kanton Luzern nimmt nicht mehr Flüchtlinge auf als vom Bund verlangt. Die Grünen und die SP hatten in zwei Vorstössen gefordert, dass Luzern zusätzliche Flüchtlinge aufnimmt, welche an europäischen Häfen ankommen. Das Kantonsparlament wollte davon aber nichts wissen.

Luzern soll keine zusätzlichen Flüchtlinge aufnehmen Der Luzerner Kantonsrat will nicht, dass der Kanton mehr Flüchtlinge aufnimmt, als der Bund ihm zuweist. Er begründet dies damit, dass die Asylpolitik Sache des Bundes sei und Luzern nicht die globalen Probleme lösen könne.

«Thun: Postulato relativo alle città della solidarietà nella politica di asilo»

Postulat P 9/2020
Level: Municipality
Municipality: Thun (BE)
Status: Rejected

Attendance

Consiglio comunale del 12 novembre 2020, il consiglio ha respinto il postulato.

Ingresso 06 giugno 2020, urgenza respinta

Il consiglio comunale è invitato a prendere in considerazione i seguenti punti:

  • Come la città può utilizzare gli organi appropriati (ad esempio l’Associazione svizzera delle città, l’Iniziativa delle città per la politica sociale, i colloqui diretti, ecc.) per fare pressione sul governo federale affinché, oltre alle persone assegnate tramite quote, cerchi di accogliere altri rifugiati (dai campi sulle isole greche, dal salvataggio in mare nel Mediterraneo o tramite il programma di reinsediamento dell’ACNUR).
  • Attraverso quali piattaforme e media la domanda di cui al punto 1 – così come l’offerta di supporto nella sua realizzazione – può essere comunicata al pubblico per sensibilizzare ulteriormente i cittadini alla necessità di un’azione tempestiva.
  • Come Thun può posizionarsi e impegnarsi come “città della solidarietà” (per esempio, analogamente a Lucerna [1]). L’obiettivo è quello di diffondere un atteggiamento positivo e aperto verso le procedure di ammissione semplificate e l’eventuale ammissione diretta dei richiedenti asilo, come auspicato da varie città.

[1] www.solidaritycities.eu

Press reports

Scheindebatte oder Notwendigkeit?
Im Stadtrat gehen die Wellen in dieser Zeit hoch. In umstrittenen Themen wie der Asylpolitik sowie der möglichen Verstrickung von historischen Thuner Personen im transatlantischen Sklavenhandel treffen völlig unterschiedliche Meinungen aufeinander.

«Die Demo richtet sich direkt an den Gemeinderat»
Nach dem Grossbrand im Flüchtlingslager von Moria forderten Privatpersonen und mehrere Parteien die Stadt Thun dazu auf, sich gemeinsam mit anderen Schweizer Städten für die Direktaufnahme von Geflüchteten einzusetzen. Der Gemeinderat nahm schriftlich Stellung dazu – in den Augen der engagierten Thuner aber unzureichend. Nun gingen sie mit ihrem Anliegen auf die Strasse.

«Chiamata alla comunità di Teufen: Prendere i rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Teufen (AR)
Status: Accepted

Attendance

Presentazione della petizione al consiglio comunale di Teufen (AR) il 17 settembre 2020

Risposta positiva del consiglio comunale del 26 ottobre 2020:

“Il consiglio locale si è […] dichiarato pronto ad accogliere i rifugiati delle isole greche nell’ambito delle possibilità legali del comune, a comunicare pubblicamente questa decisione e a trasmetterla al Bundesrat.

Nella speranza di poter dare un piccolo contributo per migliorare la tragica situazione di vita dei rifugiati con questa decisione, vi ringraziamo per averne preso nota”.


’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Apertura di corridoi umanitari sicuri e legali coordinati con l’UE e i paesi terzi»

Motion 15.3487
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Transformed or canceled

«Lettera aperta sulla situazione dei rifugiati in Grecia»

Offener Brief
Level: Canton
Canton: NW
Status: Rejected

Attendance

Circa 50 persone hanno firmato una lettera aperta al governo di Nidvaldo. Invitano il cantone ad agire:

“Facciamo appello al governo di Nidvaldo…

per segnalare al governo federale che il cantone di Nidvaldo accoglierà i rifugiati provenienti dai campi sovraffollati della Grecia.

chiarire e comunicare quanti rifugiati il Cantone di Nidvaldo può accogliere e fornire un’assistenza dignitosa nel Cantone.

Lettera aperta sulla situazione dei rifugiati in Grecia, Stans nel giugno 2020

Nella sua risposta il Cantone si rifiuta di intervenire.

La questione è già trattata a livello federale, il che rende superflua una richiesta da parte del Cantone. Inoltre, il Cantone di Nidvaldo accetta già lo 0,5% dei richiedenti l’asilo in Svizzera che vengono assegnati in base alla quota. L’anno prossimo il Cantone accoglierà di nuovo otto persone vulnerabili.

Reply-Canton-Nidvaldo

Gli iniziatori non sono soddisfatti di questa risposta.

Il 18 agosto 20 agosto hanno nuovamente rivolto una dichiarazione al Consiglio di governo del Cantone di Nidvaldo:

“Siamo convinti che anche il Cantone di Nidvaldo possa fare la differenza in questa situazione. E poiché purtroppo non ha risposto alla domanda che le abbiamo posto nella nostra lettera aperta, le chiediamo di farlo di nuovo.

Quanti rifugiati può accogliere il Cantone di Nidvaldo? Inoltre, il Consiglio di Governo dovrebbe differenziare il numero secondo le disposizioni speciali basate su COVID-19 e la situazione normale.

Chiediamo ancora una volta che questo numero venga trasmesso al governo federale, o meglio al SEM”.

Dichiarazione sulla risposta del Consiglio di Governo alla lettera della situazione dei rifugiati in Grecia, Stans nell’agosto 2020

Risposta-Open lettere-download

Alla fine di settembre, il consiglio di governo di Nidvaldo ha espresso nuovamente la sua disapprovazione.

Due degli argomenti sono già noti: La Svizzera ha già accolto 20 minori. La cosa più importante, ha detto, è fornire aiuti sul campo.

Una nuova aggiunta è l’adozione delle argomentazioni razziste del governo greco. Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis aveva chiarito subito dopo l’incendio del campo di Moria, nella notte del 9 settembre 2020, che non voleva che la gente lasciasse l’isola. Questo manderebbe “segnali sbagliati” in questa “crisi dei rifugiati”. Il governo “non si farebbe ricattare”.

L’incendio doloso, che molto rapidamente è stato attribuito dalle autorità ai fuggitivi, non dovrebbe diventare un modello per altri campi per “forzare” un’evacuazione (cfr. notizie dei media). Un’immagine razzista dei rifugiati è stata dipinta come criminale, pericolosa e ingrata, che ha cercato di giustificare il loro trattamento disumano.

Othmar Filliger, CVP, scrive a nome del Consiglio di Governo: “Una rapida ammissione dei rifugiati in altri Stati europei potrebbe portare a un possibile peggioramento della situazione in altri campi profughi per costringere ad ulteriori ammissioni. Questo costituirebbe un immenso pericolo per tutti i rifugiati”.

Il campo di Lesbo, di recente costruzione, può essere descritto come un immenso pericolo. Le condizioni non sono in alcun modo inferiori a quelle del bruciato Camp Moria. Fu costruito in pochissimo tempo da tende senza terra su un ex sito militare, dove i soldati erano ancora alla ricerca di mine quando la gente era già arrivata. Si sospetta un’elevata contaminazione da piombo di questo ex poligono di tiro. Una volta al giorno c’è un pasto per i fuggitivi. L’elettricità non è mai disponibile, l’acqua, i servizi igienici e le docce non sono quasi mai disponibili. La cosiddetta stazione di quarantena è un tratto di spiaggia separato dal resto del campo chiuso da filo spinato (vedi rapporto della ONG).

Questa risposta rimane insoddisfacente anche per tutti coloro che lavorano per la protezione dei diritti umani, che sono violati in modo massiccio nelle isole greche.

Risposta-Cantone-Nidvaldo-Nidvaldo-Settembre-20

Document

Press reports

Appell zur Aufnahme griechischer Flüchtlinge im Kanton Nidwalden Rund 50 Personen haben einen offenen Brief an die Nidwaldner Regierung unterzeichnet. Sie fordern den Kanton zum Handeln auf.

«Obersiggenthal: accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat 2020/26
Level: Municipality
Municipality: Obersiggenthal (AG)
Status: Rejected

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consigliere Obersiggenthal è richiesto

  • per accogliere sei rifugiati di Moria;
  • chiedere al Cantone e alla Confederazione di prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

Il postulato è stato dichiarato non urgente nel settembre 2020 e sarà probabilmente trattato in dicembre.

01.02.21: Raccomandazione del Consiglio comunitario di respingere.

“Il governo federale è responsabile dei rifugiati. La Confederazione ha anche la migliore visione d’insieme di dove il bisogno è maggiore e, con i suoi specialisti, è in grado di organizzare un’assistenza mirata e di accogliere i rifugiati. Il consiglio comunale non ha questa visione d’insieme e queste risorse. Inoltre, non ha voce in capitolo nella politica dei rifugiati, né per quanto riguarda il numero di rifugiati assegnati né la loro origine. Il comune è sempre informato unilateralmente dal cantone dopo che quest’ultimo ha procurato un alloggio per i rifugiati (persone ammesse temporaneamente) nel comune e può solo prendere nota dell’origine dei rifugiati (e del loro percorso di fuga).

Già nelle passate crisi dei rifugiati, il consiglio comunale è stato aperto e ha accolto più rifugiati di quanto sarebbe stato obbligato a fare. Ancora oggi, le linee guida cantonali vengono superate. Il comune non vuole sottrarsi alla sua responsabilità umanitaria e sta facendo molto per integrare i rifugiati che ha accolto nella comunità sociale. Il consiglio comunale rimane impegnato a dare un contributo superiore alla media nella gestione di tali crisi. Vorrebbe lasciare il coordinamento di questi sforzi alle autorità responsabili a livello federale e cantonale.

A Moira, c’era innegabilmente una tragedia umana di proporzioni devastanti. Questa tragedia è stata molto enfatizzata dai media. Purtroppo anche la situazione di molti altri rifugiati nel mondo è tragica. Per esempio, nel Corno d’Africa e in Libia, dove la fame e la violenza regnano nei campi profughi. O anche per i rifugiati del sud Italia, che vivono in abitazioni non protette – le donne devono prostituirsi lì per poter comprare il cibo per sé e per i loro parenti. Anche la situazione dei rifugiati in Siria e Giordania è difficile.

