Logo Seebrücke Schweiz

Stop ai rinvii forzati!
Per il diritto di restare in Svizzera per tutt*!

13. June 2022
Notizie

Maria, è una donna eritrea di 30 anni, è arrivata in Svizzera al centro federale di Chiasso a fine dicembre 2021, dove ha depositato una domanda d’asilo. Le autorità svizzere hanno rifiutato di entrare in merito alla sua domanda, su pretesto che le è stato riconosciuto lo statuto di rifugiata in Grecia. Inizio maggio è stata trasferita nel cantone Lucerna, il quale è responsabile dell’esecuzione del rinvio forzato. Lì, non hanno perso tempo. Qualche giorno dopo si reca all’appuntamento all’ufficio della migrazione per rinnovare il suo documento di soggiorno. Ma lì ad aspettarla c’è la polizia. Viene arrestata e portata nella prigione amministrativa di Zurigo. Riceve tantissime pressioni da parte dei poliziotti: o sale sul volo di linea che le è stato prenotato o sarà incarcerata e rinviata con la forza in Grecia.


Vuole lasciare una traccia del suo vissuto e della sua disperazione.

Avviso trigger: questo testo mostra contenuti che potrebbero scuotere le persone mentalmente, fisicamente o in altro modo.


“Sono scappata dall’Eritrea, il mio Paese, quando avevo 12 anni, con mio fratello e mia madre ci siamo installati in Etiopia nella regione Oromo.
Sono fuggita dall’Etiopia tre anni fa per ragioni politiche e familiari. Adesso in quella regione c’è la guerra e una carestia gravissima, ma nessuno ne parla o fa qualche cosa.

Dall‘Etiopia sono arrivata in Turchia. Dopo vari tentativi di lasciare la Turchia via mare per la Grecia, sono arrivata sull’isola di Chios. Pensavo che la Grecia fosse il paradiso invece è stato l’inferno. Ho vissuto due anni nel campo per rifugiati in condizioni disumane, catastrofiche. Vivevo assieme a una mia amica in una tenda di fortuna, con dei fornelli a gas per cucinare. Durante l’inverno faceva freddissimo, le tende non sono adatte per l’inverno e per la pioggia. Non avevamo coperte né vestiti a sufficienza. Il campo era sovrappopolato, i bagni erano dei buchi, le condizioni igieniche pietose, c’erano rifiuti ovunque. Mancava l’acqua corrente, il cibo non era sufficiente per tutti ed era di pessima qualità. Uno schifo totale. Nessuno dovrebbe vivere in tali condizioni. Non avevamo il sostegno di nessuno, era il caos totale. A volte c’era pure la polizia che ci scacciava via come fossimo dei cani randagi o che nel peggiore dei casi ci picchiava con i manganelli.

Ho chiesto l’asilo politico senza neanche capire cosa mi stava accadendo, nessuno mi spiegava cosa era, quali erano i miei diritti. In due anni ho ricevuto 90 euro. Quando mi hanno dato il permesso mi hanno detto che dovevo lasciare il campo e dovevo arrangiarmi da sola. Penso che facciano apposta a dare permessi facilmente, così sanno che le persone lasciano i campi orrendi e se ne vanno via, spariscono nel nulla.

Così, dopo due anni, sono arrivata a Atene, ci siamo installate in strada (Viktoria Platzes). Non ho ricevuto nessun aiuto. Era orribile, ogni notte con la mia amica avevamo paura di essere aggredite. Era troppo pericoloso, in quanto donna si rischia di essere abusate quotidianamente.

Quando ero a Chios ho subito uno stupro collettivo. Non riuscivo a parlarne con nessuno e non ho ricevuto nessun supporto, né medico-ginecologico, né legale, né tantomeno psicologico. Ero sola.

Ma per le autorità elvetiche tutto quello che ho vissuto in Grecia non è sufficiente, hanno respinto la mia domanda d’asilo. Sono solamente un numero, non una persona1.

Estratto della decisione negativa del SEM

Come è possibile essere trattati in questa maniera? Che prove devo apportare di uno stupro?

Non c’è nessuna dignità in Grecia, nessuno dovrebbe vivere in quelle condizioni. Mi piacerebbe guardarli in faccia quelli o quelle che emanano le decisioni negative dai loro uffici e farmi spiegare come faccio a vivere in Grecia dignitosamente: sono un essere umano, una persona con dei diritti, non sono un topo.

Scena del crimine di SCHENKON: M. ha dovuto vivere qui in isolamento dalla società durante la sua permanenza nel cantone di Lucerna. L’isolamento ha lo scopo di impedire lo sviluppo di contatti sociali in Svizzera. In questo modo è più facile per le autorità espellerla senza complicazioni.

A marzo, una mia amica connazionale è stata svegliata dai poliziotti, l’hanno arrestata e deportata di forza ad Atene. S. viveva con me nella stanza, a Chiasso, in via Motta. La mattina presto hanno bussato alla porta, sono entrati in tre nella stanza, ma giù all’entrata erano in molti, forse una decina. L’hanno ammanettata davanti ai miei occhi come fosse la peggiore dei criminali, come se chiedere l’asilo fosse une reato in Svizzera. Hanno preso le sue cose e le hanno messe in un sacco. S. dopo qualche giorno che era arrivata a Atene, mi ha raccontato che ha passato tre giorni, uno a Lugano e due a Zurigo in celle della polizia, fredde, senza niente, tre giorni senza farsi una doccia, continuavano a farle pressione psicologica: “o firmi per il rinvio o te ne vai in prigione, non hai altra scelta”. Ha provato a resistere, ma dopo un po’ ha perso la speranza e adesso si trova di nuova in strada ad Atene, sempre nello stesso posto (Viktoria Platzes) senza nessun aiuto, nessuna protezione, nessuna dignità.

Scena del crimine AMIGRA: la mattina del 16 maggio, M. è stato arrestato dalla polizia presso l’Ufficio per la Migrazione di Lucerna e portato in carcere in manette. Doveva essere solo un appuntamento per un colloquio.

Dopo qualche settimana, è toccato a me, ogni giorno vivevo con la paura che la prossima sarò io. Ero abbastanza tranquilla perché ho una domanda di ri-esame in corso al tribunale federale amministrativo. Ma niente, ovunque vada mi scacciano via. Quando arrivo all’ufficio di migrazione a Lucerna, lì mi arrestano, mi mettono anche a me le manette. Mi dicono: “devi andartene, torna in Grecia”. Mi portano a Zurigo, dormo una notte in una cella senza finestra, alle 9 c’è l’aereo che mi aspetta; se non lo prendo la prigione e il rinvio forzato. Non so che fare, ma non ho più la forza di resistere, di lottare, mi lascio andare…

Scena della polizia: M. è stato trattenuto alla stazione di polizia di Lucerna per 24 ore. Non ha ricevuto alcuna informazione sulla sua situazione e non ha ricevuto cibo fino a sera.

Quando sono arrivata ad Atene, non c’era nessuno. Le autorità greche non erano al corrente di niente, malgrado che la Svizzera sia tenuta a informarle del mio arrivo.
Sono di nuovo al punto di partenza, di nuovo in strada, di nuovo in pericolo, di nuovo senza protezione. Grazie a degli amici trovo una sistemazione per dormire, ma non so per quanto tempo… Che miseria! Perché l’Europa ci tratta così? La guerra c’è anche in Etiopia, perché non siamo trattati nella stessa maniera degli Ucraini?”

Da diversi anni, molte ONG (HCR; Amnesty International, Human Rights Watch, MSF, etc) denunciano regolarmente la situazione dei rifugiat* in Grecia. I servizi d’aiuto ai rifugiat* e ai richiedent* d’asilo sono estremamente precari. Le persone non hanno accesso alla casa, né ad aiuti finanziari da parte delle autorità greche, si trovano spesso in strada senza nessun supporto.

Perché le autorità svizzere e cantonali si accaniscono su situazioni di uomini, donne, bambini, persone vulnerabili, per rispedirle in paesi dove non ci sono le condizioni per avere una vita dignitosa? Non sono più persone, ma solamente dei pacchi.

Come è possibile non vedere le condizioni disastrose del sistema d’accoglienza greco?

Scena del crimine PRIGIONE DELL’AEROPORTO: M. ha trascorso le ultime ore nella prigione dell’aeroporto prima di essere deportata in Grecia il 18 maggio. Il rifiuto di salire a bordo dell’aereo avrebbe comportato il rimpatrio sotto costrizione fisica. Nessuno la stava aspettando in Grecia.

Esigiamo lo stop di tutti i rinvii e i rimpatri forzati, stop alle violenze di Stato, per l’accoglienza di tutte le persone bisognose di protezione!

Chiasso, giugno 2022.


Inizio del processo Iuventa: Aumento della criminalizzazione della fuga, della migrazione e della solidarietà

17. May 2022
Notizie

Il 21 maggio inizia in Sicilia il processo preliminare contro l’equipaggio della Iuventa. Mentre i soccorritori e gli attivisti europei ricevono molta attenzione e sostegno da parte dei media quando vengono criminalizzati, la pratica quotidiana di detenere i migranti (esclusivamente uomini) che devono affrontare le stesse accuse passa quasi inosservata. Migliaia di migranti vengono arrestati e detenuti in Italia e Grecia per presunto “contrabbando” e “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

In Grecia, il favoreggiamento dell’ingresso illegale è punito più severamente dell’omicidio. C’è il caso di Hasan e N. Hasan è accusato di contrabbando di persone e rischia fino a 230 anni di carcere. Avrebbe pilotato un’imbarcazione naufragata al largo di Samo nel novembre 2020. A bordo c’erano anche N. e suo figlio, che non sono sopravvissuti al naufragio. N. è accusato perché il figlio di 6 anni è morto durante la fuga, perché ha messo in pericolo il bambino fuggendo. Eppure il naufragio non è colpa né di Hasan né di N.. È il risultato diretto delle crescenti chiusure delle frontiere da parte dell’UE, che costringono le persone a rischiare la propria vita e quella delle loro famiglie. Il processo si terrà il 18 maggio 2022.

C’è il caso di Amir e Razuli. Hanno cercato di raggiungere la Grecia su un gommone nel marzo 2020. La “guardia costiera” greca ha attaccato l’imbarcazione e ha cercato di riportarla in acque turche. Dopo il fallimento, Amir e Razuli sono stati arrestati e accusati arbitrariamente di “contrabbando” e “pericolo per la vita umana”, oltre che per il loro ingresso “illegale”. Nel settembre 2020 sono stati condannati a 50 anni di carcere. Il loro appello è stato rinviato all’8 dicembre 2022 a causa della “congestione del tribunale”.

O il caso del #Paros3. Il 5 maggio, un tribunale greco ha condannato Kheiraldin, Abdallah e Mohamad a un totale di 439 anni di reclusione per aver pilotato un’imbarcazione durante la loro fuga. L’imbarcazione si è rovesciata al largo dell’isola greca di Paros nel dicembre 2021, uccidendo 18 persone.

Questi migranti fanno quello che gli viene detto di fare dall’UE: Vengono sul suolo europeo, in questo caso sulle isole greche, per chiedere asilo. Questo è il normale processo di richiesta di asilo in Europa. Tuttavia, non appena arrivano, vengono criminalizzati proprio per questo. È tipico che le persone che organizzano la traversata e ci guadagnano non si mettano in pericolo e che i migranti siano quindi costretti a guidare la barca.

Criminalizzando lo scafista o qualsiasi altra persona a bordo dell’imbarcazione, le autorità greche possono fingere che il loro lavoro contro i contrabbandieri abbia successo. Perché: il pubblico di solito non è interessato a queste persone. In Grecia, negli ultimi anni sono state colpite da questa criminalizzazione da 2.000 a 3.000 persone. Di molti casi non siamo nemmeno a conoscenza.

Un avvocato greco descrive così la procedura tipica contro i migranti: Quando una persona viene trattenuta, un avvocato esamina brevemente il caso. Dopo otto-dodici mesi, il caso viene processato. Dieci minuti prima dell’inizio del processo, gli imputati rivedono l’avvocato per la prima volta. Le audizioni durano pochi minuti. Nessun testimone, nessuna prova, verdetto rapido. Non si può parlare di un processo equo e rispettoso delle leggi vigenti. La pena abituale: 5-15 anni di carcere per ogni persona a bordo della barca. Con 30 persone, si arriva a sentenze assurde di oltre 200 anni. Anche se 12-20 anni di questa pena devono essere effettivamente scontati, la pressione psicologica di una simile condanna è enorme. Soprattutto per un reato che non è un reato e per il quale non si è colpevoli. Per un crimine senza vittima. Perché chi è la vittima quando le persone vengono trasportate dalla Libia all’Italia o dalla Turchia alla Grecia su loro richiesta?

La situazione è simile in Italia. I migranti arrestati in Italia sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, un reato punibile fino a 20 anni di carcere e pesanti multe. Anche in Italia vengono violati i diritti umani fondamentali. Spesso i migranti vengono trattenuti per mesi senza nemmeno conoscerne il motivo. Mancano informazioni e traduzioni. I migranti sono accusati sulla base di prove estremamente deboli e testimonianze inaffidabili, i processi sono raramente aperti al pubblico e non c’è un accesso adeguato alla difesa legale. I processi sono politici e i tribunali sono severi. Anche in Italia, questi processi si svolgono con il presupposto che nessuno si interessi delle persone e delle violazioni dei diritti che subiscono. In molti centri di detenzione non è possibile presentare domanda di asilo. Pertanto, la detenzione preventiva si trasforma rapidamente in detenzione per espulsione.

All’inizio di aprile, la Corte d’appello di Palermo ha assolto quattordici migranti detenuti in Italia dal 2016 al 2018. Erano stati arrestati nel maggio 2016 subito dopo il loro arrivo in Sicilia e accusati di aver guidato le imbarcazioni con i migranti e quindi di essere colpevoli di favoreggiamento dell’ingresso illegale. In un recente rapporto, l’ONG Arci Porco Rosso ha documentato che dal 2013 più di 2.500 persone sono state detenute in Italia con l’accusa di aver pilotato un’imbarcazione.

Gruppi come Arci Porco Rosso e Borderline Europe vogliono rendere pubblica questa sistematica criminalizzazione della migrazione. Danno un nome alle persone colpite, attirano l’attenzione sui loro casi e forniscono assistenza legale. Possiamo sostenerli in questo, ad esempio con donazioni per l’assistenza legale o con azioni di alto profilo e lavoro mediatico sui singoli casi: Libertà per i #Samos2, Libertà per i quattro calciatori, Libertà per i Moria6, Libertà per Amir e Razuli, Libertà per Hamza e Mohamed.

