Logo Seebrücke Schweiz

Comuni della Svizzera centrale per il porto sicuro

SEEBRÜCKE Svizzera ha preso l’azione “Beim Namen nennen” il 19 giugno 2021 a Lucerna come un’opportunità per scrivere a tutti i 156 comuni della Svizzera centrale che non hanno ancora preso una posizione pubblica. I comuni di Kriens e Lucerna hanno già inviato un segnale politico contro la disumana politica d’asilo.

La lettera era indirizzata alle rispettive amministrazioni comunali e chiede loro di dichiarare la loro solidarietà con le persone in fuga come primo passo. Questa dichiarazione pubblica di solidarietà può essere seguita da ulteriori passi concreti per l’azione, come affrontare la richiesta concreta di ulteriori ammissioni di persone che sono fuggite al governo federale.

Queste sono le risposte dei comuni della Svizzera centrale:

Cantone Nidvaldo

  • Il comune di Ennetbürgen dichiara di non avere “capacità per un’accoglienza e una sistemazione rapida e senza complicazioni delle persone salvate dal pericolo in mare” e fa riferimento alla responsabilità cantonale.
  • “Il consiglio comunale di Stansstad è del parere che ci sono già istanze e capacità competenti in questo settore a livello federale e cantonale”. Inoltre, il comune non ha le risorse umane e finanziarie per soddisfare la richiesta e la rifiuta.
  • Il comune di Stans respinge la domanda in riferimento alle responsabilità e alla mancanza di risorse di personale per la cura delle persone ammesse.
  • Dallenwil non affronta la richiesta nella sua risposta. Il consiglio comunale rifiuta il pagamento di un contributo comunale a Seebrücke.
  • Il comune di Emmetten dichiara di non essere in grado di soddisfare la richiesta a causa della mancanza di competenza del comune.

Canton Lucerna

  • Il comune di Escholzmatt-Marbach rifiuta la dichiarazione di solidarietà perché è “associata a numerose condizioni e obblighi” e quindi a “uno sforzo organizzativo e finanziario sconosciuto”.
  • “Il consiglio comunale dell’Entlebuch si astiene dal fare una dichiarazione pubblica di solidarietà come rifugio sicuro”. Non fornisce alcuna ragione per questo.
  • “Il consiglio comunitario di Grosswangen non sostiene questa domanda di porto sicuro”. Non dà ragioni per questo.
  • Il consiglio parrocchiale di Neuenkirch si oppone alla campagna “in linea con la posizione del cantone di Lucerna”.
  • Il consiglio comunale di Werthenstein “ha deciso di respingere [la] richiesta”. Non fornisce alcuna ragione per questo.
  • Il comune di Sempach respinge la domanda perché “le condizioni e gli obblighi che ne derivano […] non possono essere sopportati”. Il comune riconosce la preoccupazione di Seebrücke Schweiz in linea di principio e si impegna “con un contributo di solidarietà una tantum di 1’000 franchi”.

Cantone Uri

  • Il comune di Sisikon dichiara di “non avere un orientamento politico nel consiglio comunale” e quindi non vuole prendere posizione. Inoltre, il comune non poteva sostenere la richiesta a causa delle sue dimensioni e della sua situazione finanziaria.
  • Il comune di Erstfeld respinge la campagna con riferimento alla responsabilità della SEM.
  • Anche il comune di Flüelen non si considera responsabile, ma fa riferimento alla responsabilità del cantone di Uri.
  • Spiringen si rifiuta di “commentare questioni politiche di importanza nazionale o addirittura internazionale”.

Cantone di Zugo

  • Il comune di Oberägeri afferma che è già “regolarmente coinvolto in vari progetti in patria e all’estero” e quindi non vede la necessità di ulteriori azioni.

Cantone Svitto

  • Il comune di Altendorf vuole attenersi al sistema esistente e non diventare attivo.
  • Il comune di Steinen vede il suo impegno soprattutto nell’integrazione delle persone assegnategli dal governo federale.
  • Il comune di Lauerz si considera un “piccolo comune rurale […] straordinariamente limitato, in particolare nel settore degli alloggi” e rifiuta quindi la dichiarazione di rifugio sicuro.
  • Il comune di Arth vorrebbe che questa preoccupazione fosse rivolta al governo federale o al cantone, che poi lavorerà con i comuni per trovare soluzioni uniformi.
  • Il comune di Morschach si astiene dal prendere provvedimenti, poiché già “rispetta pienamente i suoi doveri nel quadro delle esigenze cantonali”.
  • Il comune di Svitto rifiuta di sostenere la campagna con parole gentili: “Dichiariamo la nostra solidarietà con gli obiettivi di Seebrücke Schweiz opponendoci alla criminalizzazione del salvataggio in mare nel Mediterraneo”. Tuttavia, ha detto, non si hanno risorse sufficienti per accogliere più persone in fuga.

Aggiungeremo qui le risposte una volta che avremo ricevuto il feedback dai comuni.
Inoltre, siamo ancora in contatto con i comuni.