Il comune riceve anche regolarmente richieste di sostegno per i rifugiati da altre fonti. Per esempio, una recente richiesta della Croce Rossa svizzera per il sostegno alle vittime delle inondazioni in Sudan – 830.000 persone hanno perso le loro case. Il consiglio comunale non è d’accordo che ora, sullo sfondo della ribalta mediatica, sostenga unilateralmente i rifugiati che hanno trovato rifugio nelle isole greche. Non può giudicare se ci sono rifugiati altrove che hanno ancora più urgente bisogno di aiuto”.

Estratto dalla risposta del consiglio

11.03.21: Rifiuto del consiglio dei residenti.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Fraktionsmitteilung SP – Einwohnerratssitzung vom 23./24. September 2020 Die SP hat an ihrer Fraktionssitzung die Geschäfte der kommenden Einwohnerratssitzung eingehend besprochen. Im Fokus standen vor allem die Kredite für den Neubau des Schulhauses Goldiland von 11.59 Mio. Franken und der Antrag für die Umsetzung des neuen ICT-Konzeptes für die Schulen Obersiggenthal. Weiter zur Diskussion stand das alljährliche Budget, sowie die Verantwortung der Gemeinde Obersiggenthal im Bezug auf die Katastrophe im Flüchtlingslager Moria.

«Neuchâtel accetta di accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Canton
Municipality: Neuchâtel (NE)
Status: Accepted

Attendance

Neuchâtel nel settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Neuchâtel ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche.

Nel Cantone di Neuchâtel, alla fine di settembre si è svolto un dibattito davanti al Gran Consiglio (legislatura cantonale), durante il quale è stata votata una mozione d’urgenza. In questa mozione, il Consiglio federale è stato chiesto al Consiglio federale di accogliere un maggior numero di rifugiati dall’isola di Lesbo. Insieme a molte altre città svizzere, Neuchâtel farà pressione sulla Confederazione per garantire che un maggior numero di persone possa essere ospitato in Svizzera.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’ammissione diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione approfittare finalmente di questa offerta.

Document

Press reports

Asile: La solidarité des villes freinée par le fédéralisme

À l’approche de l’hiver, des villes européennes et suisses souhaitent accueillir des réfugiés en provenance du camp grec de Moria, dévasté par les flammes il y a un mois. Mais cet élan peine à se concrétiser.

Neuchâtel demande à Berne d’accueillir plus de réfugiés de Moria

Le canton de Neuchâtel demande à Berne d’accueillir plus de personnes réfugiées en provenance du camp de Moria sur l’île de Lesbos, qui a brûlé dans la nuit du 8 au 9 septembre.

«Lenzburg: accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Lenzburg (AG)
Status: Accepted

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il Consiglio comunale di Lenzburg è richiesto

  • per accettare di ospitare 8 rifugiati di Moria;
  • di invitare il Cantone e la Confederazione a prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che adottano iniziative analoghe per l’accoglienza dei rifugiati”.

Il postulato è stato riconosciuto come urgente il 24 settembre 2020 con 22 voti a favore e 12 contrari ed è stato adottato dal Consiglio comunale senza votazione.

“Il Consiglio Comunale ha già affrontato questo postulato. Crediamo che si tratti di persone bisognose. Non si tratta di fare politica d’asilo. Se la città di Lenzburg può fare qualcosa per aiutare queste persone che hanno perso dei beni, la città di Lenzburg lo farà. Per questo motivo, il Consiglio Comunale è d’accordo di accettare questo postulato senza votazione”.

Consigliere Andreas Schmid, verbale della riunione del Consiglio dei residenti del 24 settembre, https://www.lenzburg.ch/upload/cms/user/Protokollvom24.September2020.pdf

Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

«Losanna è pronta ad accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Lausanne (VD)
Status: Accepted

Attendance

Losanna a settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Losanna ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. In giugno, le otto città più grandi della Svizzera, tra cui Losanna, hanno accettato di accogliere altri rifugiati. Le stesse città hanno già dimostrato in passato di essere in grado di accogliere e rifornire un gran numero di rifugiati in modo rapido ed efficiente.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’ammissione diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione approfittare finalmente di questa offerta.

Press reports

Genf und Lausanne sind bereit zur Aufnahme von Personen aus dem Lager Moria Die beiden Städte am Genfer See haben sich dem Vorschlag Zürichs angeschlossen, um die Organisation einer nationalen Konferenz zu beantragen.

«Kreuzlingen è solidale con la gente di Moria»

Offener Brief
Level: Municipality
Municipality: Kreuzlingen (TG)
Status: Accepted

Attendance

Kreuzlingen nel settembre 2020

Dopo l’incendio del campo profughi di Moria all’inizio di settembre, il consiglio comunale di Kreuzlingen ha rivolto un appello scritto alla consigliera federale Karin Keller-Sutter.

In questa lettera pubblica, il consiglio comunale chiarisce che Kreuzlingen sarebbe disposto a sfrattare quasi 200 persone in più dal Centro federale per l’asilo rispetto a quelle che vi sono attualmente ospitate. Le capacità sono lungi dall’essere esaurite. Ci sono anche piani già concreti per un’assistenza rapida e umana. In questo caso, il consiglio comunale vuole collaborare attivamente con il gruppo di lavoro della Turgovia per i richiedenti asilo.

Ciò fa seguito a due petizioni che sono state presentate al consiglio comunale. Una a fine agosto dall’ex consigliere comunale del PS Heinz Schmid e indipendentemente da ciò, a metà settembre, dal consigliere comunale del PS Adrian Knecht. I firmatari scrivono di essere convinti che sia dovere di ogni comune europeo lavorare con i propri mezzi per porre rimedio a queste miserabili e vergognose condizioni.

Document

Press reports

Der nächste Appell nach Bern: Kreuzlingen könnte im Bundesasylzentrum Flüchtlinge von den griechischen Inseln aufnehmen
Nach dem Drama von Moria zeigt sich die Grenzstadt solidarisch und schreibt Bundesrätin Karin Keller-Sutter einen Brief. Zwei Petitionen gelangten an den Stadtrat, mit der Bitte, das Engagement zugunsten der Geflüchteten zu erhöhen. Die Stadtregierung gibt dieses Begehren, mit Nachdruck und angereichert mit konkreten Vorschlägen weiter.

«Nein zur rassistischen SVP»
In Kreuzlingen machen junge Aktivisten auf sich aufmerksam. Sie haben mit Kreide vor den Häusern verschiedener SVP-Gemeinderäte den Schriftzug «Ja zur Geflüchtetenaufnahme. Nein zur rassistischen SVP» angebracht. Dies, weil die SVP sich dagegen aussprach, Flüchtlinge aus dem abgebrannten griechischen Flüchtlingslager Moria aufzunehmen.

«Sostegno concreto alla città di Ginevra per l’accoglienza dei rifugiati e la fornitura di alloggi»

Projet de délibération PRD-231
Level: Municipality
Municipality: Genève (GE)
Status: Pending

Attendance

05.06.19: Annunciato.

24.06.19: accettazione dell’urgenza. deferito alla Commissione per la coesione sociale e la gioventù.

19.04.21: Relazioni di maggioranza e minoranza della commissione per la coesione sociale e la gioventù per esaminare il progetto di risoluzione del 5 giugno 2019 dei signori. Tobias Schnebli, Maria Pérez, Alfonso Gomez, Ariane Arlotti, Delphine Wuest, Morten Gisselbaek, Pascal Holenweg, Annick Ecuyer, Gazi Sahin, Maria Casares, Brigitte Studer, Albane Schlechten, Ahmed Jama e Emmanuel Deonna: “Un sostegno concreto della città di Ginevra per l’accoglienza e la creazione di alloggi per migranti e rifugiati”

Seduta di martedì 18 e mercoledì 19 maggio 2021

Più informazioni:

https://conseil-municipal.geneve.ch/conseil-municipal/objets-interventions/detail-objet/objet-cm/231-177e/

https://conseil-municipal.geneve.ch/no_cache/conseil-municipal/objets-interventions/detail-rapport-reponse/rapport-reponse-cm/231-177e/

«Ora accogliete 500 rifugiati di Moria!»

Dringliche Motion 2020.SR.000283
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Accepted

Attendance

Presentazione il 10 settembre 2020

Con una mozione urgente Simone Machado, GaP, Zora Schneider, PdA, Tabea Rai ed Eva Gammenthaler, AL chiede che la città di Berna accolga 500 rifugiati di Moria:

“Ieri, 9 settembre 2020, il campo profughi “Moria” sull’isola di Lesbo nell’Egeo (GR) è stato bruciato e completamente distrutto. Il campo è stato “la vergogna dell’Europa” per molti anni, come ha giustamente detto l’autore dell’omonimo libro, Jean Ziegler. Circa 13’000 persone vivono dentro e intorno al campo, che sarebbe stato progettato per ospitare 3000 persone. […]

Dopo lo scoppio del virus corona nelle ultime settimane, la situazione si è completamente aggravata e il campo è stato distrutto da un incendio con diverse fonti di fuoco. Secondo i media, 13’000 persone sono rimaste senza casa e non è possibile avere cibo e tende perché le forze di sicurezza greche hanno isolato la zona.

La consigliera locale Franziska Teuscher ha annunciato che accoglierà 20 rifugiati. Questo è troppo poco per la capitale della ricca Svizzera. Berna dovrebbe accogliere 500 persone, perché Berna può facilmente pagare queste persone finanziariamente e l’alloggio è possibile a breve termine”.

Il consiglio locale ha raccomandato l’accettazione della proposta:

“Il consiglio comunale è molto consapevole del problema. Ha già più volte sostenuto l’accoglienza supplementare dei rifugiati ed è pronta ad assumersi la responsabilità di questo. Il consiglio comunale si impegna su questo tema sia direttamente a livello federale che nell’ambito dell’iniziativa di politica sociale comunale insieme ad altre città. Per l’ultima volta, ha reagito immediatamente dopo l’incendio nel campo profughi di Moria, ha confermato la sua disponibilità ad accogliere altri rifugiati e ha chiesto al governo federale di accettare immediatamente altri rifugiati o di consentire l’ammissione diretta in considerazione dell’urgenza della situazione. Intende continuare il suo impegno in questo senso anche in futuro”.

Il giorno 05.11.20 la proposta è stata approvata con 53 voti favorevoli e 17 contrari e dichiarata direttiva significativa.

Press reports

Bundesstadt soll 500 Flüchtlinge aus Moria aufnehmen Nach dem Brand auf der Insel Lesbos hatte sich der Berner Gemeinderat bereit erklärt, 20 Menschen Zuflucht zu gewähren. Dem Stadtrat ist das zu wenig.

Bern soll 500 Flüchtlingen aus Moria aufnehmen Der Berner Stadtrat fordert die Aufnahme von 500 Flüchtlingen aus Moria. Mit 53 zu 17 Stimmen überwies er am Donnerstag eine Dringliche Motion der Freien Fraktion.