Questi processi politici funzionano perché il discorso pubblico segue la narrazione: I morti nel Mediterraneo sono il risultato del “traffico di persone”. Se si smettesse finalmente di farlo, il problema sarebbe risolto. Ma coloro che utilizzano questa narrazione e accusano le persone che hanno guidato un’imbarcazione che avrebbe dovuto portare le persone in salvo non possono più presentarsi come difensori dei diritti umani e certamente non come difensori dei diritti dei migranti. Nominare i veri responsabili delle morti nel Mediterraneo, i decisori europei e gli attori come Frontex, è la base per un’ampia resistenza pubblica contro questa criminalizzazione.

Le persone arrivano alle frontiere per molti motivi. Chiedono alla gente del posto di portarli oltre il confine. Perché non funziona in altro modo. Nei casi qui discussi, non vengono trascinati attraverso le frontiere contro la loro volontà da contrabbandieri provenienti dai loro luoghi d’origine. Non arrivano in Europa a causa dei contrabbandieri. Ogni persona ha un motivo individuale per fuggire o migrare. La migrazione è una realtà che possiamo affrontare solo con percorsi migratori sicuri.

Questo Sì costruisce muri. Questo Sì è razzista.

17. May 2022
Notizie

Comunicato stampa Comitato referendario NoFrontex del 15 maggio 22

Con il voto di oggi, la Svizzera si rende complice della morte e della violenza contro decine di migliaia di persone. Questa è una grande delusione! Ma non dimentichiamo che la resistenza contro il micidiale regime migratorio esisteva già prima del referendum e continuerà ad esistere. Nell’ambito di questa iniziativa, NoFrontex continuerà anche a condurre una campagna contro Frontex e a favore della libertà di circolazione. Chiediamo agli elettori svizzeri: Alla luce della violenza e della miseria alle frontiere esterne di Schengen, come si può giustificare questo sì all’espansione di Frontex?

Il referendum NoFrontex ha mostrato come la Svizzera cofinanzi e coamministri Frontex. Ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica la responsabilità della Svizzera per la violenza, la miseria e le morti alle frontiere esterne dello spazio Schengen. Le rivelazioni delle ultime settimane hanno sottolineato ciò che era nell’aria da tempo: Frontex non soccorre, ma è complice della violenza alle frontiere esterne dell’Europa. Frontex non dispone di navi di salvataggio nel Mediterraneo, ma osserva dall’alto come le persone annegano. Frontex informa sistematicamente la cosiddetta Guardia costiera libica sulle imbarcazioni che dalla Libia si dirigono verso l’Italia. La guardia costiera intercetta i rifugiati e li riporta con la forza in Libia. Un quadro simile emerge nel Mar Egeo: Frontex fornisce ai commando greci informazioni sugli attraversamenti di frontiera, che utilizzano per applicare il loro violento regime di respingimento. Frontex è la spina dorsale di questa politica: l’agenzia non rafforza i diritti umani, ma considera i migranti come una minaccia e conduce una vera e propria guerra contro la migrazione. Come membro di Frontex, anche la Svizzera è complice.

Un referendum dal basso

Poiché né i grandi partiti né le grandi organizzazioni per la migrazione e i diritti umani si sono opposti all’espansione di Frontex, è nato un referendum dal basso. Sono stati gli attivisti e le organizzazioni di base della Rete di Solidarietà Migrante a occuparsi del referendum e a portarlo avanti fino alla fine – molti di loro sono stati esclusi dal voto stesso. Come movimento extraparlamentare e antirazzista, hanno reso possibile il referendum con uno straordinario slancio finale e sono intervenuti nel discorso politico degli ultimi tre mesi: si sono svolti numerosi eventi, manifestazioni e altre azioni. I sostenitori europei hanno visitato la Svizzera e le reti di resistenza sono state rafforzate sia a livello locale che nazionale.

Recensione: Scandalo dopo scandalo per l’Agenzia europea per le frontiere

Nel periodo intercorso tra la consegna del referendum e il voto di domenica, non sono passate quasi due settimane senza che un nuovo scandalo su Frontex diventasse pubblico: Diverse indagini dei media dimostrano che Frontex è sistematicamente coinvolta nei respingimenti e li nasconde deliberatamente. Le denunce legali contro Frontex si accumulano, il Parlamento europeo ha votato contro il discarico del bilancio di Frontex. Il 29 aprile, il capo di Frontex Fabrice Leggeri ha rassegnato le dimissioni.

Allo stesso tempo, i sostenitori di Frontex continuano a sostenere che l’agenzia può essere migliorata. Ma si tratta di un’operazione di facciata: lo testimoniano non solo le sistematiche violazioni dei diritti umani, ma anche un’occhiata all’espansione prevista. L’attuale riforma ha rafforzato i problemi strutturali, l’incontrollabilità di Frontex e la sua mancanza di trasparenza, non li ha migliorati.

Frontex divide il mondo e gerarchizza le persone

Le preoccupazioni per il vantaggio nazionale o europeo fomentate dal campo del Sì portano oggi al risultato razzista che Frontex cerca di perpetuare le disuguaglianze tra Nord e Sud con la sorveglianza e la violenza. L’espansione di Frontex protegge un ordine mondiale coloniale che discrimina violentemente e priva di diritti i cittadini extraeuropei.

Le guerre in corso, ma anche i cambiamenti climatici, le crisi economiche e la pandemia in atto richiedono solidarietà globale e politiche sostenibili per tutti. La migrazione non può essere controllata con l’isolamento militare e Frontex – gli ultimi 20 anni lo hanno dimostrato. È tempo di cambiare paradigma: il sistema Frontex ha fallito. Sono invece necessari un dialogo antirazzista, una resistenza anticoloniale e spazi di solidarietà per le relazioni a livello degli occhi.

La resistenza continua. Le voci dei migranti devono essere ascoltate.

La migrazione è un fatto, non una minaccia. Le persone continueranno a lasciare i Paesi e a cercare una prospettiva in Europa. Allo stesso tempo, continua anche la lotta contro il micidiale regime migratorio dell’UE. La messa in rete di numerosi gruppi di base e collettivi organizzati in tutta la Svizzera e oltre è un vantaggio. Le prospettive globali e anticoloniali sulla migrazione sono diventate visibili e hanno acquisito nuovo slancio. NoFrontex vive a molti livelli: attraverso lo scambio critico sulla libertà di movimento, la solidarietà vissuta o la resistenza antirazzista organizzata.

Il Parlamento svizzero rifiuta di reintrodurre l’asilo nelle ambasciate

4. April 2022
Notizie

Nel 2012, l’unica via di fuga sicura verso la Svizzera, l’asilo in ambasciata, è stato abolito. Migliaia di morti e innumerevoli esperienze di violenza alle frontiere dopo, la sua reintroduzione è stata richiesta – e ora rifiutata. Le alternative propagandate, come la concessione di visti umanitari o il reinsediamento, sono addirittura inferiori alle quote che il Parlamento si è prefissato.

L’ambasciata d’asilo permetteva alle persone di presentare una domanda d’asilo fuori dalla Svizzera, che veniva poi esaminata dalle autorità. È stato abolito con la motivazione che questa possibilità esisteva solo in Svizzera, ma non in altri stati europei. Si parlava di un “effetto di richiamo” che non poteva essere rischiato (di nuovo) in nessun caso, e di sufficienti altre possibilità, per esempio di raggiungere la Svizzera con un visto umanitario o attraverso il programma di reinsediamento. In pratica, però, l’abolizione dell’asilo nelle ambasciate ha fatto sì che a tutt’oggi le persone possano chiedere asilo solo sul suolo svizzero. Il percorso è illegale e pericoloso per la vita.

Ottenere un visto umanitario è associato a grandi ostacoli. Una persona deve essere in “pericolo diretto, grave e concreto per la vita e l’incolumità fisica” nel suo paese d’origine, avere un legame con la Svizzera, prospettive d’integrazione e nessuna possibilità di cercare protezione in un altro paese. Una ragione collettiva per fuggire, come la minaccia di guerra o la fame, non è sufficiente. E poi il SEM deve giudicare anche questo. Inoltre, la domanda deve essere fatta presso un’ambasciata svizzera, che non esiste in tutti i paesi e non è accessibile a molte persone. Di conseguenza, solo 296 visti umanitari sono stati rilasciati nel 2020.

Le possibilità di reinsediamento sono altrettanto limitate. Dal 2019, le quote di ammissione sono sempre state fissate per 2 anni. In precedenza, il numero era di 1.600 persone per due anni, che sono preselezionate e proposte dall’UNHCR. Per questo, il loro status di rifugiati deve essere già stato riconosciuto e deve anche essere stata promessa la volontà di integrarsi in Svizzera. Nel 2020/21, questa quota già molto bassa non è stata raggiunta. Solo 1380 persone sono riuscite a venire in Svizzera attraverso il reinsediamento in due anni interi. Migliaia di persone solo dall’Afghanistan hanno cercato protezione da quando i talebani hanno preso il potere. Posti di reinsediamento in Svizzera per persone provenienti dall’Afghanistan nel 2021: 219.

In Afghanistan, come in tanti altri posti, è preferibile aiutare sul posto. I fondi, che provengono per lo più dalla cooperazione allo sviluppo, sono sempre più legati agli accordi migratori e alle misure di blocco. I paesi d’origine dovrebbero assicurarsi attivamente che le persone non si dirigano verso l’Europa per potervi chiedere asilo. Dopo tutto, una situazione economicamente migliore per le persone non le porta necessariamente a voler rimanere nel loro paese d’origine. Piuttosto, dà a molte persone la possibilità di potersi permettere di fuggire o emigrare in Europa, in primo luogo.

La Svizzera ufficiale continua a ripetere come un mantra due argomenti fondamentali: “Ci sono abbastanza opportunità per chiedere asilo in Svizzera attraverso canali sicuri”. E: “Non possiamo fare di più, altrimenti saremo soli in Europa”. Nessuna delle due affermazioni diventa più vera se viene ripetuta. Entrambe le narrazioni possono essere cambiate. Come una diversa politica svizzera è possibile, se si vuole, così anche una diversa politica europea. Uno in cui i principi umanitari e lo stato di diritto sono sostenuti – almeno, questo è ciò che uno come Stato rivendica per se stesso. Anche allora, siamo ancora lontani da un mondo senza frontiere e dalle pari opportunità per tutte le persone.

Anche noi come Seebrücke non ripetiamo mai abbastanza spesso: La Svizzera ha spazio e più di 30 città e comuni che sono pronti ad accoglierci. Mentre scriviamo, ce ne sono sempre di più.

Tutti i dettagli sull’iniziativa.

Immagine: Ambasciata svizzera di Islamabad © DFAE

250 persone scendono in piazza a Lucerna per le politiche migratorie antirazziste: Tutto significa tutto.

21. March 2022
Notizie

Il 18 marzo 2022, più di 250 persone hanno manifestato a Lucerna per una politica migratoria svizzera umana e giusta. La manifestazione è stata chiamata dall’alleanza “Alle heisst alle!

Comunicato stampa dell’alleanza “Tutti significa tutti

La solidarietà che la gente dell’Ucraina sta vivendo in questo momento è grande. Purtroppo non vale per tutti. Alle persone di origine non europea è stato negato per anni un trattamento umano. Vengono respinti (spesso con violenza) alle frontiere esterne dell’Europa, annegano nel Mediterraneo o muoiono di fame e di freddo nelle foreste delle regioni di confine. Una volta in Svizzera, passano attraverso un’estenuante procedura d’asilo, che spesso si conclude con la deportazione.

In vari discorsi, i manifestanti hanno chiesto la parità di trattamento per i rifugiati, indipendentemente dalla loro origine o dal colore della pelle.

“Ora possiamo vedere cosa è possibile, come si può fare: si aprono le frontiere, le persone in fuga vengono accolte con grande solidarietà. Vediamo: Se vogliamo, possiamo aprire la frontiera. È una decisione politica. I responsabili potrebbero decidere oggi che non muoiono più persone nel Mediterraneo”, ha espresso criticamente il gruppo No Frontex di Lucerna.

La manifestazione è iniziata a Schwanenplatz e ha preso il percorso attraverso il Seebrücke fino a Theaterplatz e da lì a Helvetiaplatz. Lì, c’è stato un comizio finale e la manifestazione si è dispersa intorno alle 20:00. Più di 250 persone hanno partecipato.

“È stato bello vedere persone con prospettive così diverse sul volo e sulla migrazione. Tante persone si sono unite per assicurarsi che ci sia protezione per tutti invece che per pochi”, dice Angela Addo dell’alleanza “Tutti significa tutti”.

Per l’alleanza “Tutti significa tutti”, è chiaro che c’è ancora molto da fare politicamente e attivisticamente su questo tema in Svizzera. Il prossimo passo: No a Frontex il 15 maggio. La campagna referendaria a Lucerna inizierà con un’installazione sulla Kurplatz dal 28 marzo.

Ucraina: firmate la lettera aperta al consigliere federale Keller-Sutter

25. February 2022
Notizie

La guerra in Ucraina è iniziata. La Svizzera deve ora prepararsi ad accogliere 10.000 persone! Firma la lettera aperta a Karin Keller-Sutter.

“Cara consigliera federale Karin Keller Sutter, la situazione per la popolazione civile nella regione di crisi ucraina sta arrivando alla testa: ci si può aspettare in qualsiasi momento un’escalation militare e atti di guerra. La Svizzera e l’Europa devono urgentemente prepararsi ad accogliere i rifugiati e trovare una soluzione paneuropea solidale.

Tutte le persone che hanno bisogno di protezione perché fuggono da una guerra distruttiva e cercano rifugio per sé e per le loro famiglie hanno diritto alla protezione della vita e dell’incolumità fisica e devono avere la possibilità di chiedere asilo in un paese sicuro. Tuttavia, a causa del crescente isolamento dell’Europa, questo sta diventando sempre più difficile, come ha dimostrato il recente dramma dei rifugiati al confine tra Bielorussia e Polonia. Per proteggere i rifugiati di guerra dall’Ucraina, così come da altre regioni di crisi, sono necessarie vie di accesso sicure e legali verso l’Europa e la Svizzera.

