Logo Seebrücke Schweiz

Sviluppo

Gli stati europei trascurano il loro dovere nei confronti del soccorso in mare. Un soccorso in mare civile diventa necessario e salva vite.

Quando la migrazione attraverso il Mediterraneo è diventata illegale

Un breve sguardo al secolo scorso: dopo il 1945, l’Europa ha accolto con favore l’immigrazione di manodopera a basso costo per la ricostruzione e a causa di una carenza dovuta alla guerra. La crisi economica del 1973 ha posto fine al miracolo economico e ha cambiato irrevocabilmente la geografia globale ed europea dei flussi migratori. Una delle reazioni dei Paesi colpiti è stata quella di rendere più difficile la migrazione. L’inasprimento delle norme di ingresso ha posto le basi dell’odierna “Fortezza Europa” e la criminalizzazione delle persone che vengono in Europa.

Da allora, oltre 2,5 milioni di rifugiati hanno attraversato il Mediterraneo sulle tre rotte principali. Tra queste, la rotta centrale: inizialmente dalla Tunisia all’Italia, più raramente dall’Algeria o dall’Egitto, e dagli anni 2000 in poi con la Libia come porto di partenza principale. Se si considerano solo le cifre assicurate, questa rotta da sola ha fatto oltre 17.000 vittime dal 2014, rendendo il Mediterraneo centrale la frontiera più mortale del mondo.

Sta emergendo una flotta civile

Nell’ottobre 2013 un naufragio ha attirato l’attenzione di tutto il mondo. Durante il naufragio sono annegate a Lampedusa circa 390 persone. Pochi giorni dopo l’Italia ha lanciato una grande operazione di salvataggio in mare, il Mare Nostrum. Nel giro di un anno, ha salvato oltre 150.000 persone. Dopo che l’Italia aveva più volte invitato invano gli altri Stati membri dell’Unione Europea a trovare una soluzione per la ripartizione dei
costi dell’operazione e delle persone salvate, il Mare Nostrum è stato sospeso nell’ottobre 2014.

La missione Triton, che ha seguito con esitazione la missione dell’UE, si è concentrata sulla sicurezza delle frontiere. La sua area operativa era al largo delle coste europee e disponeva solo di un terzo delle risorse finanziarie della missione precedente. Non ha salvato altrettante persone. Allo stesso tempo, sempre più denaro europeo veniva speso per lo sviluppo della cosiddetta guardia costiera libica.

È in questo contesto che si sono formate le prime organizzazioni di soccorso civile. Nel giugno 2015, il MS Sea-Watch è salpato per la prima volta da Lampedusa verso la zona di ricerca e salvataggio (zona SAR) al largo delle coste libiche, seguito dalle navi di Medici Senza Frontiere (MSF) e successivamente da altre ONG.

Il vento si sta spostando

All’inizio dell’estate del 2017, la flotta civile era al suo apice con 13 navi e il nuovo aereo Moonbird di Sea Watch. Invece di lasciarsi mettere sotto pressione, però, gli attori statali* hanno usato questo slancio per tirarsi fuori dalla vicenda. Ciò ha portato a un netto calo della percentuale di persone salvate da navi statali e dell’UE (dal 66% nel 2016 al 49% nel 2017), mentre la percentuale dei soccorsi civili è aumentata nella direzione opposta.

Allo stesso tempo, c’era una crescente minaccia per le navi civili di soccorso da parte della cosiddetta guardia costiera libica. Già nell’aprile del 2016, le milizie armate avevano minacciato e si erano imbarcate sul Sea-Watch 2, prima di mettere nuovamente in pericolo la nave e l’equipaggio nel maggio 2017 con una manovra di breakneck. In agosto hanno sparato e sono saliti a bordo della Bourbon Argos. A settembre hanno dirottato il motoscafo Speedy, compreso l’equipaggio, verso la Libia (l’equipaggio è stato rilasciato poco dopo, la barca no). Finalmente nel novembre 2017 una motovedetta libica ha attaccato accidentalmente anche la fregata navale tedesca del Mecklenburg-Vorpommern.

Durante questo periodo soni iniziate anche la criminalizzazione e l’ostruzione statale del salvataggio civile in mare, che continuano ancora oggi. Nell’estate del 2017, le autorità italiane hanno cercato di fare pressione sulle ONG di soccorso in mare affinché
firmassero un controverso codice di condotta. Tra le altre cose, questo codice di condotta avrebbe dovuto costringerli a prendere a bordo degli agenti di polizia. Solo due giorni dopo che Jugend Rettet si è rifiutato di firmare questo “Codice di condotta”, la loro nave – la Iuventa – è stata confiscata per presunti contatti con contrabbandieri in Italia. Sopraffatte da questo clima di ostilità, alcune ONG hanno ritirato le loro navi dal
Mediterraneo.

Poco dopo, Malta ha confiscato la nave di salvataggio Lifeline e ha avviato un procedimento contro il capitano. Anche Sea-Watch 3 e Sea Fox si trovavano all’epoca nel porto di Malta e sono state prese in custodia dalle autorità locali. Quando tutte le ispezioni richieste per Sea-Watch 3 furono superate poco meno di un mese dopo, la nave era ancora in stato di fermo. Solo nell’ottobre del 2018, quasi quattro mesi dopo, la nave ha potuto lasciare Malta. Quattro mesi in cui oltre 500 persone sono annegate nel Mediterraneo centrale.

Il movimento SEEBRÜCKE nasce

Sono anche quattro mesi durante i quali decine di migliaia di persone sono scese in piazza all’insegna del PONTE DEL STAGIONE e delle città della solidarietà contro il morire nel Mediterraneo. Da allora, insieme alle ONG civili di soccorso in mare, hanno attirato l’attenzione sul fatto che le organizzazioni private che si occupano di soccorso in mare nel Mediterraneo, invece che gli Stati, non possono e non devono diventare uno stato di cose permanente! Chiedono ai responsabili politici europei vie di fuga immediatamente sicure, una decriminalizzazione del salvataggio in mare civile e statale e un’accoglienza umana dei fuggitivi.

Fonte: Questo testo si basa sulla cronaca “No Borders Navy” di Chris Grodotzki, http://www.hinterland-magazin.de/wp-content/uploads/2019/10/Hinterland-Magazin_43-38.pdf