Die Stadt Bern soll 500 Flüchtlinge aus dem abgebrannten griechischen Flüchtlingslager Moria aufnehmen. Das fordert der Stadtrat.  Die Stadt Bern könne problemlos 500 Geflüchtete aus dem Flüchtlingslager Moria aufnehmen, das heisst es in einem Vorstoss, der gestern im Berner Stadtrat diskutiert wurde. Mit 53 zu 17 Stimmen hat der Stadtrat das Anliegen gutgeheissen.

«Emergenza umanitaria nel Mediterraneo. La Svizzera dovrebbe partecipare al meccanismo di distribuzione della “coalizione dei volenterosi»

Motion 19.4033-19.4037
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Rejected

Attendance

Fatto

  • 21.09.21: Rifiuto del Consiglio Nazionale (autorità competente FDJP)
  • 20.11.19: Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.
  • 17.09.19: presentato

https://www.parlament.ch/de/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20194037

Ulteriori informazioni qui.

Press reports

Schweizer Städte wollen mehr Bootsflüchtlinge aufnehmen – und dürfen nicht
Zürich, Bern und Basel wollen die EU-Grenzstaaten entlasten. Doch das Staatssekretariat für Migration blockt ab.

Ein entscheidender Wendepunkt für die Seenotrettung im Mittelmeer?
15 Monate nach der Schliessung der italienischen Häfen müssen die europäischen Staaten – und damit auch die Schweiz – wieder einen rechtlichen und koordinierten Rahmen für Rettungseinsätze schaffen.

Neue Motion fordert die Aufnahme von Mittelmeer-Flüchtlingen – das musst du wissen
Eine Allianz aus Vertretern aller grosser Parteien – ausser der SVP –, reichte am Dienstag eine Motion zur Seenotrettung ein. Sechs Nationalräte sehen in der Mittelmeer-Flüchtlingsfrage raschen Handlungsbedarf: Sie fordern daher, dass die Schweiz direkt Bootsflüchtlinge aus Italien und Malta aufnimmt.

Neue Motion fordert die Aufnahme von Mittelmeer-Flüchtlingen – das müssen Sie wissen
Eine Allianz aus Vertretern aller grosser Parteien – ausser der SVP –, reichte am Dienstag eine Motion zur Seenotrettung ein.

Die Schweiz soll Bootsflüchtlinge direkt aus Italien aufnehmen
Eine breite Allianz will, dass die Schweiz zwei Prozent der aus Seenot Geretteten aufnimmt. Die Politiker schlagen zwei Möglichkeiten vor.

«Aiuto alla Grecia – Accoglienza dei rifugiati»

Dringliches Postulat 394
Level: Municipality
Municipality: Luzern (LU)
Status: Accepted

Attendance

14.05.20: trasferito per intero
09.03.20: Ingresso

Press reports

Hilfe für Griechenland – Aufnahme von Geflüchteten Der Luzerner Stadtrat soll prüfen wie viele Menschen an der griechisch-türkischen Grenze per sofort auf Luzerner Stadtgebiet untergebracht werden können. Die Zustände vor Ort sind unhaltbar – der Stadtrat soll sich auch bei Kanton und Bund für Unterstützung im betroffenen Grenzgebiet und die Aufnahme der Flüchtenden in der Schweiz stark machen. Das fordert Grossstadtrat Christov Rolla in einem dringlichen Vorstoss.

«Ginevra è pronta ad accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Genf (GE)
Status: Accepted

Attendance

Ginevra a settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Ginevra ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. Lo scorso giugno, le otto città più grandi della Svizzera, tra cui Ginevra, hanno accettato di accogliere un numero maggiore di rifugiati. In passato, queste stesse città hanno già dimostrato di essere in grado di accogliere e rifornire un gran numero di rifugiati in modo rapido ed efficiente.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’ammissione diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione approfittare finalmente di questa offerta.

Press reports

Die Schweiz möchte 20 unbegleitet minderjährige Geflüchtete aus Moria aufnehmen
Die Schweiz plant die Aufnahme von rund 20 unbegleiteten minderjährigen Geflüchteten aus dem Lager in Moria auf der griechischen Insel Lesbos, das einem Grossbrand zum Opfer gefallen ist. Ein Flugzeug, beladen mit Hilfsmitteln soll am Freitag starten, teilte das EDA mit.

Genf und Lausanne sind bereit zur Aufnahme von Personen aus dem Lager Moria
Die beiden Städte am Genfer See haben sich dem Vorschlag Zürichs angeschlossen, um die Organisation einer nationalen Konferenz zu beantragen.

«Fuggitivi nel Mediterraneo»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Aarau (AG)
Status: Rejected

«Per l’installazione urgente di un rifugio per rifugiati nella città di Ginevra»

Motion M-1237
Level: Municipality
Municipality: Genève (GE)
Status: Accepted

«Le tragedie dei rifugiati nel Mediterraneo. Un rapido e massiccio aiuto concreto sul terreno e la creazione di porte nella Fortezza Europa»

Motion 15.3484
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Rejected

«Il dramma dei rifugiati nel Mediterraneo. Stabilire corridoi legali e sicuri per la fuga e la migrazione.»

Motion
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Rejected

«Aumentare le capacità di accoglienza di fronte alle tragedie dei rifugiati»

Motion M-1195
Level: Municipality
Municipality: Genève (GE)
Status: Accepted

«Presentazione di un’iniziativa cantonale riguardante l’accoglienza di persone provenienti dalla Grecia e occupazione dei centri per richiedenti l’asilo»

Antrag 20.5108.01
Level: Canton
Canton: BS
Status: Accepted

Attendance

01.02.2022 Accettazione dell’iniziativa permanente

Il 01.02.22, la Commissione ha adottato l’iniziativa permanente con il voto decisivo del presidente Marco Romano, del PPE, dopo che la votazione è stata di 3:3.

Decisione e dichiarazione della Camara

10.02.2021 Trasferimento al consiglio di governo per l’esecuzione

16.12.2020 Dichiarazione del Consiglio di Governo

Trasferimento nell’ottobre 2020

Rapporto della BZ:

“Il governo di Basilea dovrebbe fare pressione sul governo federale affinché accetti i rifugiati dalla Grecia. Il Gran Consiglio ha sottoposto all’esecutivo una proposta per una corrispondente iniziativa professionale.

Il governo si era dichiarato disposto ad accettare l’iniziativa. I portavoce delle fazioni borghesi si sono espressi contro di essa. Non era compito dei Cantoni e delle città perseguire una politica d’asilo. Inoltre, la distribuzione dei rifugiati dalla Grecia era comunque una questione paneuropea.
D’altro canto, l’ala sinistra del Consiglio ha sottolineato l’importanza di inviare chiari segnali a livello federale. La Svizzera e il Cantone di Basilea Città avevano i mezzi finanziari e le infrastrutture necessarie per accogliere più persone bisognose.

Infine, la maggioranza del Gran Consiglio, con un rapporto di 44 voti a 35, si è espressa a favore del trasferimento della richiesta di una corrispondente iniziativa professionale.”

Movimento nel marzo 2020

Il Consiglio di Stato è incaricato di presentare all’Assemblea federale la seguente iniziativa professionale a nome del Cantone di Basilea Città, in base all’articolo 160 capoverso 1 della Costituzione federale:

“Il Parlamento federale e le autorità federali sono invitati ad assicurare che alle persone che vivono nelle isole greche venga offerta protezione in Svizzera, in modo da garantire loro una procedura d’asilo ordinata. Il Parlamento dovrebbe inoltre incaricare il Consiglio federale di sfruttare appieno le capacità dei centri federali d’asilo e dei centri cantonali d’asilo. Il Consiglio federale dovrebbe invitare anche altri Stati europei a fare lo stesso.”

Maggiori informazioni sul dossier 20.5108

Press reports

Kanton fordert Schweiz zur Aufnahme von mehr Flüchtlingen auf
Die Basler Regierung verlangt vom Bund, mehr Flüchtlinge aus Griechenland aufzunehmen. Im Kanton könnte man 30 Menschen mehr versorgen.

Basel soll sich in Bern für Flüchtlingsaufnahmen einsetzen
Die Basler Regierung soll sich beim Bund für eine Aufnahme von Flüchtlingen aus Griechenland starkmachen. Der Grosse Rat hat der Exekutive einen Vorstoss für eine entsprechende Standesinitiative überwiesen.

Regional Journal  Basel
Der Basler Grosse Rat verlangt vom Bund, Flüchtlinge aus Griechenland aufzunehmen

Moria brennt – was tut Basel?
Basel-Stadt zeigt sich schon früher bereit, Flüchtlinge aus Griechenland aufzunehmen. Der Bund reagiert nicht auf das Angebot. Eine Standesinitiative versucht, Druck zu machen.

Basler*innen fordern Regierungsrat zur Aufnahme Geflüchteter aus Moria auf!
Am letzten Donnerstag startete BastA! einen dringenden Aufruf, Menschen aus dem Flüchtlingslager Moria aufzunehmen. Heute morgen bekräftigte BastA! das Anliegen, indem sie Papierschiffe an Gross- und Regierungsrät*innen verteilte. Der Basler Regierungsrat ist dringlich aufgefordert zu handeln und nach Kräften dem Elend auf Lesbos mit Solidarität und Menschlichkeit zu begegnen.

«Appello urgente al consiglio comunale di Thun: registrazione diretta dei fuggitivi ora!»

Appell
Level: Municipality
Municipality: Thun (BE)
Status: Rejected

Attendance

I partiti politici, le varie organizzazioni e i singoli individui del
Dopo l’incendio nel campo profughi di Moria a Lesbo, la società civile ha invitato il consiglio comunale di Thuns ad agire:

Appello per l’accoglienza dei rifugiati

Nella sua risposta, il consiglio comunale fa riferimento alla competenza del governo federale. È disposta a partecipare all’eliminazione del disastro umanitario, ma non vuole superare le sue competenze.

Risposta del consiglio comunale

Una dimostrazione di Thun il 10.10.20 sostiene le richieste dell’appello:
Thun, prendi i fuggitivi!

Document

Press reports

«Die Demo richtet sich direkt an den Gemeinderat» Nach dem Grossbrand im Flüchtlingslager von Moria forderten Privatpersonen und mehrere Parteien die Stadt Thun dazu auf, sich gemeinsam mit anderen Schweizer Städten für die Direktaufnahme von Geflüchteten einzusetzen. Der Gemeinderat nahm schriftlich Stellung dazu – in den Augen der engagierten Thuner aber unzureichend. Nun gingen sie mit ihrem Anliegen auf die Strasse.

«Registrazione diretta dei fuggitivi dei soccorsi in mare»

Postulat 2018.SR.000170
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Pending

Attendance

Tutti i dettagli sull’accordo


30.08.2018: petizione

“Ammissione diretta dei rifugiati, ora!” è già stato chiesto con il postulato dell’intergruppo (2016.SR.000112) e il consiglio comunale ha dichiarato la sua disponibilità a fare pressione sul governo federale per l’ammissione di ulteriori rifugiati di reinsediamento per conto proprio o nel quadro delle navi esistenti. Anche nel postulato del gruppo libero “La città di Berna dovrebbe diventare una città di rifugio e aderire alla rete europea” (2016.SR.000268), la risposta del consiglio comunale afferma che la richiesta è stata ripresa dalla Conferenza delle città sulla politica sociale ed è in discussione.