I sottoscritti si rivolgono a Lei, quale capo responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, e al Consiglio federale, in stretta collaborazione con i cantoni, i comuni e la società civile, affinché prendano le precauzioni necessarie affinché 10’000 richiedenti protezione provenienti dalla regione di crisi ucraina possano essere ammessi il più rapidamente possibile. Il nostro paese deve anche creare delle vie d’accesso legali attraverso le quali le persone che hanno bisogno di protezione possano raggiungere la Svizzera in modo sicuro e incolume”.

Potete firmare qui.

La commissione per la politica dello Stato raccomanda il rifiuto dell’asilo dell’ambasciata e sostiene l’accoglienza dalla Grecia

15. February 2022
Notizie

Il Comitato del Consiglio degli Stati respinge la reintroduzione dell’asilo nelle ambasciate

Nel marzo 2021, è stata presentata una mozione che chiede la reintroduzione dell’asilo in ambasciata. Questo ripristinerebbe la possibilità di chiedere asilo senza dover raggiungere la Svizzera attraverso le pericolose rotte aeree. Più di 21.000 persone hanno perso la vita solo nel Mediterraneo dal 2014. Il 02.02.22, il Comitato di Politica dello Stato ha chiesto di respingere la mozione. L’argomentazione contro la mozione parla di un “effetto traino” se la Svizzera rimane l’unico paese in Europa con questa possibilità. Inoltre, ci sono già abbastanza possibilità di ottenere protezione in Svizzera, “soprattutto attraverso il visto umanitario o i programmi di reinsediamento”. Il primo argomento unisce già linguisticamente un vocabolario razzista accanto a “ondata di rifugiati”, come se la gente che fugge fosse una forza imprevedibile della natura. Anche questo discorso del “fattore di attrazione” è stato usato per anni dagli Stati di tutta Europa per sfuggire alle responsabilità, anche se questo mito della migrazione è già stato confutato molte volte. Il secondo argomento ha poco a che fare con la realtà del sistema d’asilo svizzero, come dimostra, per esempio, l’attuale trattamento dei rifugiati dall’Afghanistan o il non esaurimento delle possibilità di reinsediamento.

Tutti i dettagli sull’iniziativa.

Iniziativa statale per migliorare le procedure federali d’asilo adottata dalla CPS

Nella primavera del 2021, Basilea Città ha chiesto al Parlamento federale e alle autorità federali di garantire procedure d’asilo efficaci e rapide per le persone bloccate sulle isole greche. L’iniziativa chiede che ciò sia garantito in particolare attraverso il pieno utilizzo dei centri d’asilo cantonali e federali. Viste le persistenti condizioni disumane nei campi greci, il governo federale deve agire con urgenza. Questo è stato concordato anche dalla Commissione per la politica dello Stato, che alla fine ha approvato l’iniziativa con un voto decisivo di 4:3 del presidente Marco Romano del PPE. La Commissione ha basato la sua decisione sulla convinzione che le città devono avere un ruolo maggiore nelle decisioni relative all’accoglienza delle persone in cerca di protezione. Ciò in considerazione del fatto che numerose città e comuni hanno già espresso solidarietà con le persone in fuga e si sono pronunciati a favore di un’accoglienza supplementare.

Una lista di tutte le città solidali può essere trovata qui.

Ulteriori dettagli sull’iniziativa dello stand.

Abilita le città di benvenuto: Firmate l’appello ora.

14. February 2022
Notizie

Il gruppo parlamentare dei Verdi sta facendo un nuovo tentativo nella lotta per una diversa politica di ammissione federale. Nel Consiglio Nazionale si chiede che le città possano accogliere le persone se lo desiderano. Finora, tutti gli sforzi per raggiungere questo obiettivo sono stati bloccati da Karin Keller-Sutter.

La richiesta del Partito Verde è tanto semplice quanto incomprensibile è il suo precedente rifiuto: le città che vogliono accogliere i rifugiati dovrebbero essere autorizzate a farlo. A loro spese. Tenendo conto dello status di rifugiato dell’UNHCR. Senza alcun impatto ulteriore sul processo di asilo o sulle quote di accoglienza che le città e i comuni devono continuare a rispettare.

Conosciamo fin troppo bene le ragioni per cui questa richiesta è necessaria: l’alloggio di persone in fuga in campi (di tende) non è dignitoso, ma si è sviluppato da una soluzione di emergenza in uno stato permanente intollerabile. Allo stesso tempo, numerose città si sono organizzate da anni in un’alleanza di solidarietà per affermare la loro disponibilità ad accogliere le persone.

L’alleanza Evacuate Now!, l’organizzazione Seebrücke e molti altri attori lavorano da anni per lo stesso obiettivo. Ora, anche i privati possono rafforzare l’appello con una firma. Questo da solo potrebbe non essere sufficiente per cambiare il corso. Prendiamo l’appello delle Welcome Cities come un’opportunità per dare ancora più peso alle nostre richieste nelle strade.

Puoi farlo ora:

  • Firma l’appello online.
  • Condividi l’azione su Facebook, Instagram e Twitter e chiedi anche ai tuoi amici di sostenerla.
  • Organizza un’azione nella tua città per chiedere di accogliere anche le persone o per attirare l’attenzione sul fatto che la tua città è già accogliente.
  • Unisciti a un gruppo locale del Ponte del Mare o crea il tuo gruppo nella tua città per lavorare per le città in solidarietà.

“È un dovere ospitarli”

10. February 2022
Notizie

Le città e i comuni svizzeri sono disposti ad accogliere più rifugiati da anni. Tuttavia, sono stati ripetutamente respinti dal governo federale. I Verdi stanno ora spingendo per un cambiamento della legge.

Un articolo nel WOZ del 10.02.22

Si potrebbe essere perdonati per aver pensato che la Segreteria di Stato per la Migrazione e il Ministro della Giustizia, Karin Keller-Sutter, abbiano un risentimento. Dicono sempre la stessa cosa quando le città e i comuni svizzeri si offrono di accogliere altri rifugiati: Non c’è una base legale per questo, dicono, ma piuttosto vogliono fornire aiuto sul campo.

Questo è stato il caso dopo l’incendio della baraccopoli di Moria a Lesbo nel settembre 2020. È stato lo stesso dopo che i talebani hanno preso il potere in Afghanistan lo scorso agosto.
Benedizione del popolo

“Finora, il Consiglio federale si è sempre nascosto dietro la legge attuale quando le città volevano mostrare solidarietà”, dice il presidente dei Verdi Balthasar Glättli. “Questo non dovrebbe più essere possibile”. I Verdi hanno già presentato un’iniziativa parlamentare nell’ultima sessione invernale chiedendo al governo federale di creare le condizioni nella legge sull’asilo per accettare quote supplementari di rifugiati su richiesta di comuni e cantoni. Per dare una spinta alla loro iniziativa, i Verdi lanciano una petizione con la stessa richiesta il giorno della pubblicazione di questo giornale. “Vogliamo stabilire la rotta ora. Se migliaia di persone sono sfollate nella prossima catastrofe, le città benvenute dovrebbero effettivamente essere autorizzate ad accogliere i rifugiati”, dice Glättli.

Se i Verdi hanno la loro strada, i comuni e i cantoni dovrebbero in futuro essere in grado di accogliere direttamente i rifugiati se assicurano la loro sistemazione e si assumono il finanziamento. Inoltre, devono soddisfare i requisiti per l’ammissione come gruppo, cioè devono essere riconosciuti come rifugiati dall’UNHCR, per esempio. Le persone ammesse in più non devono essere contate né nella chiave di ripartizione cantonale né nelle quote di rifugiati decise dal governo federale, per esempio nel quadro dei programmi di reinsediamento.

Il fatto che la maggioranza della popolazione urbana sostenga la richiesta è reso evidente da diverse iniziative parlamentari a livello comunale. Per esempio, all’inizio di gennaio, il parlamento della città di Zurigo ha sottoposto all’esecutivo un postulato con la richiesta di creare una base legale per l’ammissione di rifugiati al di fuori della quota esistente nella città. Il capo del dipartimento degli affari sociali di Zurigo, Raphael Golta (SP), aveva già chiarito nell’autunno 2020, subito dopo l’incendio di Moria, che Zurigo poteva accogliere 800 persone (vedi WOZ n. 39/2020). In quell’occasione, le otto città più grandi della Svizzera si sono unite per formare l’alleanza “Città e comuni per l’accoglienza dei rifugiati”, che da allora è cresciuta fino a sedici città.

“Siamo convinti che la Svizzera può fare di più per i rifugiati”, dice ancora oggi Golta. “L’Europa si sta chiudendo sempre di più e c’è un urgente bisogno di più vie d’accesso diretto. Come città, vogliamo essere coinvolti e lo abbiamo ripetutamente comunicato al governo federale. Ma finora ha mostrato zero interesse”. In occasione del postulato, sono stati fatti ulteriori chiarimenti giuridici. “Ma perché qualcosa accada davvero, abbiamo bisogno della volontà politica a livello federale. Anche l’iniziativa dei Verdi aiuterà”, dice Golta.
Venti erano troppo pochi

Anche la collega bernese Franziska Teuscher (Alleanza Verde) non usa mezzi termini: “Il governo federale non considera le città come partner uguali nella politica d’asilo. Per il resto, l’autonomia comunale è sempre sostenuta, ma qui nessun dialogo a livello degli occhi sembra possibile”. Sa anche che ha il sostegno del parlamento della città dietro di lei. Quando, dopo l’incendio di Moria, la città di Berna ha offerto al governo federale di prendere 20 rifugiati da Lesbo entro due settimane, ha approvato una mozione urgente che Berna doveva accogliere 500 persone – 20 erano troppo poche.

L’elemento centrale della petizione e dell’iniziativa parlamentare è il solo finanziamento da parte dei comuni. Ma cosa significa questo per la città di Berna, che sta lottando con problemi finanziari? “La questione dei soldi non è la prima cosa che viene fuori”, dice Teuscher. “La Svizzera è ancora uno dei paesi più ricchi e nonostante i problemi finanziari dobbiamo essere solidali. La gente nei campi greci vive ancora nel più grande bisogno. L’inverno era molto freddo e peggiorava le condizioni di vita. È un dovere accoglierli”.

Teuscher crede che l’iniziativa parlamentare abbia una possibilità: “Nessuno è costretto a fare qualcosa. Ma chi vuole aiutare dovrebbe avere il permesso di farlo”. Con la petizione, i Verdi sperano di fare pressione sulla Commissione di politica statale del Consiglio nazionale, che sarà la prima ad occuparsi della legge. “Dobbiamo dimostrare ancora una volta che siamo in molti a sostenere questa causa”, dice Teuscher. Si riferisce all’appello pasquale “Evacuate ora!” del 2020, che chiedeva al Consiglio federale di portare il maggior numero possibile di rifugiati dall’Egeo alla Svizzera – ed è stato firmato da 50.000 persone.

Firma oggi l’appello Welcome Cities e unisciti a noi per chiedere solidarietà con i rifugiati! Il governo federale non deve più ostacolare le Welcome Cities!

La donazione del comune di Sempach va alla nave di salvataggio Ocean Viking

27. December 2021
Notizie

Trasmettiamo il contributo di solidarietà del comune di Sempach per un importo di Fr. 1’000.- alla nave di salvataggio civile OCEAN VIKING. Il comune ha rifiutato di dichiararsi Safe Haven nell’estate del 2021, ma ha soddisfatto la richiesta di sostegno finanziario per il salvataggio in mare con una donazione.

Attualmente, tutte le donazioni a Ocan Viking sono raddoppiate dal distretto di Lüneburg. Nel marzo 2021, il distretto ha dichiarato la sua solidarietà con le richieste del ponte marittimo per un “porto sicuro”. Di conseguenza, il distretto ha deciso nel giugno 2021 di assumere la sponsorizzazione della nave di salvataggio civile OCEAN VIKING dell’organizzazione europea di salvataggio in mare SOS Mediterranee.

Seebrücke Lüneburg scrive: “Questa sponsorizzazione significa che il distretto, in collaborazione con Seebrücke e SOS Mediterranee, lancerà un appello pubblico di donazioni per sostenere finanziariamente l’OCEAN VIKING. Il distretto si impegna a partecipare a questo appello raddoppiando le donazioni ricevute fino a un massimo di 100.000 euro in totale. In questo modo, il distretto segue l’esempio della città di Monaco, che ha assunto una sponsorizzazione simile per la stessa nave nel dicembre 2019 e ha condotto una campagna di raccolta fondi di successo.

Gli Stati dell’UE, che dovrebbero effettivamente fornire un salvataggio in mare coordinato dallo Stato, non sono all’altezza delle loro responsabilità. Dal 2014, più di 22.940 persone sono annegate mentre fuggivano attraverso il Mediterraneo. Da allora, il soccorso marittimo civile è diventato più importante che mai!

Dal 2016, SOS Mediterranee si occupa del soccorso marittimo civile nel Mediterraneo e dal 2019 utilizza l’OCEAN VIKING come nave di soccorso. Dalla sua fondazione, l’organizzazione umanitaria ha salvato la vita a più di 34.500 persone. Ma gestire una nave di soccorso richiede tempo, lavoro e costi elevati: costa 14.000 euro finanziare l’OCEAN VIKING per un giorno. Questo rappresenta tutti i costi coinvolti nella gestione della nave, come il noleggio, il carburante, la logistica, le squadre a bordo e le attrezzature.

Affinché l’OCEAN VIKING possa continuare a salvare le persone in difficoltà in mare, ha bisogno del tuo sostegno. La sua missione è finanziata dalle donazioni.

Le donazioni devono essere inviate a:

Titolare del conto: Distretto di Lüneburg
Istituto di credito: Sparkasse Lüneburg
IBAN: DE60 2405 0110 0000 0038 71
Motivo del pagamento: OCEAN VIKING
Per favore, assicurati di dichiarare lo scopo previsto!

Le donazioni possono essere fatte anche da fuori, anche queste donazioni saranno raddoppiate!”

Siamo solidali con Dragan Umičević di Are You Syrious!

27. December 2021
Notizie

Dragan Umičević ha sostenuto una famiglia nel rivendicare il loro diritto di chiedere asilo. È stato criminalizzato per questo. Seebrücke Schweiz lo sostiene per coprire i costi. Anche tu sostieni?

Un contributo di Borderline-Europe – Menschenrechte ohne Grenzen e.V:

“Siamo solidali con Dragan Umičević di Are You Syrious!