Si chiede al consiglio comunale di esaminare come utilizzare gli organi adatti, per esempio tramite l’associazione delle città o colloqui diretti con il governo federale, per fare una campagna per far scendere i rifugiati dalle navi nel Mediterraneo. Berna dovrebbe unirsi a città come Palermo, Berlino, Barcellona, Kiel, Amsterdam, Stoccolma e Napoli per offrire protezione ai rifugiati”.

Estratto del postulato sull’ammissione diretta dei rifugiati dai salvataggi in mare

27.02.19: Il Consiglio Comunitario chiede al Consiglio Comunale di dichiarare il postulato significativo.

Verbali del Consiglio Parrocchiale.

«Registrazione diretta dei fuggitivi alle frontiere esterne dell’UE»

Dringliche Motion 034-2020
Level: Canton
Canton: BE
Status: Rejected

«Accoglienza diretta dei rifugiati di Moria, richiesta di una conferenza nazionale e arresto del ritorno in Grecia del caso Dublino»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Burgdorf (BE)
Status: Accepted

Attendance

Il 14 settembre 2020 il gruppo SP ha presentato un postulato urgente:

Il consiglio comunale è richiesto

  • esaminare se e in che misura la città di Burgdorf possa accogliere direttamente i rifugiati di Moria sull’isola di Lesbo in Grecia.
  • di chiedere al governo federale di convocare senza indugio una conferenza nazionale sull’accoglienza diretta dei rifugiati.
  • di chiedere alla Confederazione Svizzera di fermare immediatamente il rimpatrio dei casi di Dublino in Grecia.


Application-City-Burgdorf


Il postulato è stato accettato il 02.11.20


Al numero 1, il Consiglio comunale ha deciso di astenersi. I paragrafi 2 e 3 sono stati rinviati al consiglio comunale. 21 persone hanno votato a favore (SP, Verdi, EVP e BPL), 9 contro (BDP, SVP) con 7 astensioni (FDP, SVP). Questo è un risultato molto chiaro, che dimostra che iniziative di questo tipo possono avere successo anche nelle città più piccole – e dovrebbero essere portate avanti.


Nella dichiarazione del consiglio comunale si dice


“In linea di principio, il consiglio comunale riconosce la richiesta dei postulanti di seguire la tradizione umanitaria della Svizzera. Già nel 2014, quando una grande ondata di rifugiati ha travolto l’Europa occidentale, la città di Burgdorf ha dimostrato di poter fare un grande sforzo per accogliere i richiedenti asilo. L’eccellente collaborazione tra il cantone, la città, le chiese, le varie istituzioni, l’ORS AG e molti volontari ha permesso di creare una buona gamma di servizi di sostegno e di integrazione per i migranti. La popolazione ha anche sostenuto gli sforzi della città. Se la città di Burgdorf dovesse essere nuovamente incaricata dal Cantone di accogliere i rifugiati di Moria o di un’altra zona di crisi, il consiglio comunale, insieme alla popolazione, è disposto ad accettare questo compito e ad accogliere le persone in cerca di aiuto.

In una lettera al Consiglio federale e al Consiglio di governo del Cantone di Berna, il Consiglio comunale è disposto ad offrire l’accoglienza di rifugiati in alloggi d’emergenza e ad occuparsi di loro insieme all’ORS e alle organizzazioni di volontariato che operano a Burgdorf. Allo stesso tempo, il consiglio comunale chiederà al Consiglio federale di non restituire per il momento alcun caso di Dublino alla Grecia. Alla luce di quanto sopra, il Consiglio Comunale è disposto ad accettare i paragrafi 2 e 3 del postulato. Tuttavia, il paragrafo 1 del postulato non è di competenza del comune. Per le ragioni sopra esposte, ciò non può essere accettato”.

«La città di Berna diventerà una città di rifugio e si unirà alla rete europea»

Postulat 2016.SR.000268
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Accepted

«Delémont accetta di accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Municipality
Municipality: Delémont (JU)
Status: Accepted

Attendance

Delémont nel settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Delémont ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. Il giorno dell’incendio, Damien Chappuis, sindaco di Delémont, ha seguito la situazione a Lesbo e ha discusso con il consiglio comunale cosa si può fare ora. Insieme ad altre nove città svizzere, Delémont farà pressione sulla Confederazione per garantire che un maggior numero di persone possa essere ospitato in Svizzera.

Zurigo aveva chiesto alle autorità federali di convocare immediatamente una conferenza nazionale sull’ammissione diretta dei rifugiati. Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora alla Confederazione approfittare finalmente di questa offerta.

Document

Press reports

Damien Chappuis: «Delémont est prête à accueillir des migrants de Moria» Le maire de la capitale jurassienne attend un signal «clair et rapide» de la Confédération pour réfléchir à comment offrir un abri aux migrants dont le camp grec a brûlé la semaine dernière

«Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Baden (AG)
Status: Accepted

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consiglio comunale di Baden è richiesto per accogliere 14 rifugiati di Moria; di invitare il Cantone e la Confederazione a prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria; di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

Il consiglio comunale di Baden ha dato una risposta positiva al postulato:

“La città di Baden vuole accogliere 14 rifugiati del campo di Moria sull’isola greca di Lesbo, distrutta da un incendio. I rifugiati di Lesbo “si trovano in una situazione di emergenza umanitaria”, spiega il consiglio comunale nella sua risposta all’urgente postulato del consigliere comunale Nora Langmoen (SP).

Tuttavia, il consiglio comunale ha posto come condizione di ammissione la creazione dei presupposti legali. L’accoglienza dei rifugiati è regolamentata a livello federale. La città di Baden ha quindi informato il consiglio comunale della sua disponibilità a farlo. Quest’ultima è in contatto con la Confederazione su questo tema e si coordina con le altre città svizzere che si sono dichiarate disponibili ad accogliere i rifugiati. Anche la città di Baden ha già preso contatto con questi comuni del Canton Argovia”.

Badener Tagblatt del 26.11.20

Il consiglio dei residenti ha accettato il postulato il giorno 08.12.20 con una netta maggioranza.

Document

Press reports

Nach Inferno auf Lesbos: Baden soll 14 Flüchtlinge aufnehmen Einwohnerrätinnen und Einwohnerräte aus fünf Fraktionen fordern den Badener Stadtrat dazu auf, 14 geflüchtete Menschen aufzunehmen, die im zerstörten Flüchtlingslager Moria auf Lesbos untergebracht waren.

Baden will 14 Flüchtlinge aus Moria aufnehmen – unter einer Bedingung
Der Badener Stadtrat will die Forderung erfüllen, die Politiker von SP bis GLP nach dem verheerenden Brand im Flüchtlingscamp auf der Insel Lesbos gestellt hatten.

«Chiamata alla comunità di Wohlen: Prendere i rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Wohlen (BE)
Status: Accepted

Attendance

Presentazione della petizione al consiglio comunale di Wohlen (BE) il 14 settembre 2020

Risposta positiva del consiglio comunale del 22 settembre 2020:


“Il Consiglio comunale sostiene la petizione per l’impegno del nostro comune ad accogliere i rifugiati dei campi delle isole greche
A causa della situazione disumana dei campi nelle isole greche, 50.000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno chiesto una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati durante l’appello pasquale. Le otto città più grandi della Svizzera hanno aderito a questo appello e hanno chiesto alle autorità federali di fare di più per fermare l’emergenza.

Anche le città e i comuni più piccoli dovrebbero ora alzare la voce con le petizioni. Questa petizione, che è stata firmata da molte persone, è stata presentata al consiglio comunale, chiedendo che il comune dichiari la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati delle isole greche, comunichi pubblicamente questa decisione e la trasmetta alle autorità federali.

Il Consiglio comunale sostiene questa petizione e fa la seguente dichiarazione alle autorità federali: Per quanto riguarda la situazione umanitaria a Lesbo, il Comune di Wohlen chiede alla Segreteria di Stato per le Migrazioni di intensificare l’assistenza locale e l’accoglienza senza complicazioni dei rifugiati particolarmente vulnerabili del campo bruciato di Moria. Il comune è pronto ad essere coinvolto nell’ambito delle sue possibilità”.


’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

«Chiamata alla chiesa di Sevelen: Prendere i rifugiati dalle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Sevelen (SG)
Status: Accepted

Attendance

Presentazione della petizione al consiglio comunale di Sevelen (SG) il 31 agosto 2020

Risposta positiva del consiglio comunale del 29 settembre 2020:


“Il 31 agosto 2020 è stata presentata all’ufficio una petizione per l’impegno del nostro comune ad accogliere i rifugiati dei campi delle isole greche, firmata da 40 residenti*.

Il Consiglio comunale ha preso atto della petizione. C’è la volontà di accogliere e curare una famiglia, oltre ai richiedenti asilo e ai rifugiati già assegnati. Al momento a Sevelen vivono 38 richiedenti asilo e rifugiati”.


’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

«Appello al comune di Sainte-Croix: prendere i rifugiati delle isole greche»

Interpellation
Level: Municipality
Municipality: Sainte-Croix (VD)
Status: Accepted

Attendance

Nell’ottobre 2020, Isabelle Dessonnaz, Stéphane Mermod e altri cinque membri del PS hanno presentato al consiglio comunale un’interpellanza in cui hanno chiesto al consiglio di unirsi all’appello delle città svizzere per accogliere i rifugiati di Moria, in particolare le famiglie e i minori non accompagnati.

All’unanimità nelle file della sinistra, l’interpellanza ha diviso l’FDP: “È una questione umana che richiede una risposta umanitaria da parte nostra. Sainte-Croix non si distingue solo per la sua meccanica artistica, ma anche per la sua tradizione di accoglienza”, ha risposto Philippe Gueissaz al suo compagno d’armi Paul-André Simon, che non ha ritenuto necessario votare su questo tema, sostenendo che il Consiglio si occupa degli affari locali.
Al momento della votazione, l’interpellanza è stata restituita all’esecutivo con 27 voti a favore e 8 astensioni.

All’inizio di dicembre 2020, il comune di St. Croix ha inviato una lettera alla presidente della Confederazione Svizzera, Karin Keller-Sutter, in cui il comune ha dichiarato il suo sostegno all’accoglienza dei rifugiati provenienti dai campi delle isole greche.

Lettre Sainte-Croix à K. Keller-Sutter

Questa lettera può essere utilizzata anche come modello per altri comuni e città.


’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Appello al Comune di Penthalaz: accogliere i rifugiati delle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Penthalaz (VD)
Status: Accepted

Attendance

Risposta positiva da parte del comune di Penthalaz il 12 novembre 2020:


“Il Comune di Penthalaz ha ricevuto una petizione da parte dei cittadini* del nostro comune che chiede loro di impegnarsi in futuro ad accettare persone provenienti dai campi delle isole greche.

Sensibile alla difficile situazione di queste persone e alle condizioni disumane in cui si aspettano un’accoglienza dignitosa da parte dei paesi europei, il comune chiede alle sue autorità di utilizzare tutti i mezzi necessari per accogliere i rifugiati in un numero proporzionato alla capacità finanziaria ed economica della Svizzera, e quindi, se non per porre fine alla difficile situazione dei campi in Grecia, almeno per ridurre la situazione dei campi in Grecia.

Con riserva delle sue possibilità – in particolare per quanto riguarda l’alloggio – e con il sostegno di organizzazioni impegnate – come l’Etablissement Vaudois d’Accueil des Migrants (EVAM) – e di volontari, il comune si dichiara aperto ad accogliere le famiglie nella sua cerchia. Siamo quindi disposti a essere contattati per l’attuazione delle misure in questione”.


’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Appello al comune di Lausanne: prendere i profughi delle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Lausanne (VD)
Status: Accepted

Attendance

Risposta positiva del consiglio comunale dell’8 ottobre 2020:

“Le otto città più grandi della Svizzera, tra cui la città di Losanna, hanno accettato di accogliere un numero maggiore di rifugiati e hanno incoraggiato la Confederazione a seguire l’esempio nel contesto dell’emergenza umanitaria. Inoltre, Losanna, in collaborazione con Ginevra, ha rilasciato un comunicato stampa l’11 settembre, invitando il nostro Paese a fare ulteriori sforzi per accogliere le persone del campo di Moria dopo il terribile incendio che vi ha imperversato.

Il Comune ricorda tuttavia che le decisioni sull’accoglienza dei rifugiati sono di competenza della Confederazione e devono essere prese in coordinamento con le maggiori città della Svizzera, poiché è disposto ad agire nell’ambito delle competenze della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni.

Inoltre, la città di Losanna continuerà a collaborare con le principali città svizzere per garantire che le suddette misure non vengano ignorate a livello federale. Propone al Consiglio federale di ammettere un numero maggiore di rifugiati per motivi umanitari, il che è giuridicamente ammissibile se il Consiglio federale non intende istituire una cosiddetta “procedura di ammissione diretta”.

Questo approccio è in linea con la lunga tradizione di Losanna di ammettere le persone. Essa riflette anche la stretta collaborazione con l’Etablissement Vaudois d’Accueil des Migrants (EVAM), che mira a trovare soluzioni abitative adeguate alle esigenze dei singoli e a sostenere i processi di integrazione sociale e professionale.”


L’EBF rinnova l’appello degli Amici di Cornelius Koch e del CEDRI :

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.


Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

Press reports

Soutien des villes suisses à l’accueil de réfugiés. Argumentaire juridique et pétition

Eine entsprechende Petition wurde Ende Juli lanciert. Ausgehend von der Tatsache, dass die Schweiz aus 2’200 Gemeinden besteht, dass diese im Zentrum der Integrationspolitik stehen, dass die Zahl der Asylgesuche in den letzten zwei Jahren historisch tief war, lädt die Petition die Bürgerinnen und Bürger ein, sich direkt an ihre Gemeindebehörden zu wenden, um sie zu bitten, sich zu konkreter Hilfe zu verpflichten, jede für ihre eigene Massnahme.

«Appello al Comune di Cormoret per accogliere i rifugiati delle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Cormoret (BE)
Status: Accepted

Attendance

Risposta positiva del consiglio comunale del 24 settembre 2020:

“Le autorità del Cormoret hanno il piacere di inviarvi le liste di firme del nostro comune che chiedono l’accoglienza dei rifugiati dei campi delle isole greche.

Il Consiglio comunale, nella riunione del 22 settembre 2020, ha sostenuto l’approccio del CEDRI, il Comitato europeo per la difesa dei rifugiati e degli immigrati di Basilea, e si è dichiarato sensibile alla situazione dei bambini nelle isole greche.

Pertanto, con il nostro sostegno, vi presentiamo i paragrafi precedenti e ci auguriamo che si possa trovare una soluzione adeguata.”


La petizione segue l’appello del Forum dei cittadini europei EBF:

La situazione nei campi delle isole greche è degradante

Nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2020 un grande incendio ha distrutto il campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo. In un colpo solo, tutte le 12.000 persone erano senza casa e vagavano per le strade. Dopo la situazione già disumana del campo, il disastro umanitario si era ormai verificato. Successivamente, i singoli Paesi dell’UE e la Svizzera si sono dichiarati disposti ad accogliere complessivamente alcune centinaia di persone. Questo numero minimo è una vergogna! Molti sono ancora senza casa e 8.000 persone che hanno dovuto fuggire dal fuoco di Moria sono ora in attesa in un nuovo campo costruito in fretta e furia: senza acqua e fognature, senza elettricità e riscaldamento. Il pavimento del vecchio poligono di tiro è contaminato da munizioni e si trovano continuamente cartucce ed esplosivi non detonanti. La prossima catastrofe è pre-programmata.

Un’ampia campagna per accogliere i rifugiati dei campi

50’000 persone in tutta la Svizzera, le chiese nazionali e oltre 130 organizzazioni hanno sostenuto l’appello Os-ter della campagna Evacuare ORA di Amnesty International e la Carta delle Migrazioni, che chiede una rapida evacuazione dei campi greci e una generosa accoglienza dei rifugiati. Anche numerosi politici – in tutte le linee di partito – hanno dato il loro sostegno a queste richieste. Ciò che conta non è l’appartenenza a un partito, ma la coscienza umana. Le otto città più grandi della Svizzera – Zurigo, Berna, Basilea, Lucerna, Winterthur, San Gallo, Losanna e Ginevra – hanno aderito a questo appello. Città come Friburgo, Neuchâtel e Wil (SG) hanno aderito, così come i comuni più piccoli. Qui troverete estratti di tre comuni più piccoli che hanno già aderito all’appello. Tutti chiedono alle autorità federali di fare di più per fermare la sofferenza delle isole dell’Egeo e dichiarano la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati da lì. Non si tratta di una semplice dichiarazione morale, ma di un’offerta concreta che il Consiglio federale dovrebbe accettare.

Le comunità sono la base della nostra democrazia!

L’auspicio che il Consiglio federale prenda atto dell’atteggiamento aperto di queste città e comunità non si è purtroppo ancora realizzato. Pertanto, anche il maggior numero possibile di città e villaggi più piccoli in tutta la Svizzera dovrebbe alzare la voce. Più questi sono numerosi, più diventa chiaro che c’è la volontà di aiutare i rifugiati ovunque nel nostro Paese. Allo stesso tempo, aumentano le possibilità che il Consiglio federale si riprenda finalmente e agisca in modo umano. Il Consiglio federale potrebbe intervenire oggi. Contrariamente a quanto affermato dal consigliere federale Keller-Suter, le basi legali per questo esistono già oggi. Pertanto noi, residenti della comunità XYZ, chiediamo che le nostre autorità locali intervengano:

  • di accettare i rifugiati dalle isole greche,
  • comunicare pubblicamente questa decisione e trasmetterla al Consiglio federale.

Potete scaricare la petizione qui e vi chiediamo di diventare attivi nella vostra cerchia di amici. Qui potete scaricare una scheda di feedback o inviarci una e-mail al seguente indirizzo: ch@forumcivique.org. Grazie in anticipo per il vostro impegno!

Document

«Bülach sostiene i rifugiati»

Aufruf
Level: Municipality
Municipality: Bülach (ZH)
Status: Rejected

Attendance

Nell’appello al consiglio comunale dell’8 aprile 2020 si legge

“Caro signor Presidente…
Gentile Signore o Signora

Le condizioni nelle zone di confine siriano-turche, turche, turche-greche e altrove sono insostenibili. Non vogliamo restare a guardare mentre si verifica questo disastro umanitario. Il nostro luogo di residenza ha anche il dovere di offrire una mano per fornire un aiuto rapido ed efficiente.

Pertanto, rivolgiamo le seguenti richieste alle autorità della città di Bülach:

  • La città fornisce un contributo finanziario sostanziale alle organizzazioni senza scopo di lucro che si occupano di aiuti ai rifugiati.
  • Questo dovrebbe aggiungersi all’importo già preventivato per l’aiuto allo sviluppo in patria e all’estero. Il referendum del 10 giugno 2001 contiene il quadro giuridico necessario.

L’autorità prenderebbe le misure necessarie per accogliere 20 rifugiati particolarmente vulnerabili direttamente dalle aree di crisi (l’1 per mille della popolazione residente) e farebbe un’offerta corrispondente all’autorità federale competente.

Vista l’urgenza della nostra preoccupazione, abbiamo scelto questa via di un appello pubblico. La situazione attuale permette all’autorità di agire in modo rapido e non convenzionale”.

05/2020 Pubblicità

Nella risposta del consiglio comunale si legge: “Il consiglio comunale è anche preoccupato per le condizioni delle zone di confine siro-turche e turco-greche, che sono state aggravate dalla situazione di Corona”. Per questo motivo, la città ha annunciato all’inizio di aprile nel
Aiuto estero 15’000 franchi svizzeri trasferiti alla Croce Rossa Svizzera a favore dei rifugiati locali. Inoltre, il consiglio comunale ha deciso di donare una somma una tantum di 50’000 franchi nel 2020 in aggiunta al normale budget per l’aiuto all’estero a favore dei rifugiati.

Un parziale successo per l’iniziativa. Per quanto riguarda la richiesta di ammissione diretta, il Consiglio comunale ha fatto riferimento alla responsabilità della Confederazione. Lo Zürcher Unterländer riferisce in merito: Tuttavia, Dieter Liechti ritiene che la città potrebbe facilmente chiedere aiuto al governo federale. Non c’è motivo per cui i comuni non debbano inviare un segnale a Berna. “A Bülach abbiamo le infrastrutture, il denaro e la gente per accogliere altri rifugiati”. Ma era consapevole che non tutti la vedrebbero in questo modo.

06/2020 Risposta del consiglio comunale

06/2020 Media report

Press reports

«Bülach könnte noch mehr Geflüchtete aufnehmen»
Das Komitee «Bülach unterstützt Geflüchtete» möchte, dass die Stadt zwanzig besonders verletzliche Personen aufnimmt. Der Stadtrat weist die Zuständigkeit von sich.

«Buchs: Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Buchs (AG)
Status: Rejected

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“L’assessore Buchs, Inc. è richiesto

  • per accogliere sei rifugiati di Moria;
  • chiedere al Cantone e alla Confederazione di prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

Il postulato è stato respinto nella riunione del consiglio dei residenti del 08.12.2020.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

«Disponibilità ad accettare altri rifugiati»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Solothurn (SO)
Status: Accepted

Attendance

“La città di Soletta sta esaminando le possibilità di segnalare alla Segreteria di Stato per le migrazioni e all’Organizzazione internazionale delle Nazioni Unite per le migrazioni che è disposta ad accogliere altri rifugiati – in linea con le offerte già fatte da altre città svizzere come Basilea, Berna e Zurigo”.