Martedì 14 dicembre 2021, Dragan Umičević, un volontario dell’organizzazione non governativa croata Are You Syrious, è stato condannato a una multa di 60.000 kune, cioè circa 8.000 euro più le spese processuali, per “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato”. Questo è più di dodici volte il suo reddito mensile.

Nel marzo 2018, aveva avvertito la polizia di un gruppo più grande di persone in cerca di protezione che aveva appena attraversato il confine serbo-croato. Poiché la polizia di frontiera croata è nota per respingere sistematicamente le persone in fuga con la forza bruta, Umičević ha accompagnato il gruppo alla stazione di polizia per assicurarsi che il gruppo potesse effettivamente fare domanda di asilo. Questo caso particolare ha coinvolto la famiglia di Madina Hussiny, una bambina di sei anni che è stata uccisa sui binari della ferrovia come risultato di una precedente spinta della polizia croata.

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito solo nel novembre di quest’anno che la Croazia ha violato gravemente il diritto alla vita della ragazza. Ha anche scoperto che le autorità hanno usato la tortura, negato alla famiglia l’accesso all’assistenza legale e alla protezione internazionale, impedito loro di indagare sulla morte della ragazza, e sistematicamente molestato attivisti e avvocati di Are You Syrian.

Quando la famiglia ha attraversato di nuovo il confine dopo aver perso la figlia nel precedente respingimento, Umičević ha voluto assicurarsi che questa volta almeno il resto della famiglia avrebbe avuto ciò che gli spettava.
Di conseguenza, la polizia ha aperto un’indagine contro di lui per “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato” e Umičević è stato multato di 60.000 kune nel 2018, contro cui ha fatto ricorso. Ieri, la Corte Suprema di Zagabria ha riconfermato la sentenza.

Questo è un oltraggioso, palese atto di vendetta e di intimidazione volto a punire e fermare coloro che lottano contro le pratiche crudeli alle frontiere.

Non vogliamo e non dobbiamo permettere a Dragan di portare questo peso da solo!
Se volete aiutare Dragan a pagare la multa e continuare la sua battaglia legale, potete fare una donazione a Are You Syrious, IBAN HR6824020061100765183 (SWIFT/BIC: ESBCHR22), specificando come scopo “per Dragan”.

Siamo al fianco di Dragan! Non ci faremo intimidire e continueremo a combattere!”.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo esaminerà due casi presentati contro la Grecia riguardanti espulsioni collettive illegali

27. December 2021
Notizie

Il Centro legale di Lesbo fa causa contro i respingimenti. Seebrücke Schweiz lo sostiene finanziariamente, altre donazioni sono necessarie. Anche tu sostieni?

Appello per donazioni da Open Eyes Balkan Bridge:

“Il Centro legale di Lesbo (LCL) ha bisogno di sostegno per continuare il suo importante lavoro. Ecco perché OpenEyes ha lanciato un appello per le donazioni per la LCL. Oltre a fornire consulenza legale e rappresentanza legale in casi individuali, la LCL è impegnata a documentare la violenza strutturale e le violazioni sistematiche dei diritti alle frontiere europee.

Per esempio, la Corte europea dei diritti dell’uomo (ECtHR) ha appena comunicato al governo greco due reclami presentati dalla LCL contro due spinte nel dicembre 2021. Questa è una buona notizia perché significa che la Corte europea dei diritti dell’uomo vuole pronunciarsi sulle denunce.

Superare questo ostacolo è estremamente impegnativo, dato che la stragrande maggioranza dei casi non viene nemmeno accettata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Dare seguito a questi due casi di pushback terrà impegnato il team di LCL nelle prossime settimane e mesi”.

Contribuire con una donazione a:

Open Eyes Balkanroute
3011 BernPostal conto assegni: 61-499563-0
IBAN: CH02 0900 0000 6149 9563 0

Comunicato stampa del Centro giuridico di Lesbo del 22.12.21

Diritti umani? Niente! Frontex e la situazione in Polonia e Bielorussia

17. November 2021
Notizie

Un contributo di Frontex Referendum.

Secondo i media, Frontex sta pianificando di espellere circa 1.700 cittadini iracheni che sono attualmente bloccati in Polonia. Si tratta di persone che di recente hanno attraversato la regione di confine militarizzata tra lo Stato membro dell’UE Polonia e Bielorussia. Al confine tra Bielorussia e Polonia, la situazione sta peggiorando: da diverse centinaia a mille persone aspettano da settimane nella regione boscosa di confine, alcune delle quali. L’unica risposta dall’Europa? Filo spinato, respingimenti militari e brutali, invece di una rapida raccolta e aiuto.

E coloro che sono riusciti a superare il confine nel territorio dell’UE dovrebbero ora essere riportati indietro senza ulteriori indugi. Con l’attuale approccio della Polonia, che si basa esclusivamente sul completo isolamento e sulla militarizzazione del confine, è improbabile che le persone in attesa abbiano ricevuto una procedura di asilo equa in un periodo di tempo così breve. E ora Frontex dovrebbe sbarazzarsi dei polacchi. Si tratterebbe di respingimenti di massa effettuati dall’agenzia di protezione delle frontiere dell’UE Frontex.

Secondo la Commissione UE, Frontex è disponibile anche per operazioni nella stessa regione di confine, ma la Polonia sta ancora resistendo al sostegno dell’UE. Il fatto che Frontex voglia sostenere le forze di sicurezza polacche, non a caso, il direttore di Frontex Leggeri ha elogiato le azioni brutali delle truppe polacche in intere settimane fa: «Il direttore esecutivo Leggeri […] è rimasto colpito dai mezzi utilizzati per mettere in sicurezza il confine . Ha anche ringraziato la Polonia per la cooperazione con Frontex dall’inizio della crisi attraverso il costante scambio di informazioni e la fornitura di dati sulla situazione della sezione polacca della frontiera esterna per l’agenzia “, ha affermato l’agenzia in una nota.

La brutale politica di difesa della Polonia, che viola il diritto di asilo, è lodata dalle prime file di Frontex. I morti e le sofferenze che questa politica produce su entrambi i lati del confine, nel frattempo, non sono affatto rimpianto. La situazione dei diritti umani? Leggeri non vale una riga. Con i rimpatri di massa Frontex non si schiererebbe ancora una volta per i diritti umani, ma aiuterebbe invece a far rispettare la politica europea di isolamento con la forza – cofinanziata dalla Svizzera, che guarda la situazione con indifferenza.

Abbiamo chiesto all’ufficio stampa di Frontex e all’Amministrazione federale delle dogane: qual è esattamente il ruolo di Frontex nelle deportazioni pianificate, su quali basi le stanno pianificando? E che ruolo ha la Svizzera in questo? Seguiranno aggiornamenti su questo blog.

Fonti

EU must prepare for more migrants trying to enter, border agency chief says
Swissinfo/Reuters, 12.11.2021

Nikolaj Nielsen on Twitter
Twitter, 11.11.2021

Frontex Executive Director visits Poland’s border with Belarus
Pressemitteilung von Frontex, 4.10.2021

Flüchtlingskrise an polnischer Grenze: Schweiz schaut hilflos zu
Nau.ch, 12.11.2021

Attivisti abbattono la recinzione di confine sull’Inseli

19. October 2021
Notizie

Comunicato stampa

Lunedì sera, il finissage dell’installazione sul disinteresse dei comuni della Svizzera centrale e della Fortezza Europa ha avuto luogo sull’Inseli di Lucerna. L’installazione, sotto forma di una recinzione di confine, ha affrontato la politica di chiusura dell’Europa e la mancanza di solidarietà della Svizzera con le persone che fuggono. La recinzione di confine è stata abbattuta per protestare contro questo.

Per due settimane, l’installazione sul disinteresse dei comuni della Svizzera centrale e della Fortezza Europa si trovava sull’Inseli a Lucerna. La recinzione di confine è stata allestita dagli attivisti di Seebrücke Schweiz, la Scuola Autonoma di Lucerna, Solinetz Lucerna e la campagna AbolishFrontex. Da un lato, l’installazione ha affrontato l’agenzia europea di protezione delle frontiere Frontex, che effettua ripetutamente respingimenti illegali alle frontiere esterne dell’Europa, viola sistematicamente i diritti umani e permette ai rifugiati di annegare nel Mediterraneo. D’altra parte, l’installazione ha anche mostrato la mancanza di solidarietà nel cuore dell’Europa, in Svizzera.  

Giornalmente, le persone che fuggono sperimentano la violenza – solo uno sguardo alle ultime due settimane lo dimostra. Nello stesso periodo in cui la recinzione di confine è stata eretta a Inseli, una commissione d’inchiesta dell’ONU ha confermato la violenza sistematica e crudele subita dalle persone in fuga dalla Libia. Al confine polacco con la Bielorussia, un’altra persona in fuga è morta, mentre allo stesso tempo è stata approvata la costruzione di un muro di confine più forte. E la ricerca video ha dimostrato ancora una volta la violenza da parte delle guardie di frontiera subita dalle persone in fuga sulla cosiddetta rotta balcanica.

Questa politica disumana di deportazione non può più essere guardata. Per questo motivo, gli attivisti hanno preso in mano lo smantellamento della recinzione di confine. Abolire Frontex, aprire le frontiere – queste sono le loro richieste. Con tronchesi, torce e pinze, hanno iniziato a smontare la recinzione.

Non solo tronchesi e pinze sono state usate per combattere Frontex sull’Inseli oggi, ma anche carta e penna. Alcuni giorni fa, le persone intorno alla Rete di Solidarietà dei Migranti hanno iniziato il referendum contro Frontex. Il Parlamento svizzero ha deciso di rafforzare l’Agenzia europea per la gestione delle frontiere con 61 milioni di franchi svizzeri all’anno. Con questi soldi, Frontex sigillerà ancora di più le frontiere esterne dell’Europa, rendendo il volo e la migrazione ancora più insicuri. I soldi per Frontex significano: Più morti nel Mediterraneo, più torture in Libia, più respingimenti illegali, violenza alle frontiere e sofferenza sulla rotta balcanica o nell’Egeo. “Noi diciamo SÌ alla libertà di movimento per tutti e NO ai soldi per Frontex”. Qui ci sono più informazioni sul referendum. 

Lettera aperta a Domenico ‘Mimmo’ Lucano

17. October 2021
Notizie

Alla fine di settembre 2021, l’ex sindaco di Riace, Domenico ‘Mimmo’ Lucano, è stato condannato in primo grado a 13 anni e 2 mesi di prigione per, tra le altre cose, “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. Riace, una piccola città del sud Italia, è stata a lungo considerata un rifugio sicuro e un esempio di comunità aperta.

Gli eurodeputati di sinistra hanno scritto una lettera di solidarietà a Mimmo Lucano, unita agli eurodeputati del Consiglio nazionale svizzero, per dimostrare che oltre i confini europei questo giudizio contro l’umanità e i valori umanitari non deve essere tollerato.

La lettera originale può essere trovata qui.

***

Caro Mimmo,

come deputati del Consiglio nazionale svizzero, vogliamo esprimere la nostra solidarietà, il nostro pieno sostegno umano e politico a te, ai tuoi compagni e a tutti coloro che sono stati protagonisti della costruzione dell’esperienza di Riace, città dell’accoglienza. Grazie a voi questo piccolo paese calabrese è diventato un esempio di umanità e di speranza contro la xenofobia, il razzismo e la paura.

La sentenza di primo grado non è semplicemente sproporzionata, ma ingiusta e assurda. Vediamo qui esattamente cosa significa la criminalizzazione della solidarietà. E dobbiamo parlare e opporci a questo in tutta l’Europa; per questo ti mandiamo tutta la nostra solidarietà.

Ciò che è stato colpito con questa sentenza è un esempio, che ha mostrato come sia possibile aprire porte e accogliere i profughi, costruendo comunità invece di muri quando le persone fuggono dalla guerra, dalla povertà e dalla miseria. Riace era tutto questo. Era l’esatto opposto dei discorsi di odio su cui l’estrema destra in tutta Europa costruisce le sue narrazioni razziste. Era l’opposto delle disumane politiche migratorie europee, che si concentrano sulla costruzione della Fortezza Europa e impediscono a tutti i costi di entrare nell’Europa. Riace ne è stato un esempio, ammirato in tutta Europa mettendo al primo posto la dignità ei diritti umani dei migranti.

Devi sapere che non sei solo, a Riace e in Italia. In tutta Europa e qui in svizzera ammiriamo e sosteniamo ciò che avete fatto e continueremo a sostenere la battaglia per la giustizia e per dimostrare la vostra innocenza. L’unico interesse che hai seguito è quello della solidarietà. Ed è la causa comune per la quale continuiamo a lottare, quella dell’umanità, contro la barbarie.

In solidarietà I membri del Consiglio nazionale svizzero

Samira MARTI

Matthias AEBISCHER

Brigitte CROTTAZ

Claude FRIEDE

Balthasar GLÄTTLI

Michael TÖNGI

Florian IRMINGER

Delphine KLOPFENSTEIN BROGGINI

Isabelle PASQUIER-EICHENBERGER

Stefanie PREZIOSO

Christophe CLIVAZ

Nicolas WALDER

Lisa MAZZONE

Katharina PRELICZ-HUBER

Solidarietà a Domenico ‘Mimmo’ Lucano

13. October 2021
Notizie

Alla fine di settembre 2021, l’ex sindaco di Riace, Domenico ‘Mimmo’ Lucano, è stato condannato in primo grado a 13 anni e 2 mesi di reclusione per, tra le altre cose, “favoreggiamento dell’immigrazione illegale”. Riace, una piccola città del sud Italia è stata a lungo considerata un rifugio sicuro e un esempio di comunità aperta.

Il verdetto evidenzia ulteriormente l’isolamento che l’Europa vuole disperatamente portare avanti. La crescente criminalizzazione della migrazione, un fenomeno che è vecchio come gli stessi esseri umani, sta attualmente esplodendo e sta facendo sperimentare a persone innocenti la repressione più brutale.

In un discorso a Roma il 07 ottobre, Lucano ha sottolineato:

Ci sono le trascrizioni del processo, ad una domanda posta non una sola volta: “ma questo sindaco aveva interessi economici?” il colonnello dice “no, non ha interessi economici”, domanda che è stata ripetuta… “no non ha interessi economici, ha interessi politici”, come se interessarsi alla politica sia un fatto criminale.