Il postulato è dichiarato significativo il 16.06.20.

«Appello al comune di Arlesheim: accogliere i rifugiati delle isole greche»

Petition
Level: Municipality
Municipality: Arlesheim (BL)
Status: Accepted

Attendance

Comunicazione del consiglio comunale di Arlesheim BL:

“Il 17 agosto 2020 è stata presentata una petizione da parte di alcuni residenti per l’impegno del nostro comune ad accogliere i rifugiati dei campi delle isole greche.

La petizione è un sottoprogetto dell’Appello di Pasqua, una campagna che Amnesty International sta portando avanti insieme a Evacuation-Now e alla Carta delle Migrazioni. La petizione fa seguito a una petizione lanciata in primavera, indirizzata direttamente al Consiglio federale e firmata da circa 39’000 persone. L’attuale petizione chiede al comune di Arlesheim di dichiarare la propria disponibilità ad accogliere i rifugiati delle isole greche e di comunicare pubblicamente questa decisione e di trasmetterla al Consiglio federale. Il Consiglio comunale sostiene la richiesta dei firmatari e nella sua ultima riunione ha confermato la sua disponibilità ad ammettere altre cinque persone (da un campo su un’isola greca) alle procedure ordinarie. Il cantone, in quanto primo punto di contatto del comune, sarà informato di conseguenza”.

«Ambasciata dell’asilo nell’UE»

Motion
Level: Confederation
Canton: AG
Status: Rejected

«Bienne entrerà a far parte della rete europea delle città di rifugio»

Dringliches Postulat 20170053
Level: Municipality
Municipality: Biel (BE)
Status: Accepted

«Basilea si trova in riva al mare – Firma della Dichiarazione di Ginevra sui diritti umani in mare»

Anzug 19.5453.01
Level: Canton
Canton: BS
Status: Pending

Attendance

16.10.19 ingresso

Suit Sarah Wyss e consorti per quanto riguarda Basilea è in riva al mare – la firma del Dichiarazione di Ginevra sui diritti umani in mare

20.11.2019 Votazioni nel Gran Consiglio del Canton Basilea Città

Bonifico con 49 sì a 41 no

In attesa di ulteriori elaborazioni.

«Basilea accetta di accogliere i rifugiati di Moria»

Öffentliche Solidaritätsbekundung
Level: Canton
Canton: BS
Status: Accepted

Attendance

Basilea a settembre 2020

Dopo l’incendio nel campo profughi di Moria, anche Basilea accetta di accogliere altre persone. La consigliera nazionale Sibel Arslan chiede al suo cantone di essere solidale con i rifugiati di Lesbo e dei campi.

Il cantone di Basilea Città si aggiunge così a una lista di dieci città svizzere che sarebbero tutte disposte ad accogliere i rifugiati in mezzo a loro oltre alla quota.

Document

Press reports

Basel will Flüchtlinge aus Moria aufnehmen Der Kanton signalisiert gegenüber dem Bund die Bereitschaft Migranten Unterstützung zu gewähren. Dafür gibt es auch Kritik – SVP Grossrat Joël Thüring spricht von “Förderung der Unmenschlichkeit” Flüchtlinge aus Moria aufnehmen – Jetzt Die Zeit drängt. Die Menschen aus dem Lager brauchen Hilfe. Ein Kommentar von Sandro Benini Basel soll Flüchtlinge aus Moria aufnehmen Nach dem Brand im Flüchtlings­lager fordert National­rätin Sibel Arslan die Regierung auf, bis zu 50 Menschen Schutz zu bieten.

«Basilea come città di rifugio»

Anzug 18.5300
Level: Canton
Canton: BS
Status: Rejected

Attendance

La causa è stata presentata nell’ottobre 2018 e trasferita al Consiglio di governo nel novembre 2018. In Svizzera, Ginevra e Basilea sono pioniere nell’offrire ai sans-papiers un luogo di rifugio.

“La promessa dell’Europa di difendere i diritti umani viene infranta ogni giorno. L’attuale politica europea in materia di asilo non serve più principalmente a proteggere i rifugiati, ma piuttosto a proteggere le frontiere. Nonostante I continui conflitti in paesi come la Siria, l’Afghanistan, il Sudan meridionale, il Myanmar o la Somalia e il numero crescente di rifugiati in tutto il mondo stanno già riducendo il numero di rifugiati che trovano protezione in Europa. Persone in cerca di protezione
ma deve avere accesso a un processo equo e costituzionale in Europa. Invece dei go-it-aloni nazionali alle frontiere e nei porti, c’è bisogno di un’accettazione basata sulla solidarietà in cui gli Stati sono coinvolti
le frontiere esterne meridionali non sono l’unico responsabile per i richiedenti asilo.

Il drammatico peggioramento della situazione nel Mediterraneo richiede la nostra solidarietà e l’adozione di misure efficaci per salvare le persone in difficoltà in mare e consentire loro di sbarcare nel più vicino porto europeo. Dopo di che saranno ricevuti in vari paesi. Se anche le nazioni ricche chiudono i loro confini ai rifugiati, altri Stati ne seguiranno l’esempio. Ecco perché in Europa è necessaria una politica responsabile di vie di fuga sicure e porti aperti. E questo deve essere sostenuto attivamente.

Il termine “Città di Rifugio” può essere usato per descrivere quelle città che richiedono l’accoglienza diretta di rifugiati o migranti dall’estero in una determinata città. Al momento Europa Iniziative a livello di città per una politica di accoglienza liberale per i rifugiati A fine luglio, su invito del sindaco di Napoli, un convegno delle città progressiste con
Palermo e Barcellona e probabilmente Berlino e Bari. Non è un caso, perché le città sono sempre state un luogo di migrazione e di accoglienza dei rifugiati in tutto il mondo. Dati i limiti dello Stato-nazione
I regimi dei rifugiati spostano le città in primo piano.

Si chiede pertanto al Consiglio di governo di esaminare come può utilizzare gli organi appropriati (ad es. associazione di città, colloqui diretti, ecc.) per fare pressione sul governo federale affinché accolga i rifugiati dalle navi nel Mediterraneo. Basilea dovrebbe unirsi alle fila di città come Palermo, Berlino, Barcellona, Barcellona, Kiel, Amsterdam, Stoccolma e Napoli per offrire protezione ai rifugiati”.

Il 10 novembre 2020, il Consiglio cantonale di Basilea ha deciso di respingere la causa.

Il 10 febbraio 2021, i membri del Gran Consiglio hanno votato sulla cancellazione. Con 48 a 44 voti la causa “Basilea come città rifugio” è stata archiviata come fatta.

Maggiori informazioni sul dossier 18.5300

Press reports

Zufluchtsstädte – eine US-Bewegung erreicht die Schweiz
In den USA legen sich mehr und mehr Städte mit den Bundesbehörden an. Als “Sanctuary Cities” schützen sie Migrantinnen und Migranten ohne Papiere gegen die harte Einwanderungspolitik von Präsident Donald Trump. In der Schweiz sind Genf und Basel Pioniere, die Sans-Papiers einen Zufluchtsort bieten wollen, wo diese nicht um Verhaftung und Abschiebung fürchten müssen.

 

Aufenthalt von Sans-Papiers in der Schweiz legalisieren: Fünf Fragen und Antworten
Bis zu eine Viertelmillion Menschen leben schätzungsweise in der Schweiz, ohne einen legalen Aufenthaltsstatus zu haben. Verschiedene Städte wollen die Situation der sogenannten Sans-Papiers verbessern.

 

Basel soll Stadt der Zuflucht werden
Redebeitrag im Grossen Rat zum Anzug von Beda Baumgartner

«Ammissione di almeno 3000 rifugiati di reinsediamento in Svizzera»

Postulat 2018/8/ Interpellation Nr. 2018/3
Level: Canton
Canton: SH
Status: Transformed or canceled

Attendance

18.02.19: Trasformazione in interpellanza. L’interpellanza viene spiegata e discussa. – L’affare è concluso.

05.11.18: Inserimento del postulato

https://sh.ch/CMS/get/file/3d102ecc-4fd8-44c8-969c-201ce5af9d2c

Press reports

Postulat verlangt Aufnahme von Flüchtlingen in Schaffhausen
Der Schaffhauser Stadtrat muss sich mit der Aufnahme von zusätzlichen Flüchtlingen beschäftigen. Die SP/JUSO-Fraktion hat ein entsprechendes Postulat eingereicht.

Postulat: Stadt soll Bootsflüchtlinge aufnehmen
Vor den Grenzen Europas spielten sich menschliche Tragödien ab, sagt SP-Grossstadtrat Christoph Schlatter. Er will, dass die Stadt Schaffhausen Flüchtlinge aufnimmt.

«Accoglienza dei rifugiati in difficoltà nel Mediterraneo»

Dringliche Motion 2019.SR.000287
Level: Municipality
Municipality: Bern (BE)
Status: Accepted

«l’accoglienza dei rifugiati dalla Grecia e la riforma della Convenzione di Dublino»

Motion 20.3143
Level: Confederation
Canton: BE
Status: Accepted

Attendance

23.09.20 Approvazione della mozione in seno al Consiglio degli Stati


16.06.20 Approvazione della mozione in Consiglio Nazionale


01.05.20 Il Consiglio federale propone di accogliere la mozione


“Il Consiglio federale segue da vicino gli sviluppi nel settore della migrazione in Turchia e in Grecia e condivide le preoccupazioni dei firmatari. Si tratta di una sfida paneuropea che deve essere affrontata congiuntamente.


Tuttavia, la Svizzera è coinvolta anche a livello bilaterale: il DFGP ha promesso alla Grecia l’ammissione rapida dei richiedenti asilo minori non accompagnati (UMA) con legami familiari in Svizzera sulla base delle disposizioni vigenti a Dublino. Sebbene i trasferimenti a Dublino siano attualmente sospesi, è stato concesso l’ingresso immediato di 22 UMA. Il SEM sta attualmente lavorando con le autorità greche per organizzare il rapido ingresso di questi bambini e giovani. Inoltre, il DFGP e la DSC (Aiuto umanitario) hanno fornito ulteriori finanziamenti per progetti gestiti dall’ONU e da altre organizzazioni umanitarie. Questi fondi saranno utilizzati anche per finanziare misure di emergenza per combattere la diffusione del coronavirus e per migliorare la salute nelle strutture di accoglienza.


Il Consiglio federale continuerà ad adottare misure adeguate per contribuire a migliorare la situazione migratoria in Grecia e in particolare nelle isole greche. Continuerà inoltre a lavorare con determinazione a livello europeo per un sistema di Dublino resistente alla crisi, basato su una più solida e più equa condivisione delle responsabilità.


22.04.20 Data di presentazione


“Il Consiglio federale ha il mandato di lavorare a livello europeo per garantire che la situazione nelle isole dell’Egeo sia sostanzialmente migliorata. Inoltre, la Svizzera dovrebbe anche compiere un proprio sforzo di solidarietà. Inoltre, il Consiglio federale è incaricato di lavorare a livello europeo per una riforma dell’Accordo di Dublino in vista di una distribuzione più equa e uniforme dei rifugiati, garantendo loro un trattamento umano.


https://www.parlament.ch/de/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20203143

Press reports

«Zürich könnte 800 Menschen aufnehmen»
Karin Keller-Sutter stellt sich taub, doch die Städte lassen sich nicht beirren: Sie machen weiter Druck für die sofortige Evakuierung von Geflüchteten aus Lesbos.

Bundesrat soll sich für Flüchtlinge auf ägäischen Inseln einsetzen
Der Bundesrat wird beauftragt, sich auf europäischer Ebene für die Flüchtlinge auf den ägäischen Inseln einzusetzen.

Auch der Ständerat will geflüchteten Menschen auf Lesbos helfen
Das Parlament beauftragt den Bundesrat, sich für eine Reform des Dublin-Abkommens einzusetzen und sich mit den Flüchtlingen auf den griechischen Inseln solidarisch zu zeigen.

Parlament beauftragt den Bundesrat zur Aufnahme von Geflüchteten
Der Ständerat hat heute die Motion Nr. 20.3141 “Aufnahme von Geflüchteten aus Griechenland und Reform des Dublin-Abkommens” angenommen. Somit hat das gesamte Parlament den Bundesrat nun damit beauftragt Geflüchtete aus Griechenland aufzunehmen. Der Motionstext sieht “eigene Solidaritätsleistungen” vor – dies kann in der jetzigen Situation nur die sofortige Evakuierung der Geflüchteten aus den griechischen Camps bedeuten.

Nationalratskommission will gesetzliche Grundlage für Tracing-App
Zu diskutieren gab in der SPK die Situation der Flüchtlinge in Griechenland. Sie möchte ein klares Signal für ein weiterhin engagiertes Verhalten der Schweiz senden. Mit 15 zu 9 Stimmen beschloss die Kommission eine Motion. Konkret soll sich der Bundesrat auf europäischer Ebene für eine Reform des Dublin-Abkommens einsetzen, sodass die Flüchtlinge gleichmässiger und gerechter verteilt werden.

Kommission will keine Pflicht für Nutzung von Contact-Tracing-App
Handlungsbedarf sieht die Staatspolitische Kommission auch bei der Situation der Flüchtlinge in Griechenland. Sie anerkenne das bisherige Engagement der Schweiz, wolle aber ein klares Signal für ein weiterhin engagiertes Verhalten senden. Die Kommission fordert daher in einer Motion die Verbesserung der Situation auf den ägäischen Inseln und eine Reform des Dublin-Abkommens für die gerechtere Verteilung von Flüchtlingen.

«Baden: La solidarietà urbana in tempi di crisi»

Dringliche Anfrage
Level: Municipality
Municipality: Baden (AG)
Status: Accepted

Attendance

Richiesta urgente alla città di Baden nell’agosto 2020


La città di Baden è invitata a presentare le proprie osservazioni in merito alle seguenti domande:


“1) Condivide l’opinione che, in linea di principio, sono già disponibili strutture sufficienti per accogliere i richiedenti l’asilo in Svizzera?
2) Avete strutture o edifici esistenti nella vostra città che potrebbero essere utilizzati per l’accoglienza supplementare dei rifugiati?
3) Oltre alle persone assegnate tramite quote, siete disposti ad accogliere altri rifugiati nella vostra città (dai campi delle isole greche, dal Servizio di soccorso del Mar Mediterraneo o tramite il Programma di reinsediamento dell’UNHCR)?
4) Segnalerà tale disponibilità al governo federale e al SEM e la comunicherà efficacemente anche al pubblico?
6) Quali altri sforzi state compiendo per far sì che il diritto d’asilo sia rispettato anche in tempi di crisi e che la tradizione umanitaria della Svizzera continui?

Urgente_Request

Risposta del consiglio comunale di settembre 2020


Nella risposta, il consiglio comunale ha espresso il suo sostegno fondamentale per l’accoglienza dei rifugiati: “Se la Confederazione e il Cantone creano le condizioni legali […] la città di Baden è disposta a prendere in considerazione ulteriori ammissioni. La disponibilità ad accogliere i rifugiati deve essere comunicata al governo federale attraverso l’Iniziativa delle città per le politiche sociali.


Risposta-City-Baden-Urgent Request

Nell’agosto del 2020, a diversi comuni e amministrazioni cittadine è stato scritto per mantenere alta la pressione per accettare i rifugiati dai campi greci: “Ora è importante non dimettersi, ma rimanere attivi. Abbiamo già l’impegno delle otto città più grandi ad accogliere i rifugiati, ma ce n’è bisogno. A tale scopo abbiamo creato un modello di lettera che potete semplicemente compilare e stampare con la vostra città e il vostro nome. Si prega di inviare le risposte a Seebrücke e a noi info@evakuieren-jetzt.ch. Potete trovare il modello di lettera sul sito www.evakuieren-jetzt.ch/files/Dringliche_Anfrage.pdf”, dice la chiamata per l’evacuazione ORA.

«Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Baden (AG)
Status: Accepted

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Il consiglio comunale di Baden è richiestoper accogliere 14 rifugiati di Moria;
di invitare il Cantone e la Confederazione a prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

Il consiglio comunale di Baden ha dato una risposta positiva al postulato:

“La città di Baden vuole accogliere 14 rifugiati del campo di Moria sull’isola greca di Lesbo, distrutta da un incendio. I rifugiati di Lesbo “si trovano in una situazione di emergenza umanitaria”, spiega il consiglio comunale nella sua risposta all’urgente postulato del consigliere comunale Nora Langmoen (SP).


Tuttavia, il consiglio comunale ha posto come condizione di ammissione la creazione dei presupposti legali. L’accoglienza dei rifugiati è regolamentata a livello federale. La città di Baden ha quindi informato il consiglio comunale della sua disponibilità a farlo. Quest’ultima è in contatto con la Confederazione su questo tema e si coordina con le altre città svizzere che si sono dichiarate disponibili ad accogliere i rifugiati. Anche la città di Baden ha già preso contatto con questi comuni del Canton Argovia”.

Badener Tagblatt del 26.11.20

Il consiglio dei residenti ha accettato il postulato il giorno 08.12.20 con una netta maggioranza.

Document

Press reports

Nach Inferno auf Lesbos: Baden soll 14 Flüchtlinge aufnehmen Einwohnerrätinnen und Einwohnerräte aus fünf Fraktionen fordern den Badener Stadtrat dazu auf, 14 geflüchtete Menschen aufzunehmen, die im zerstörten Flüchtlingslager Moria auf Lesbos untergebracht waren. Baden will 14 Flüchtlinge aus Moria aufnehmen – unter einer Bedingung Der Badener Stadtrat will die Forderung erfüllen, die Politiker von SP bis GLP nach dem verheerenden Brand im Flüchtlingscamp auf der Insel Lesbos gestellt hatten.

«Accoglienza dei rifugiati del campo di Moria»

Dringliches Postulat
Level: Municipality
Municipality: Aarau (AG)
Status: Accepted

Attendance

In un postulato urgente, il PS chiede l’ammissione dei rifugiati del (nuovo) Campo Moria di Lesbo.

“Si chiede al Consiglio Comunale di Aarau:

  • per accogliere 16 rifugiati di Moria;
  • di chiedere al Cantone e alla Confederazione di adottare le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

Il postulato è stato deferito come urgente e adottato il 21 settembre 2020.

L’Aargauer Zeitung scrive nell’edizione cartacea del 23.09.20:

“I consigli dei residenti accetteranno i rifugiati di Moria

Aarau/ Buchs Il Consiglio dei residenti di Aarau ha approvato un postulato con 27 sì a 18 no, che incarica il consiglio comunale di accogliere 16 rifugiati del campo di Moria a Lesbo in Grecia. Questo numero è “assolutamente sopportabile per Aarau”, secondo Beatrice Klaus (SP). Il PLR e l’SVP si sono opposti alla rimessa. Susanne Heuberger (SVP) ha sottolineato che il governo federale ha la responsabilità di decidere quanti “rifugiati e migranti” saranno accettati. Era anche discutibile fare un “gesto generoso” nella consapevolezza che “la Confederazione e il Cantone si faranno carico dei costi per i primi cinque o sette anni e non la città”. I sostenitori sottolineano di essere già a conoscenza delle condizioni legali, ma che si tratta di “dare l’esempio”, secondo Susanne Klaus (Verdi). La consigliera comunale Angelica Cavegn ha dichiarato che il consiglio comunale è lieto di accettare la richiesta in vista di questa “situazione di emergenza umanitaria”.

Anche a Buchs c’è ora un postulato corrispondente: in esso, cinque membri del consiglio dei residenti chiedono che il consiglio comunale sia pronto ad accogliere sei rifugiati di Moria. Il resto del postulato è in gran parte identico a quello attualmente in circolazione ad Aarau e in altre città”.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Aarau: Postulat zur Aufnahme von geflüchteten Menschen
27 Einwohnerrätinnen und Einwohnerräte aus sechs Parteien bitten den Aarauer Stadtrat, sich bereit zu erklären, 16 geflüchtete Menschen aus Moria aufzunehmen.

Nach Inferno auf Lesbos fordern mehrere Einwohnerräte: Die Stadt soll 16 Flüchtlinge aufnehmen
27 Einwohnerratsmitglieder fordern den Stadtrat auf, sich bereit zu erklären, mindestens 16 geflüchtete Menschen aus dem niedergebrannten Flüchtlingslager Moria auf Lesbos, Griechenland, in Aarau aufzunehmen.

Trotz roten Zahlen: Stadtparlament zeigt seltene Einigkeit beim Budget
Für den coronageprägten Voranschlag 2021 gab es im Einwohnerrat keine Hürden. In den Jahren danach würden die Ausgaben aber wieder genauer unter die Lupe genommen, hiess es. Das Parlament hat dem Stadtrat zudem beauftragt, sich bei Bund und Kanton bereit zu erklären, 16 Flüchtlinge aus Moria aufzunehmen.

«Accoglienza dei rifugiati»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Baden (AG)
Status: Rejected

Attendance

Rifiuto da parte del consiglio comunale
11.12.18: Trasferito e cancellato
18.09.18: Ingresso

https://www.baden.ch/public/upload/assets/90297/Protokoll.pdf

Press reports

«Baden könnte Vorreiterrolle einnehmen» – der Stadtrat soll Flüchtlingshilfe aktiver vorantreiben
Einwohnerräte fordern, dass Stadtrat mehr Solidarität gegenüber Flüchtlingen zeigt. In einem Postulat werden Stadträte von Baden und Aarau aufgefordert, «mehr Engagement zur Aufnahme von geflüchteten Menschen» zu zeigen.