Domenico ‘Mimmo’ Lucano

La difesa ha presentato un ricorso diretto contro la sentenza, mentre un’enorme ondata di solidarietà ha raggiunto le strade d’Europa. Non solo in Italia, molte persone sono scese in piazza per mostrare solidarietà a ‘Mimmo’ Lucano e lottare per la sua innocenza.

***

Cosa è stato fatto finora?

Ecco una lista di tutte le proteste passate e presenti in Italia. Ora vi invitiamo a organizzare la vostra manifestazione, protesta o azione di solidarietà nella vostra città!

Gli eurodeputati di sinistra hanno anche scritto una Lettera Aperta in cui sono solidali con “Mimmo” Lucano e condannano l’esagerato verdetto di colpevolezza.

I membri svizzeri del Consiglio nazionale hanno cofirmato questa lettera della sinistra al Parlamento europeo.

Dalla società civile, Abolish Frontex ha pubblicato una Lettera Aperta, che singoli gruppi o organizzazioni sono invitati a firmare.

Se volete ancora contribuire con la vostra voce, c’è questa petizione online che esprime solidarietà a Lucano e condanna il verdetto.

No al finanziamento di Frontex: Libertà di movimento invece di violenza alle frontiere per tutti – Ti unirai alla raccolta per il referendum contro Frontex?

13. October 2021
Notizie

AbolishFrontex: chi partecipa al referendum contro Frontex?

Il parlamento svizzero ha deciso di rafforzare l’agenzia europea di protezione delle frontiere Frontex con 61 milioni di franchi svizzeri all’anno. Con questi soldi, Frontex deve sigillare ancora di più le frontiere esterne dell’Europa e accelerare i voli speciali per le deportazioni forzate in tutta Europa. Il Migrant Solidarity Network dice SÌ alla libertà di movimento per tutti e NO ai soldi per Frontex. Ecco perché stiamo lanciando un referendum.

Frontex: più violenza alle frontiere, sorveglianza e deportazioni
Frontex sta sigillando forzatamente l’Europa e rendendo il volo e la migrazione più insicuri: più morti nel Mediterraneo, più torture in Libia, più pushback illegali, violenza alle frontiere e sofferenza sulla rotta balcanica o nell’Egeo. Anche dopo il pericoloso viaggio e dopo aver vissuto a volte anni in Europa, il pericolo non è finito per molti: la vita in campi di prigionia o addirittura il rimpatrio forzato o “volontario” incombe. Frontex gioca un ruolo centrale in questo processo di esautorazione e degradazione attraverso le deportazioni.

Referendum: dite NO a Frontex in linea di principio
Il Migrant Solidarity Network sta cercando urgentemente 1.000 persone per raccogliere 50 firme ciascuna. Chi decide di raccogliere 50 firme può iscriversi qui. Anche i gruppi e le organizzazioni che vogliono sostenere il referendum contro Frontex sono invitati ad iscriversi. Un referendum richiede 50.000 firme di persone aventi diritto di voto in Svizzera. Le firme devono essere raccolte entro la fine del 2021.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web di Migrant Solidarity Network.

Manifestazione del 2 ottobre // 14:00 // Schützenmatte, Berna

28. September 2021
Notizie

Chiamata da 3Rosen gegen Grenzen, Autonome Schule Zürich, Droit de rester (FR, NE, VD), Choosehumanity, evakuierenJETZT, Freiplatzaktion Zürich, Migrant Solidarity Network, migrantische Selbstorganisation PangeaKolektif, Poya solidaire, Solidarité Tattes, Solidarité sans frontières, Solidaritätsnetz, Stopisolation, ROTA migrantische Selbstorganisation, Wo Unrecht zu Recht wird

Questa manifestazione è per dimostrare che siamo uniti contro questo sistema inaccettabile. Gli eventi degli ultimi mesi ci hanno dimostrato ancora una volta che le condizioni devono cambiare radicalmente:

No alla violenza fisica, psicologica, sociale ed economica contro i rifugiati!

Chiediamo lo status di rifugiato per tutti gli afghani presenti in Svizzera. Inoltre, l’ammissione di persone provenienti dall’Afghanistan e i ricongiungimenti familiari devono essere resi possibili in modo rapido e non burocratico.
Chiediamo un alloggio per i nuovi arrivati e l’accesso a un sostegno psicologico e sociale professionale, così come una rappresentanza legale indipendente. Gli attuali campi d’asilo federali chiusi, che sono isolati dalla società civile, non sono una sistemazione adeguata per le persone appena arrivate (compresi i bambini e i giovani). È stato dimostrato che promuovono e richiedono la violenza psicologica e fisica dietro le loro mura.
Chiediamo l’abolizione immediata del sistema di emergenza. Tutti i richiedenti asilo respinti devono avere la possibilità di rivedere il loro caso in vista di una regolarizzazione (casi di difficoltà). Dovrebbero avere diritto all’assistenza sociale, a un alloggio adeguato e a cure mediche che soddisfino i loro bisogni.
Chiediamo la fine della politica di controllo e di isolamento. La frequenza obbligatoria, i controlli quotidiani della polizia e l’isolamento dalla società stanno spezzando le persone nei campi. Condanniamo la criminalizzazione delle persone senza documenti e l’imposizione di multe e pene detentive per il soggiorno illegale. Nessun essere umano è illegale!
Esigiamo uno stop generale alle deportazioni, poiché non tengono conto del bisogno di sicurezza materiale e fisica delle persone che sono fuggite. Questo include le deportazioni particolarmente preoccupanti verso l’Etiopia e l’Eritrea.
Chiediamo l’abolizione di Frontex e la fine immediata della cooperazione tra la Svizzera e l’agenzia europea di frontiera.
Esigiamo l’evacuazione immediata di tutti i campi intorno al Mediterraneo, specialmente Moria. Il ridicolo contingente che la Svizzera intende accogliere ci fa vergognare. Diversi comuni e città hanno accettato di accogliere persone dai campi. Abbiamo spazio!
Esigiamo il ritiro della Svizzera dall’accordo di Dublino e, fino ad allora, un’applicazione coerente e umana della clausola di sovranità.

Infine, chiediamo ciò che dovrebbe essere evidente: il diritto a una vita libera e dignitosa per tutti.

Muri-Gümligen (BE) rifiuta di aderire all’alleanza “Città e comuni per l’accoglienza dei rifugiati

28. September 2021
Notizie

Nell’aprile 2021, Franziska Grossenbacher (Verdi) e Karin Künti (SP) hanno presentato la mozione “#evacuare ORA – a Muri-Gümligen! La mozione chiede “al consiglio comunale di aderire all’Alleanza delle città e dei comuni per l’accoglienza dei rifugiati, di dichiararsi pronto ad accogliere i rifugiati del Mar Egeo che hanno particolarmente bisogno di protezione, e di sollecitare il Consiglio federale ad agire insieme all’Alleanza e alle 132 organizzazioni #evacuareORA”.

A giugno, il consiglio comunale aveva raccomandato di respingere la mozione. Il comune stesso si assume la responsabilità della cura e dell’integrazione dei 90 richiedenti asilo che gli sono stati assegnati. Non c’è spazio abitativo disponibile per una sistemazione aggiuntiva.

Dopo un dibattito controverso in Consiglio comunale, la mozione è stata respinta con 19 voti contrari, 13 voti a favore e un’astensione e non è stata quindi deferita al Consiglio comunale per l’attuazione. Nella motivazione, si sottolinea che le questioni di politica d’asilo sono di competenza del governo federale e non dovrebbero essere attuate dai comuni “da soli”.

Tutti i dettagli sulla proposta.

Mozione sul meccanismo coordinato di ripartizione post-sbarchi nella sessione autunnale dalla Camera

15. September 2021
Notizie

La sessione autunnale ha iniziato a svolgersi dal 13 settembre nel Parlamento Nazionale. Oggi, il 14 settembre, è molto probabile che la mozione 19.4034 “Emergenza umanitaria nel Mediterraneo. La Svizzera si mostri solidale con i paesi che adottano il meccanismo coordinato di ripartizione post-sbarchi”, sarà trattata materialmente, due anni dopo la sua presentazione. Diversi parlamentari l’hanno messo all’ordine del giorno.

La mozione chiede alla Camera di essere solidale con gli Paesi costieri e con gli Stati della “Coalizione dei volenterosi” facendo partecipare la Svizzera al “Meccanismo di solidarietà per la distribuzione delle persone salvate nel Mediterraneo”1. Vengono proposte due opzioni :

  1. accogliere una percentuale minima (2 per cento) dei superstiti raccolti a bordo di ogni nave ONG, affinché il meccanismo sia prevedibile, evitando in tal modo lunghe attese che prolungano le sofferenze dei superstiti;
  2. aiutare i Paesi costieri, in particolare Italia, Malta e Spagna – attualmente i principali responsabili dell’accoglienza – accogliendo da subito varie centinaia di persone, permettendo quindi di sgravare i centri d’accoglienza di detti Paesi.

Anche se l’attenzione nelle ultime settimane si è concentrata su una grande solidarietà con le popolazioni dell’Afghanistan, il Mediterraneo rimane un luogo centrale dove la deterrenza europea non viene controllata. Le navi di soccorso stanno ancora aspettando diversi giorni per essere assegnate a un porto sicuro, mentre le persone a bordo hanno bisogno di scendere a terra e mettersi in salvo il più rapidamente possibile2. Il Consiglio federale contribuisce anche finanziariamente alle operazioni di Frontex che sostengono la guardia costiera libica, che riporta i naufraghi in centri di detenzione dove sono diffusi abusi e altre violazioni dei diritti umani3.

Il governo federale, tuttavia, non sembra essere mosso da questi punti. Non vede la necessità di agire nella propria politica e raccomanda di respingere la mozione. Tuttavia, Seebrücke è del parere che non è sufficiente sostenere finanziariamente gli Paesi costieri. La Svizzera deve agire attivamente e mostrarsi solidale con le persone che, per vari motivi, hanno bisogno di protezione internazionale e ne hanno anche diritto.

La Camera non può più continuare una politica migratoria razzista inosservata, mentre i cittadini si battono per una cultura di accoglienza aperta.

Il 21 settembre 2021, la mozione è stata respinta in Consiglio Nazionale.

________________________

1 https://www.parlament.ch/de/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20194037

2 https://twitter.com/MSF_Sea/status/1429550099655544834?s=19

3 https://www.parlament.ch/centers/eparl/sessions/2021%20III/Tagesordnung%20EJPD%20N%20D.pdf p.9
https://www.tagesschau.de/investigativ/monitor/fluechtlinge-libyen-lager-101.html

Le Courrier 22.09.2021

Dimostrazione #AbolishFrontex a Zurigo

12. September 2021
Notizie

Venerdì sera, più di mille persone sono scese nelle strade di Zurigo per diverse ore. Con diversi discorsi, slogan e striscioni, hanno chiesto l’abolizione dell’agenzia di frontiera Frontex e hanno criticato il regime migratorio razzista della Svizzera.

In discorsi diversi e potenti, le persone hanno parlato del razzismo, della violenza nel sistema d’asilo svizzero e alle frontiere, e della vita quotidiana dei Sans-Papiers a Zurigo. Le persone che sono colpite dal razzismo strutturale e dalla discriminazione quotidiana hanno detto la loro. Un minuto di silenzio è stato osservato in memoria delle persone che hanno perso la vita fuggendo verso l’Europa.

La campagna #AbolishFrontex va al cuore di ciò che i rapporti sulla violenza alle frontiere esterne dell’Europa rivelano settimana dopo settimana: Frontex non può essere riformata, Frontex dovrebbe essere abolita. Abbiamo invece bisogno di un arresto immediato delle deportazioni, della libertà di movimento per tutti e della chiusura di tutti i campi.

Azioni e manifestazioni hanno avuto luogo anche in altre città europee. La prossima giornata d’azione transnazionale è il 03 ottobre. Per la Svizzera, è poi prevista un’azione a Lucerna. 

Anche questo fine settimana, il Basta. Gli Action Days hanno avuto luogo a Zurigo. Hanno facilitato workshop, input e networking sulle lotte per la migrazione e la resistenza antirazzista. I temi erano il clima e la fuga, la libertà di movimento da una prospettiva tunisina e i blocchi di materiale bellico nel porto di Genova. Seebrücke Schweiz era presente con uno stand informativo.

Solicamp4Moria chiede alla KKS di agire

29. August 2021
Notizie

La seconda Solicamp4Moria ha avuto luogo a Wil, la casa del ministro della giustizia Karin Keller-Sutter. Le è stato chiesto di aprire le porte della Svizzera alle persone in fuga.

Migliaia di persone vivono alle frontiere esterne dell’Europa in campi rurali dove al massimo sono garantiti i loro bisogni primari di servizi igienici puliti, acqua, cibo e sicurezza. Un collettivo della Svizzera orientale vuole rendere visibile questa struttura con la forma d’azione Solicamp.


Karin Keller-Sutter è responsabile del fatto che le persone vengono in campi come Moria e vengono lasciate lì. Passanti e attivisti hanno scritto messaggi al ministro della giustizia sabato, che sono stati riassunti in un’enorme cartolina. Questo è stato consegnato a casa di Karin Keller-Sutter a Wil domenica pomeriggio.


Sarebbe stato sorprendente se l’avesse accettato. Anche senza la sua reazione, è importante e prezioso attirare l’attenzione sulla questione lontano dalle grandi città.


Ulteriori informazioni:

Medienmitteilung des Kollektivs

Homepage des Solicamp4Moria

Tre città svizzere accettano di accogliere persone dall’Afghanistan

26. August 2021
Notizie

Le città di Ginevra, Berna e Zurigo hanno dichiarato la loro disponibilità ad accogliere immediatamente persone vulnerabili dall’Afghanistan. Poiché il governo federale non permette ancora alle città di decidere da sole su questo tema, ora vogliono fare pressione sul governo federale.

Con la violenta offensiva dei talebani, anche la situazione della sicurezza per le persone che vivono nel paese è notevolmente peggiorata. Non solo il personale locale dei vari progetti europei in Afghanistan, ma soprattutto le donne, gli attivisti dei diritti delle donne, i membri della comunità LGBTQIA+, i democratici, gli artisti e molti altri sono in grave pericolo di vita.

Già dopo l’incendio di Moria quasi un anno fa, il 09 settembre 2020, le tre città hanno accettato di accogliere persone oltre la chiave di distribuzione nazionale. Ora Ginevra, Berna e Zurigo riaffermano la loro volontà e fanno pressione sul governo federale. Le città chiedono alla Confederazione svizzera di introdurre immediatamente una procedura agevolata che permetta di rilasciare prima i visti umanitari agli afghani vulnerabili.

“Mi dispiace che il Consiglio federale non abbia voluto trattare la questione. È irresponsabile non fare nulla”, ha reagito Delphine Bachmann, presidente del PDC (Parti Démocrate-Chrétien) di Ginevra.

In una recente conferenza stampa, il Consiglio federale ha finalmente annunciato che accetterà per il momento 230 persone dall’Afghanistan. Il ministro della giustizia, Karin Keller-Sutter, non ha reagito alla richiesta espressa da varie città, ONG e società civile di accogliere più persone dal paese, che è ora controllato dai talebani. Lei informa: “Questo non è possibile al momento”.

Altre parole arrivano da Zurigo: “Nel 2015, la città di Zurigo ha accolto 800 rifugiati sul suo territorio in poche settimane. Questo sarebbe certamente possibile anche oggi. Ora sta alla Confederazione decidere quante persone vuole accogliere”, dice Heike Isselhorst, responsabile della comunicazione del dipartimento sociale della città di Zurigo.

Di fronte alla situazione drammatica, il governo federale non deve più impedire l’ammissione di persone bisognose di protezione. La Svizzera può e deve aprire le sue porte e mostrare solidarietà agli afghani che negli ultimi anni hanno lottato per i diritti delle donne, la democrazia e una società libera.

Stampa:

https://www.srf.ch/news/schweiz/staedte-kritisieren-bund-schweizer-staedte-wollen-mehr-afghanische-fluechtlinge-aufnehmen

https://www.tagblattzuerich.ch/aktuell/news/news-detail/article/afghanistan-fluechtlinge-zuerich-ist-bereit-bund-klemmt.html

Cosa si può fare ora per l’Afghanistan?

20. August 2021
Notizie

Riceviamo continuamente richieste su cosa possiamo fare attualmente per aiutare le persone in Afghanistan o per sostenere la loro ammissione in Svizzera. Qui riassumiamo alcune opzioni di azione.

Attualmente la Svizzera è pronta a evacuare solo 230 persone dall’Afghanistan. Eppure diverse città sarebbero disposte ad accogliere più persone (vedi rapporto SRF). Puoi chiedere al tuo luogo di residenza se è disposto ad accogliere anche persone provenienti dall’Afghanistan e informare il governo federale.

Potete anche scrivere direttamente a Karin Keller-Sutter e chiederle di agire o dirle che avete spazio in casa per accogliere persone. Indirizzo: Karin Keller-Sutter, consigliera federale, Bundeshaus West, CH-3003 Berna.

C’è anche una petizione che può essere firmata e fatta circolare. In essa il PS chiede al Consiglio federale: “Concedere immediatamente lo statuto di protezione a tutti gli afghani in Svizzera, salvare le loro famiglie dalla zona di guerra, accogliere altre 10’000 persone vulnerabili – soprattutto donne e ragazze – e aumentare l’aiuto umanitario nei paesi vicini!” Più di 40.000 persone l’hanno già firmato:
https://afghanistan-appell.ch/

C’è un appello per un fine settimana di azione vocale: Viaggiare in aereo ora! Organizza un’azione nella tua città e fai conoscere a più persone la situazione di emergenza in Afghanistan. L’appello e i materiali d’azione possono essere trovati qui:
https://seebruecke.org/aktuelles/kampagnen/fluchtwege-aus-afghanistan.

Il salvataggio in mare è #nonnegabile

18. August 2021
Notizie

Sabato scorso, 07 agosto 2021, diverse azioni hanno avuto luogo in Svizzera e in Germania sotto il motto “Il salvataggio in mare è #nonnegabile”. Questo è stato anche il caso a Berna insieme ad Amnesty Youth Bern.

Negli ultimi giorni e settimane, tutti abbiamo visto quanto sia grave la situazione nel Mediterraneo – ci sono molti naufragi mortali e le navi di soccorso continuano ad essere bloccate. Le vie di fuga sicure o solo i soccorsi in mare sono molto lontani. Solo quest’anno, più di 800 persone sono già annegate nel Mediterraneo. Più di 14.000 persone sono state riportate in Libia dalla cosiddetta guardia costiera libica in violazione del diritto internazionale, dove affrontano torture e le più gravi violazioni dei diritti umani. Per anni, le organizzazioni civili di salvataggio in mare hanno riempito un vuoto che l’UE non avrebbe mai dovuto permettere che si creasse.

Noi non guardiamo dall’altra parte! Il salvataggio in mare è e rimane #nonnegotiable #LeaveNoOneBehind #LeaveNoOneToDie #NoBorders #sea rescue.

Correzione: Il comune di Schwyz rifiuta la campagna Safe Harbour

7. August 2021
Notizie

Sabato abbiamo scritto che il comune di Schwyz è solidale contro la criminalizzazione del salvataggio in mare e ci siamo rallegrati delle dichiarazioni positive del consiglio comunale.

Dopo una conversazione con il presidente del comune, dobbiamo ritrattare la pubblicazione. L’intenzione era di cancellare con parole amichevoli. Il comune si astiene espressamente dal partecipare alla campagna.

Ci scusiamo per il malinteso.

Plus d’informations sur la campagne “Les communes de Suisse centrale au refuge”.

Il comune di Ostermundigen (BE) ha accettato di accogliere dieci rifugiati di Moria/Kara Tepe

12. July 2021
Notizie

Dopo l’incendio del campo di Moria nel settembre 2020, una mozione urgente non partitica aveva chiesto a Ostermundigen di accogliere dieci persone dai campi greci. Il consiglio comunale ha ora deciso di fare pressione sul governo federale e sul cantone e anche di chiedere loro di accogliere il maggior numero possibile di persone da questi campi in Svizzera.

Ostermundigen rafforza così il movimento delle città, che fa pressione sul governo federale affinché si attivi per accogliere le persone dei campi greci. Oltre alle grandi città come Zurigo, Basilea e Ginevra, anche i comuni più piccoli come Burgdorf e Spiez hanno dichiarato la loro solidarietà alle persone in fuga dalle loro case.

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 19 giugno, Seebrücke Schweiz ha invitato numerosi comuni della Svizzera centrale e di San Gallo a dichiarare la loro solidarietà. In modo che la pressione dal basso aumenti e ci sia un cambiamento verso una politica svizzera più equa.

Tutti i dettagli dell’anticipo.

Fonte immagine: https://www.ostermundigen.ch/

Campagna per l’azione “Beim Namen nennen” a San Gallo

6. June 2021
Notizie

La mappa politica su cui presentiamo l’impegno delle città svizzere per una politica migratoria solidale si espande settimanalmente. Riceviamo costantemente nuove proposte da gruppi attivi in tutta la Svizzera. Continuiamo anche a ricevere notizie dalla campagna “500 persone per le comunità in Argovia”. Questo rappresenta una forte voce della società civile che chiede una politica migratoria umana in Svizzera.

Un memoriale della politica europea e svizzera di chiusura delle persone è il Mar Mediterraneo. Più di 44.000 persone sono morte lì dal 1993 cercando di fuggire in Europa. La maggior parte di loro è annegata. A San Gallo oggi, i nomi e le storie dei defunti sono stati letti ad alta voce come parte della campagna “Beim Namen nennen”. I nomi furono anche scritti su strisce di stoffa e appesi sulla facciata esterna della chiesa di San Lorenzo.

SEEBRÜCKE Svizzera ha preso l’azione di oggi a San Gallo come un’opportunità per scrivere a 73 comuni del cantone. Questo corrisponde a tutti i comuni politici di San Gallo che non hanno ancora preso una posizione pubblica. I comuni di Buchs, Sevelen, Wil e la città di San Gallo hanno già inviato un segnale politico contro la disumana politica d’asilo.

La lettera di oggi è stata indirizzata alle rispettive amministrazioni comunali e chiede loro di dichiarare la loro solidarietà con le persone in fuga come primo passo. Questa dichiarazione pubblica di solidarietà può essere seguita da ulteriori passi concreti per l’azione, come affrontare la richiesta concreta di un’entrata supplementare di rifugiati al governo federale.

Con l’obiettivo di aumentare la pressione dal basso sul governo federale e sulla consigliera federale Karin Keller-Sutter attraverso i comuni, SEEBRÜCKE Svizzera ha inviato la seguente lettera:

“Am 20. Juni ist Weltflüchtlingstag. In der Stadt St. Gallen organisieren zahlreiche Organisationen, darunter die katholischen und reformierten Kirchen, den Aktionstag “Beim Namen nennen”. Seit 1993 sind über 40’000 Menschen auf der Flucht über das Mittelmeer verstorben. Die Namen und Geschichten dieser Menschen werden heute während 24 Stunden in der Kirche St. Laurenzen vorgelesen. Wir möchten diesem Gedenken politisches Handeln folgen lassen.

Jeden Tag sterben Menschen im Mittelmeer, gleichzeitig werden NGOs bei der Seenotrettung behindert und müssen teilweise wochenlang mit geflüchteten Menschen an Bord vor den Küsten Europas warten. Die Schweiz verfügt über die nötige Erfahrung und Infrastruktur, um vulnerable Personen aufzunehmen und deren Asylantrag zu prüfen. Um das weitere Sterben tausender Menschen zu verhindern, ist ein schnelles Handeln unabdingbar. 

Die SEEBRÜCKE setzt sich dafür ein, dass Menschen, die fliehen mussten, einen Ort zum Ankommen finden – einen Sicheren Hafen. Das könnte Ihre Gemeinde werden. Aus unserer Sicht sollten die Städte stärker Einfluss auf migrationspolitische Fragen nehmen und sich klar positionieren. Erklären Sie sich solidarisch mit Menschen auf der Flucht? Das ist ein wertvolles politisches Zeichen, auf das konkrete solidarische Handlungen folgen können.

Wir fordern Ihre Gemeinde auf, sich zum Sicheren Hafen zu erklären. 

 Zu einem Sicheren Hafen gehört, dass die Gemeinde: 

Öffentliche Solidaritätserklärung 
1. sich mit Menschen auf der Flucht und den Zielen der SEEBRÜCKE solidarisch erklärt.   

Aktive Unterstützung der Seenotrettung 
2. sich öffentlich gegen die Kriminalisierung der Seenotrettung auf dem Mittelmeer positioniert und diese aktiv unterstützt sowie die Patenschaft und finanzielle Unterstützung für ein ziviles Seenotrettungsschiff übernimmt bzw. sich daran beteiligt. 

Aufnahme zusätzlich zur Quote
3. die schnelle und unkomplizierte Aufnahme und Unterbringung von aus Seenot geretteten Menschen und Menschen aus den griechischen Lagern zusätzlich zur Verteilungsquote von Schutzsuchenden sicherstellt. Konkret erklärt sich die Gemeinde bereit, eine selbst gewählte, verbindliche Anzahl an geflüchteten Menschen, beispielsweise von einem zivilen Seenotrettungsboot oder aus einem griechischen Lager, ähnlich eines Relocation-Programms, direkt aufzunehmen und unterzubringen. Diese Aufnahme geschieht zusätzlich zur Verteilungsquote Asylsuchender. Hierzu wird ein Einvernehmen mit dem Eidgenössischen Departement des Innern und dem Amt für Migration hergestellt.

Aufnahmeprogramme unterstützen 
4. sich gegenüber dem Bund für die Einrichtung neuer bzw. die deutliche Ausweitung bestehender Programme zur legalen Aufnahme von Flüchtenden einsetzt und dazu selbst zusätzliche Aufnahmeplätze anbietet.

Kommunales Ankommen gewährleisten
5. für ein langfristiges Ankommen sorgt, indem alle notwendigen Ressourcen für eine menschenwürdige Versorgung, insbesondere in den Bereichen Wohnen, medizinische Versorgung und Bildung, zur Verfügung gestellt werden.  

Nationale und europäische Vernetzung 
6. sich auf regionaler, nationaler und europäischer Ebene aktiv für die Umsetzung der oben genannten Punkte einsetzt.  

Bündnis Sichere Häfen 
7. sich für ein Bündnis aller Sicheren Häfen in Europa zur aktiven Gestaltung einer menschenrechtskonformen europäischen Migrationspolitik einsetzt. 

Transparenz 
8. alle unternommenen Handlungen zeitnah und fortlaufend veröffentlicht, mit denen die Gemeindzu einem Sicheren Hafen wird. 

Der Weg zu einem Sicheren Hafen ist für uns ein Prozess, der sich über einen längeren Zeitraum erstrecken kann. Der entscheidende erste Schritt ist die öffentliche Solidaritätsbekundung. Ihre Gemeinde setzt damit ein wichtiges politisches Zeichen. Sie macht damit auf die humanitäre Notlage aufmerksam, von der nicht länger die Augen verschlossen werden können.

Bitte traktandieren Sie diesen Antrag an der nächsten Gemeinderatssitzung und teilen Sie uns mit, ob Sie unserem Begehren zustimmen. Wir zählen auf die Solidarität unserer Exekutive und freuen uns auf den Bescheid. Natürlich stehen wir Ihnen gerne auch für ein Gespräch zur Verfügung.

Mit freundlichen Grüssen
Seebrücke Schweiz”

Seebrücke Schweiz sostiene People on the Move in Bosnia con 3’000 CHF

17. May 2021
Notizie

Con l’avvicinarsi dell’estate, migliaia di People on the Move (PoM) stanno tentando l’attraversamento criminale della frontiera attraverso la rotta balcanica verso l’Europa occidentale. Seebrücke Schweiz vuole mostrare una solidarietà attiva e concreta. Gli attivisti di Seebrücke sono stati quindi coinvolti in strutture di progetto di solidarietà sul terreno per diversi mesi. Attraverso questi attivisti, Seebrücke Schweiz mette a disposizione del PoM 3.000 CHF.

La fortezza Europa continua a sigillarsi con pratiche disumane di pushback. Illegalmente e per conto dell’UE, la polizia croata respinge quotidianamente le persone verso la Bosnia. Nel processo, i PoM sono esposti alla violenza fisica e psicologica della polizia senza protezione. Durante un pushback, nella maggior parte dei casi, tutti gli oggetti di valore, così come i vestiti e il cibo, vengono portati via per rendere le condizioni di vita e un nuovo tentativo di attraversamento della frontiera il più difficile possibile.