Forderung zu Flüchtlingen: Stadtrat plädiert für Status quo
SP-Einwohnerrätin Hannah Locher verlangte vom Stadtrat mehr Engagement zur Aufnahme von Flüchtlingen. Doch dieser setzt auf die bewährten Projekte.

Politischer Vorstoss zur städtischen Flüchtlingspolitik
Die Städte Aarau und Baden sollen ein sicherer Hafen für alle sein, sich mit gleichgesinnten Städten vernetzen und für Offenheit und Solidarität einstehen.

«Accogliere i rifugiati del campo di Moria»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Brugg (AG)
Status: Accepted

Attendance

23.10.20 Richiesta al consiglio comunale di Brugg:

“Al consigliere Brugg viene chiesto

  • per accogliere nove rifugiati di Moria;
  • chiedere al Cantone e alla Confederazione di prendere le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria;
  • di coordinarsi con le città e i comuni del Canton Argovia, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che stanno prendendo iniziative analoghe per accogliere i rifugiati”.

La richiesta di procedura d’urgenza del postulato Urs Bürkler e Pascal Ammann riguardo all’accoglienza dei rifugiati del campo di Moria (Lesbo, Grecia) è respinta.

29.01.21 La città di Brugg dichiara la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati dei campi greci.


Questa iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”.

I campi profughi in Grecia sono in condizioni disastrose. Diverse decine di migliaia di rifugiati sono rinchiusi nei campi nelle condizioni più degradanti. La loro situazione è così insopportabile che a Pasqua 2020, le tre chiese nazionali della Svizzera si sono appellate congiuntamente al Consiglio federale per alleviare la tragedia e accettare 5000 rifugiati dalla Grecia in Svizzera.

La campagna “500 persone per le comunità in Argovia” raccoglie questo appello e vuole ottenere che le comunità e le città aumentino volontariamente la loro quota di accoglienza. In questo modo, possono creare la capacità necessaria nel e con il cantone affinché il governo registri “spazi liberi” presso la Confederazione per l’ammissione di persone provenienti da campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Chiedete al vostro comune in Argovia di accogliere anche le persone. Le richieste sono coordinate dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Modello di lettera “500 persone per i comuni dell’Argovia”.

Document

Press reports

Die Stadt Brugg ist bereit, einen humanitären Beitrag zu leisten
Der Brugger Einwohnerrat überweist mit 34 zu 14 Stimmen das Postulat von Björn Urs Bürkler (Grüne) und Pascal Ammann (SP) betreffend Aufnahme von Flüchtlingen aus dem Lager Moria.

Postulat eingereicht: Stadt soll mindestens neun Flüchtlinge aus Moria aufnehmen
Die Brugger Einwohnerräte Björn Bürkler und Pascal Ammann reichen ein Postulat ein – für dringlich erklärt worden ist es aber nicht.

«Accoglienza di rifugiati dal campo “moria”»

Motion
Level: Municipality
Municipality: Solothurn (SO)
Status: Accepted

Attendance

Solothurn nel settembre 2020

Dopo l’incendio di Moria, Soletta ha dichiarato la sua solidarietà con i rifugiati delle isole greche. Una netta maggioranza del consiglio comunale di Soletta ha votato a favore della mozione d’urgenza del PS. La città dichiarerà ora la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati del campo bruciato di Moria.

Numerose città e comuni sono pronti ad accogliere persone di Moria. Spetta ora al governo federale approfittare finalmente di questa offerta.

Press reports

Gemeinderat will Flüchtlinge aus Moria aufnehmen: «Wo ein Wille ist, ist ein Weg»
Die Stadt Solothurn will helfen: Eine klare Mehrheit des Solothurner Gemeinderats sprach sich an der Sitzung vom Dienstagabend für die Dringliche Motion der SP aus. Damit wird nun die Stadt dem Bund ihre Bereitschaft erklären, Flüchtlinge aus dem abgebrannten Camp von Moria aufzunehmen.

«Accoglienza dei rifugiati»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Schlieren (ZH)
Status: Rejected

«Accoglienza dei rifugiati in barca»

Dringliches Postulat
Level: Canton
Canton: ZH
Status: Rejected

Press reports

Zürcher Kantonsrat gegen Aufnahme von Bootsflüchtlingen
Der Zürcher Kantonsrat ist gegen die Aufnahme von zusätzlichen Bootsflüchtlingen. Er hat einen entsprechenden Vorstoss der Ratslinken, welche eine Entlastung der Länder rund ums Mittelmeer anstrebte, knapp abgelehnt.

SP, AL und EVP fordern vom Kanton Zürich mehr Engagement für Bootsflüchtlinge
Der Kanton Zürich soll sich beim Bund dafür einsetzen, dass für die Aufnahme von Bootsflüchtlingen Kontingente geschaffen werden und diesen Menschen in der Schweiz ein faires Asylverfahren geboten wird. Der Kantonsrat hat am Montag ein Postulat von SP, AL und EVP für dringlich erklärt.

Der Kanton Zürich will nicht mehr Bootsflüchtlinge aufnehmen
Auch wenn viele Asylunterkünfte nicht ausgelastet sind, wehrt sich der Kantonsrat gegen zusätzliche Flüchtlinge.

«Accoglienza dei rifugiati in barca»

Postulat 20180257
Level: Municipality
Municipality: Biel (BE)
Status: Transformed or canceled

Attendance

15.08.18: Presentazione del postulato di non parte 20180257

di Anna Tanner (gruppo SP/JUSO), Judith Schmid (PdA), Christoph Grupp (gruppo Verdi), Mohamed Hamdaoui (PSR), “Accoglienza dei boat people”.
https://www.biel-bienne.ch/public/upload/assets/4127/05_d_25.04.2019.pdf

25.04.19: Dichiarato sostanziale in consiglio comunale.

16.12.20: Cancellato come adempiuto dal consiglio comunale.

La città di Biel si impegna a creare il quadro giuridico per un’accoglienza diretta. A causa della mancanza di una base giuridica e delle risorse necessarie, rifiuta allo stesso tempo un’ammissione diretta.

“Al consiglio comunale è stato chiesto con la presente proposta di esaminare come può sostenere l’ammissione diretta dei rifugiati dalle navi nel Mediterraneo e se vuole unirsi ad altre città che hanno accolto direttamente i rifugiati.

Il consiglio comunale ha esaminato queste preoccupazioni e può affermare che mancano le possibilità legali per una tale ricezione diretta. Tuttavia, anche se la situazione fosse diversa, la città di Biel non avrebbe le risorse necessarie per un’accoglienza e una cura diretta dei rifugiati. A differenza della città di Berna, per esempio, che è incaricata dal cantone di curare e ricevere i rifugiati, questo non vale per Bienne, poiché il cantone ha trasferito questo mandato per la regione di Bienne Seeland alla Croce Rossa.

Tuttavia, il consiglio comunale sarebbe contento se la base legale fosse adattata in modo che in futuro siano possibili ammissioni senza complicazioni. Chiede quindi alla Confederazione e ai cantoni di prendere misure adeguate. In questo contesto, accoglie con favore l’iniziativa della città di Friburgo, che ha chiesto una tavola rotonda con il governo federale, il cantone e le città per trovare soluzioni in questa materia.

Il consiglio comunale chiede quindi al consiglio comunale di cancellare il postulato non partitico 20180257 come adempiuto.”

Risposta del consiglio comunale di Biel

Document

«Partecipazione attiva della città di Langenthal per quanto riguarda i rifugiati in barca»

Postulat
Level: Municipality
Municipality: Langenthal (BE)
Status: Rejected

«Accoglienza dei richiedenti asilo che arrivano nei porti europei»

Postulat 2019/390
Level: Municipality
Municipality: Zürich (ZH)
Status: Transformed or canceled

Attendance

28.10.2020 Ritiro

02.10.2019 Rifiuto richiesto e rinviato

25.09.2019 Accoglienza da parte del consiglio comunale

18.09.2019 ingresso

Il consiglio comunale è invitato a esaminare come i rifugiati che arrivano nei porti europei possono essere accolti a Zurigo. In particolare, il Consiglio comunale dovrebbe collaborare con la Confederazione per garantire che la Svizzera partecipi a una quota di distribuzione europea e presentare un’offerta alla Confederazione per l’assunzione di una parte sostanziale del contingente svizzero nella città di Zurigo.

Requisito del postulato “accoglienza dei richiedenti asilo che arrivano nei porti europei

https://www.gemeinderat-zuerich.ch/geschaefte/detailansicht-geschaeft?gId=51bcbb53-e533-4121-ac32-860b849ae009

Press reports

Bootsflüchtlinge sollen nach Zürich geholt werden
Ein Vorstoss fordert, dass die Stadt mit gutem Beispiel voran geht und sich beim Bund für die Aufnahme von Flüchtlingen starkmacht.

 

«Accogliere i rifugiati per motivi umanitari»

Demande simple 20/EA 3/26
Level: Canton
Canton: TG
Status: Rejected

Attendance

Nel maggio 2020, il Regierungsrat Simon Vogel (Verdi) chiede al governo della Turgovia di impegnarsi ad accogliere i rifugiati dei campi sovraffollati delle isole greche.

“1. Qual è la situazione attuale in Turgovia? Abbiamo delle capacità e la Turgovia è in grado di accogliere più persone?

2. il Consiglio di governo è disposto ad accogliere i rifugiati (in particolare le persone vulnerabili) al di fuori del contingente esistente per motivi umanitari? Qual è la base giuridica per questo?

3. il consiglio di governo di Berna è impegnato a trovare una soluzione globale alla crisi umanitaria in Grecia?

Richiesta semplice “Ammissione di rifugiati per motivi umanitari”, Simon Vogel

Richiesta “Accoglienza dei rifugiati”.

Nella sua risposta alla domanda dell’inizio di agosto, il Cantone fa riferimento alla responsabilità dell’UE (“”Da parte dell’Europa, la responsabilità è dell’Unione europea, che non è ancora riuscita a risolvere questa sfida”) e agli sforzi già compiuti dalla Svizzera.

Sarebbe inutile che i singoli cantoni esercitassero pressioni sulla Confederazione affinché accolga i rifugiati. Inoltre, in Turgovia non c’era spazio per ospitare persone.

Risposta del Consiglio di Stato del Canton Turgovia.

Press reports

Kein Platz: Der Kanton Thurgau kann keine zusätzlichen Flüchtlinge aus den überfüllten Lager in Moria aufnehmen
La solution de la crise des réfugiés est une tâche internationale, déclare le gouvernement de Thurgovie. Le conseiller cantonal Simon Vogel, des Verts, souhaite que le gouvernement s’engage davantage dans les questions humanitaires.