Seebrücke Schweiz vuole sostenere attivamente le persone in questa situazione, che va avanti da anni. Il denaro donato è disponibile per smartphone, batterie, cibo e medicine.

Se volete fornire anche un sostegno materiale, sulla rotta dei Balcani c’è urgente bisogno di quanto segue:

  • Smartphone di lavoro: Punti di raccolta presso Open Eyes Balkan Route (Berna, Lucerna, Zurigo, San Gallo).
  • Soldi: Conto di Seebrücke Schweiz con soggetto “Bosnia”. CH12 0839 0036 7691 1000 2

Stiamo insieme spalla a spalla e combattiamo la Fortezza Europa, giorno dopo giorno, pietra dopo pietra.

leavenoonebehind #stopptdiefestung #nobordersnonations #solidarietà senza confini

Il cantone di Soletta rifiuta l’ammissione

13. May 2021
Notizie

Mentre la città di Soletta ha già ripetutamente confermato la sua disponibilità ad accogliere altri rifugiati, il cantone è reticente. Vede la responsabilità con il governo federale.

Nel maggio 2020, Christof Schauwecker (Verdi) ha chiesto in una commissione urgente che il governo del cantone di Soletta faccia pressione sul Consiglio federale per accogliere un contingente di rifugiati dai campi sulle isole greche e ospitarli nel cantone.

In quel periodo, lo scoppio della pandemia di Corona aveva ulteriormente peggiorato la già precaria situazione di migliaia di persone. A causa delle condizioni anguste e della scarsa igiene nei campi, le persone erano – e sono ancora – a grande rischio per il virus. Eppure la Svizzera aveva accettato di accogliere solo 21 minori non accompagnati.

Già nel maggio 2020, il Consiglio cantonale non ha ritenuto urgente affrontare questa catastrofe imminente. Il consiglio di governo aveva poi raccomandato di respingere l’ordine. Il Consiglio cantonale l’ha ora respinto un anno dopo “a larga maggioranza”, come si legge nella risoluzione. Come spesso accade, si fa riferimento alla responsabilità della Confederazione.

Nel frattempo, la situazione nei campi greci non è migliorata affatto. Lo scorso settembre, il campo di Moria a Lesbo è bruciato. Nel nuovo accampamento costruito rapidamente proprio sulla costa, la gente passava l’inverno in tende non riscaldate e ancora prive di tutto il necessario per vivere. La comprovata esposizione al piombo mette in pericolo la salute delle persone che vi sono alloggiate, soprattutto dei bambini. La situazione è simile nelle altre isole. Nel campo di Vial a Chios, il corpo di un uomo morto in queste condizioni precarie è stato trovato la settimana scorsa, mangiato dai topi.

Rimane l’urgente necessità di evacuare tutti i campi.

Tutti i dettagli sulla spinta.

Foto: Alea Horst

Altri tre comuni argoviesi si dichiarano disposti a partecipare

11. May 2021
Notizie

I comuni di Frick, Vordemwald e Uerkheim hanno risposto positivamente alla campagna “500 persone per i comuni dell’Argovia”. La rete Asyl Aargau aveva chiesto a tutti i comuni all’inizio dell’anno se erano disposti ad accogliere persone dai campi sulle isole greche.

Il consiglio comunale di Frick si dichiara pronto ad accogliere altri 4 rifugiati “a condizione che il governo federale segua l’appello dell’appello di Pasqua e faccia evacuare 5.000 persone dai campi greci, di cui 500 dovrebbero essere prese in carico dal cantone di Argovia”.

Il comune di Uerkheim è disposto ad “ospitare altre persone nell’immobile “Rudolfhaus” […] se ciò è possibile in accordo con il servizio sociale cantonale”.

Il comune di Vordemwald risponde: “Secondo i rapporti dei media disponibili, la situazione nei campi profughi è drammatica. Secondo noi, il cantone di Argovia sarebbe in grado di accogliere oggi 500 persone. Il consiglio comunale di Vordemwald non chiuderebbe la sua mente ad una tale disponibilità, se il governo federale e il cantone pianificassero capacità corrispondenti e decidessero l’ammissione di rifugiati che soffrono da tempo”.

Insieme ad Aarau, Baden, Brugg, Laufenburg, Lenzburg e Windisch, nove comuni argoviesi hanno quindi già confermato la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati. Chiediamo al cantone e al governo federale di prendere sul serio la questione e di creare le opportunità di accoglienza.

Tutti i dettagli sulla campagna.

I programmi di accoglienza dalla Grecia lasciano decine di migliaia di richiedenti protezione

26. April 2021
Notizie

Un contributo del cinegiornale antira del 26.04.21

Diversi paesi hanno terminato i loro impegni a livello europeo per accogliere i rifugiati dai precari campi greci. In totale, meno di 4.000 persone sono state evacuate, 91 delle quali in Svizzera.

Un anno fa, diversi paesi europei si sono impegnati ad accogliere persone dai campi greci. All’epoca, 40.000 rifugiati erano nei campi, in attesa di una possibilità di uscire dai campi e trovare prospettive in Europa. La settimana scorsa, l’ultimo aereo del programma di accoglienza tedesco è atterrato in Germania con 103 persone a bordo. Un totale di 3.782 persone sono state accolte dai paesi europei dalla Grecia, di cui circa 2.750 dalla Germania. Con quasi 250 città disposte ad accogliere persone, sarebbe stato possibile fare molto di più. Tuttavia, il ministro degli Interni Seehofer continua a bloccare con veemenza la possibilità di ammissione comunale. Di conseguenza, migliaia di persone in cerca di protezione continuano ad essere lasciate nei campi.

Purtroppo, la Germania è comunque in testa all’Europa con questo basso numero di presenze. Oltre alla Germania, il Portogallo con 1.500 e la Francia con 1.000 persone si erano impegnati in modo relativamente generoso ad accogliere persone. Finora, però, hanno ammesso solo 81 (Portogallo) e 576 (Francia) persone rispettivamente. A marzo 2021, solo la Svizzera, il Lussemburgo e i Paesi Bassi avevano rispettato le quote promesse – ma in totale, i tre stati hanno accolto solo 140 persone.

Nel “Rapporto sulle attività della politica estera in materia di migrazione 2020” del Consiglio federale si legge che in totale sono stati ammessi 71 richiedenti l’asilo minorenni non accompagnati (UMA) con un legame familiare in Svizzera secondo le disposizioni di Dublino e altri 20 UMA dopo l’incendio di Moria nel settembre 2020. Un triste risultato per uno dei paesi più ricchi del mondo.

Ma il fatto che fosse dovuto alla volontà politica e non alla mancanza di risorse finanziarie è dimostrato dalle spese per sigillare il paese. In fondo i soldi c’erano, cioè per 1.500 giorni di operazioni di Frontex, per lo più al confine terrestre tra Grecia e Turchia, e per il distacco di un esperto al cosiddetto “Ufficio dei diritti fondamentali” di Frontex da febbraio a giugno 2021. Le gravi accuse di violazione dei diritti umani da parte dei funzionari di Frontex sono menzionate nel rapporto, ma sono considerate dal Consiglio federale come sufficientemente trattate, poiché esiste una commissione d’inchiesta interna. Non c’è da aspettarsi nulla da questo comitato. Se si guardano gli obiettivi di blocco della Svizzera, Frontex sta facendo il suo lavoro molto bene dal punto di vista delle autorità svizzere. Tengono la gente lontana dal suolo europeo e quindi anche dalla Svizzera.

Petizione “Basta morire nel Mediterraneo!” respinta anche al Consiglio degli Stati

19. March 2021
Notizie

Il 7 gennaio 2020, l’organizzazione Solidarity Network e altre organizzazioni hanno presentato la petizione “Basta morire nel Mediterraneo! La petizione chiede immediatamente che la Svizzera partecipi alla creazione di un sistema di salvataggio in mare civile organizzato e finanziato a livello europeo; che le persone salvate dal pericolo in mare siano distribuite tra i paesi secondo lo stato di diritto e i principi umanitari; e che le basi legali siano create in Svizzera in modo che i rifugiati in barca possano essere accolti rapidamente e in modo decentralizzato.

La petizione è stata respinta dal Consiglio degli Stati con 25 voti contro 14 e 6 astensioni. Mentre il Consiglio degli Stati non è disposto a fare almeno un minimo contro i moribondi del Mar Mediterraneo, il sostenitore del rifiuto Thomas Hefti trova: “Mi dà fastidio quando questa discussione viene condotta qua e là in modo tale da farci passare per i cattivi e i cattivi”. Ma non è forse vero che coloro che sono al potere stanno causando questa situazione con le loro politiche isolazioniste?

Vorremmo quindi dare più spazio al voto di Daniel Jositsch per l’accettazione della petizione:

“La presente petizione riguarda una situazione che, secondo me, rappresenta oggettivamente un’ingiustizia, indipendentemente dalla posizione che si ha sulla politica dell’immigrazione e dei rifugiati. Rappresenta un’ingiustizia che ha urgente bisogno di essere riparata. Perché?

La politica dei rifugiati, e questo è vero da un punto di vista paneuropeo, ma anche in relazione alla Svizzera, si basa sul fatto che come rifugiato, anche se hai il diritto legale di essere riconosciuto come tale e di ottenere asilo in Svizzera, non hai la possibilità di far valere questo diritto in alcun modo nel tuo paese d’origine. Lei è costretto a lottare per arrivare nel nostro paese con mezzi illegali, per esempio con contrabbandieri attraverso il Mediterraneo, rischiando la vita, per poter presentare una domanda qui.

Può darsi che i contrabbandieri siano criminali malvagi e avidi di denaro, ma – e qui devo contraddire in parte il relatore della Commissione – sono anche gli unici che forniscono un modo per attraversare il Mediterraneo. A questo proposito, devo dirvi che il fatto che ci siano dei trafficanti è dovuto alla politica migratoria generale dell’Europa. Non c’è altro modo per attraversare il Mediterraneo.

Questa situazione ha portato alla morte di 21 000 persone in fuga attraverso il Mediterraneo dal 2014. Sono dieci persone al giorno! Tutti voi ricorderete questa foto di questo bambino trovato sulla spiaggia del Mediterraneo. (L’oratore mostra una fotografia) Questa immagine ci ha scioccato tutti, e tutti abbiamo chiesto, per l’amor di Dio, cosa è successo a questo povero bambino? – Questo è esattamente quello che succede dieci volte al giorno! Questo è quello che succede ai bambini, alle madri, agli uomini e alle donne, alcuni dei quali sono in fuga, senza colpa loro!

Se ora dite – come ha detto il relatore della Commissione – che stiamo passando la palla alle amministrazioni e ai governi del posto, questo non aiuterà queste persone. Se sei in una situazione del genere, se sei in Siria o in un altro paese dove non puoi più vivere e quindi stai fuggendo, non ti serve a niente se ti diciamo qui, sì, il tuo governo ha appena fallito. Vorrei anche farvi notare che anche gli svizzeri – sebbene sia successo qualche tempo fa – hanno dovuto chiedere asilo in altri paesi ed essere riconosciuti come rifugiati.

Vorrei semplicemente farvi notare che anche gli svizzeri – anche se è successo qualche tempo fa – hanno già dovuto fare affidamento sulla richiesta d’asilo in altri paesi ed essere riconosciuti come rifugiati.

Cosa vuole la petizione? La petizione vuole niente di più e niente di meno che un’organizzazione europea di salvataggio in mare organizzata. Vuole una distribuzione ordinata delle persone salvate dal pericolo in mare e vuole un’accoglienza rapida e decentralizzata dei rifugiati in barca in Svizzera.

Il Consiglio federale vede questa necessità, vede anche che l’attuale politica migratoria, così come si svolge in tutta Europa, non è in ordine. Ma prima di tutto – come ha detto anche il relatore della Commissione – ci riferiamo al programma di reinsediamento; questa è infatti l’unica versione di come arrivano nel nostro paese in una procedura ordinata, per così dire, dal loro paese d’origine. Ma basta vedere che stiamo parlando di un buon migliaio di persone all’anno. Non sto minimizzando il problema, ma riguarda centinaia di migliaia di persone, non migliaia.

Il secondo commento del Consiglio federale è: sì, non siamo soli in Europa! Devo dirvi: sì, siamo soli in Europa, perché abbiamo deciso di essere soli in Europa! In questo senso, trovo un po’ cinico quando diciamo: siamo sovrani! Insistiamo sulla nostra sovranità in tutti i settori. Ma poi, quando si tratta di aiutare le persone, diciamo semplicemente: “Sì, purtroppo non possiamo farlo da soli; siamo un paese indipendente e quindi dobbiamo decidere autonomamente”. Si tratta di persone in difficoltà. Quindi mi sembra un po’ cinico dire semplicemente: “Sì, se gli altri non fanno niente, noi non facciamo niente”.

Ecco perché penso che dobbiamo aprire un nuovo terreno qui. Anche qui, per una volta, dobbiamo assumerci la responsabilità di questa situazione. Non si tratta di me che vi chiedo di cambiare la nostra politica migratoria. No, si può ancora decidere chi viene nel nostro paese e chi no, proprio come facciamo oggi. L’unica differenza è che io mi aspetto che le persone abbiano accesso a un giusto processo senza dover lottare per attraversare il Mediterraneo, organizzati da un contrabbandiere, in poche parole e rischiando la vita di tutta la loro famiglia.

Voglio semplicemente che possano registrarsi come rifugiati in un sistema ordinato, in una procedura ordinata. Solo allora si dovrebbe decidere se qualcuno ha il diritto di venire in Svizzera. Se è così, allora questa strada dovrebbe essere spianata – né più né meno! Da un punto di vista umanitario, questo mi sembra il minimo che si possa fare.

Affinché non dobbiamo più vedere immagini come questa (L’oratore mostra di nuovo la foto) e possiamo prevenire situazioni come questa, vi esorto a rinviare la petizione alla Commissione con il mandato di elaborare una proposta della Commissione”.

Tutti i dettagli della mozione.

Immagine: Consegna della petizione a Berna nel gennaio 2020, https://beobachtungsstelle.ch/news/sterben-auf-dem-mittelmeer-stoppen-petitionsuebergabe/

Ginevra accetta di accogliere 20 famiglie di Kara Tepe

16. March 2021
Notizie

Il Consiglio cantonale di Ginevra ha approvato una mozione di 17 politici che promette di accogliere 20 famiglie del campo temporaneo di Kara Tepe a Lesbo. Kara Tepe è stato costruito dopo l’incendio del campo originale di Moria all’inizio di settembre e ospita ancora 10.000 persone in condizioni disumane.

La mozione, intitolata “Mozione sull’accoglienza umanitaria delle famiglie di rifugiati che vivono nel campo di Kara Tepe sull’isola di Lesbo”, chiedeva inizialmente l’accoglienza di un massimo di dieci famiglie. Tuttavia, dopo che la mozione è stata dichiarata urgente, c’è stato anche un cambiamento nel testo. Alla fine, il nuovo testo e l’ammissione di 20 famiglie è stato approvato con 52 contro 43 voti.

Anche se molte città e comuni in Svizzera hanno mostrato solidarietà con i rifugiati di Moria, questo non è stato ancora seguito da molte azioni. Il governo federale mantiene un basso profilo e a parte l’accoglienza di alcuni bambini e giovani, la maggior parte dei quali aveva già dei legami familiari in Svizzera, non abbiamo ancora visto nessuna azione attiva, tanto meno umanitaria.

La Svizzera non ha mai accolto così pochi rifugiati come in questi mesi. Data l’attuale pandemia, questo è spaventoso. La pandemia non deve essere un motivo per cercare di negare quello che sta succedendo a Lesbo e alle frontiere esterne dell’Europa!

Con questa iniziativa, Ginevra ha dimostrato ancora una volta quanto sia importante mantenere la pressione sul governo federale. Le città e i comuni svizzeri devono fare lo stesso, perché questo è l’unico modo per garantire che il diritto fondamentale all’asilo non sia completamente disumanizzato e che la Svizzera ponga fine alla sua politica migratoria restrittiva.

Tutti i dettagli sull’iniziativa.

Il Canton Berna respinge la mozione “Evacuate ora!”

15. March 2021
Notizie

Purtroppo, il Gran Consiglio del Cantone di Berna ha deciso oggi di respingere la mozione “Evacuate ora! I rifugiati dalla Grecia hanno bisogno della nostra protezione”.

Molte città in Svizzera hanno da tempo mostrato solidarietà e sono disposte ad accogliere le persone. Questa volontà è minata da tali risoluzioni!

Non possiamo in alcun modo capire perché le persone che sono fuggite e sono ora bloccate nella miseria in Grecia siano lasciate indietro e deliberatamente dimenticate. Perché gli occhi sono chiusi è un mistero per noi….

Dall’agosto 2020, la gente di Moria e un fotografo olandese documentano le condizioni di Moria. Con le loro foto dal campo attirano l’attenzione sulla situazione catastrofica. A febbraio è stata lanciata una campagna in cui sono stati disegnati dei manifesti con le loro foto.

Vogliamo anche mettere un segno! Da oggi i manifesti con le immagini sono appesi in diversi luoghi della città di Berna. Avete la possibilità di appendere un poster? Fateci sapere! Avete visto un poster da qualche parte? Mandaci una foto o pubblicala nella tua storia!

Lo spirito di accoglienza delle città non deve essere minato – abbiamo spazio e le persone hanno bisogno di protezione!

Tutti i dettagli dell’anticipo.

Preoccupazioni dei comuni per la loro espressione di solidarietà

2. March 2021
Notizie

Il nuovo campo di Lesbo ospita ancora circa 7.000 persone in tende non invernali e non riscaldate, direttamente sul mare, esposte alle intemperie. Rispetto al campo di Moria, che è bruciato a settembre, le condizioni sono ulteriormente peggiorate. La situazione è un peso fisico e psicologico inaccettabile per le persone che vi sono alloggiate.

L’associazione Netzwerk Asyl Aargau ha iniziato la campagna “500 persone per le comunità in Argovia” per le comunità e le città di aumentare volontariamente la loro quota di accoglienza. Questo dà la possibilità di creare la capacità necessaria nei cantoni e registrare “spazio libero” presso il governo federale per l’accoglienza di persone provenienti da quei campi precari. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Aarau, Baden, Brugg, Laufenburg, Lenzburg e Windisch hanno espresso alla Confederazione la loro disponibilità ad accogliere nei loro comuni persone provenienti da Moria per motivi umanitari. Il prossimo passo è quello di impegnarsi in discussioni con il governo federale e il cantone per indagare sulla risoluzione dei problemi e affrontare insieme le soluzioni per la futura accoglienza comunale.

Nonostante il gran numero di risposte positive alla richiesta dell’associazione Netzwerk Asyl Aargau, rimangono alcune riserve sulla campagna per alcuni comuni. Tra questi ci sono Wohlen, Ennetbaden e Wettingen. Mentre questi comuni riconoscono la situazione delle persone nei campi greci, rifiutano ancora la richiesta a causa di una serie di diverse preoccupazioni amministrative.

Competenze del governo federale e del cantone

Una ragione per la riserva è la netta separazione delle competenze tra il governo federale e i comuni. Per non superare queste competenze, i comuni vogliono astenersi dall’esercitare una pressione comunale sul governo federale. Ciononostante, a volte si aggiunge esplicitamente che sarebbero disposti ad accogliere i rifugiati e che avrebbero anche delle capacità di alloggio, che però verrebbero messe a disposizione solo in caso di una corrispondente richiesta da parte del cantone.

Onere finanziario

Inoltre, per molti comuni non è chiaro a quanto ammonterebbero i costi per l’accoglienza di ulteriori persone. Qui sono state sollevate diverse cifre in relazione a ciò che i comuni devono calcolare. Si fa anche riferimento al percorso procedurale: I comuni non sarebbero in grado di impegnarsi in un’accoglienza aggiuntiva senza che il budget per essa sia ufficialmente approvato altrove.

Adempimento dei compiti

Molti comuni dichiarano di occuparsi già di un numero di rifugiati nettamente superiore a quello che dovrebbero secondo la chiave cantonale. Anche questo aspetto dimostra che sono disposti ad assumersi delle responsabilità nel sistema d’asilo svizzero, ma si aspettano anche questo dagli altri comuni.

Possibilità di alloggio

In alcuni casi, la mancanza di un alloggio è citata come motivo di rifiuto. Questo aspetto è spesso solo un’istantanea della situazione in molti comuni. In particolare, il cambiamento delle esigenze di spazio durante la pandemia di Covid ha dimostrato che in molti luoghi è possibile rendere disponibili ulteriori proprietà per l’alloggio con breve preavviso.

Se questi motivi siano stati pretestuosi o effettivamente decisivi per la decisione, noi di SEEBRÜCKE Svizzera vorremmo saperlo e chiediamo quindi alla Confederazione di non bloccare più la strada all’accoglienza comunale delle persone in fuga.

La campagna è ancora in corso! In dodici comuni si attende ancora una risposta alla richiesta dell’associazione Netzwerk Asyl Aargau. Per continuare a costruire la pressione dal basso insieme ai comuni solidali, ogni sostegno alla campagna è benvenuto. Che sia attraverso i media, azioni o lettere, siate creativi!

La città di Kriens (LU) sostiene il ricorso al governo federale per l’ammissione diretta

23. February 2021
Notizie

Il consiglio comunale di Kriens reagisce positivamente alla richiesta di un residente di Kriens. In una lettera, ha richiamato l’attenzione sulla situazione dei campi alle frontiere esterne dell’Europa e sulla disponibilità di molte città svizzere ad accogliere direttamente i rifugiati.

“Il dossier è una questione federale, ma ha bisogno di città coraggiose che facciano pressione e segnalino al governo federale che una politica dei rifugiati umana è possibile. Come residente della città di Kriens, sarei molto felice se anche Kriens diventasse un rifugio sicuro e sostenesse questa causa”.

Il consiglio comunale sostiene l’appello al governo federale per consentire le ammissioni dirette da Moria e chiede al governo federale di entrare in dialogo con i comuni e le città per l’attuazione. La lettera di risposta della città afferma: “Speriamo di inviare un segnale di tipo umanitario per migliorare la situazione dei rifugiati di Lesbo con questa decisione”.

Vuoi rendere anche la tua città un Rifugio Sicuro? Contattateci a schweiz@seebruecke.org.

Qui potete trovare la lettera che ha avuto successo a Kriens, che vorremmo presentare anche agli altri comuni del cantone, così come tutti i dettagli sull’iniziativa.

Fonte immagine: https://www.stadt-kriens.ch/stadtbuero/dienstleistungen/medienanfragen.page/1669

Argovia in solidarietà: Laufenburg e Lenzburg vogliono accogliere i rifugiati di Moria

9. February 2021
Notizie

Le città di Laufenburg e Lenzburg in Argovia hanno accettato di accogliere rispettivamente tre e otto persone dal campo greco di Moria. In precedenza, Aarau, Baden, Brugg e Windisch nel cantone avevano già dichiarato la loro solidarietà.

A Laufenburg, il consiglio comunale ha accettato l’iniziativa della IG Asyl Laufenburg e ha riconosciuto le condizioni devastanti dei campi europei. Si è dichiarata pronta ad accogliere i rifugiati e a curarli e integrarli con il sostegno della IG Asyl Laufenburg.

A Lenzburg, il consiglio comunale ha accettato la proposta direttamente dopo aver votato l’urgenza. Il consigliere comunale Andreas Schmid ha appoggiato espressamente la richiesta: “Il consiglio comunale ha già trattato questo postulato. Crediamo che si tratti di persone bisognose. Non è una questione di politica d’asilo. Se la città di Lenzburg può fare qualcosa per aiutare queste persone che hanno perso i loro beni, la città di Lenzburg lo farà. Per questo motivo, il Consiglio Comunale è d’accordo di accettare questo postulato senza votazione”.

Le iniziative politiche di successo nel cantone di Argovia fanno parte della campagna “500 persone per Argovia” dell’associazione Netzwerk Asyl Aargau.

Tutti i dettagli dei progressi di Laufenburg e Lenzburg.

Fonte immagine: https://www.laufenburg.ch/fotoalbum/

Città solidale di Windisch

3. February 2021
Notizie

Il comune di Windisch (AG) ha accettato di accogliere sei rifugiati dall’isola greca di Lesbo. Poiché è fondamentalmente il governo federale che decide sull’ammissione, la città ha chiesto un cambiamento della legge a livello federale.

Siamo lieti di poter aggiungere Windisch alla lista delle città svizzere solidali.

Tutti i dettagli sulla proposta.

Fonte immagine: https://www.windisch.ch/windisch-im-portraet/portraet/unser-dorf.html/26

Brugg è pronto ad accogliere 9 persone di Lesbo

31. January 2021
Notizie

Con una netta maggioranza di 34 a 14 voti, il consiglio comunale di Brugg accetta il postulato relativo all’accoglienza dei rifugiati del campo di Moria.

Björn Urs Bürkler (Verdi) e Pascal Ammann (PS) avevano chiesto che la città di Brugg accogliesse nove rifugiati dall’isola greca di Lesbo. Inoltre, dovrebbe invitare il cantone e il governo federale a prendere le misure necessarie per permettere l’accoglienza e coordinarsi con altre città dentro e fuori il cantone che sono disposte ad accogliere i rifugiati.

È gratificante vedere il sostegno a questa causa non solo da parte del PS e dei Verdi, ma anche da parte di EVP, CVP e GLP. Se questi partiti sostengono anche una politica d’asilo umana e accogliente al di là del comune di Brugg, le richieste di evacuazione dei campi greci possono trovare maggioranze in molti luoghi.

L’iniziativa fa parte della campagna “500 persone per Aargau”, che è coordinata dall’associazione Netzwerk Asyl Aargau. Chiede ai comuni dell’Argovia di accettare un rifugiato ogni 1356 abitanti. Numerosi comuni hanno già dato un feedback positivo.

Tutti i dettagli sull’iniziativa

Fonte immagine: https://www.stadt-brugg.ch/

Risposta di Karin Keller-Sutter

31. January 2021
Notizie

In dicembre, numerosi attivisti hanno contattato la consigliera federale Karin Keller-Sutter per chiedere l’evacuazione dei campi greci. La risposta è arrivata come una lettera standard.

La lettera della consigliera federale Karin Keller-Sutter documenta ciò che la Svizzera ha fatto finora. Sostiene strutture in Grecia che non permettono una vita dignitosa. Ha anche permesso ad alcuni bambini e giovani di entrare in Svizzera, ma la maggior parte di loro sarebbe potuta venire comunque grazie all’attuale diritto al ricongiungimento familiare. Ma il fatto che la Svizzera cerchi ora di farsi un nome con queste persone è cinico, perché allo stesso tempo migliaia di persone vivono ancora senza protezione in condizioni disumane e precarie.

Chiediamo che la Svizzera ricca e privilegiata agisca in modo da aprire una nuova prospettiva reale per la gente di Lesbo e altrove. È ora di smettere di glorificare semplicemente la tradizione svizzera dell’aiuto umanitario e di tradurla in azioni concrete.

Risposta di Karin Keller-Sutter del 22.01.2021

#NoPushbackistlegal – Aufnahme statt Abschottung

30. January 2021
Notizie

Il 30.01.21 Seebrücke Schweiz ha partecipato alla giornata d’azione #KeinPushbackistlegal – Aufnahme statt Abschottung.

Video del SEEBRÜCKE Zurigo nella giornata d’azione #KeinPushbackistlegal


En été, Moria a brûlé, maintenant Lipa. Le 23.12.2020, le camp de Lipa, au nord-ouest de la Bosnie, a brûlé presque complètement. D’un seul coup, plus de 1000 personnes ont perdu leur toit, les laissant sans défense contre la neige et le froid.

Même avant l’incendie, la situation des réfugiés en Bosnie était catastrophique : des milliers d’entre eux devaient tenir bon dans les forêts et les ruines.

À la frontière extérieure de la Croatie avec la Bosnie, les personnes en quête de protection se voient refuser l’accès à l’UE par tous les moyens. La police des frontières mène des opérations de refoulement dans lesquelles la violence est systématiquement utilisée. Le gouvernement allemand soutient cette approche – pas plus tard qu’en décembre, 20 véhicules d’une valeur de 800 000 euros ont été donnés à la police des frontières croate.

Vucjak, Moria, Lipa – les noms des camps changent, mais ce qu’ils montrent reste le même : l’UE compte sur l’isolement à tout prix !

Nous ne l’acceptons plus ! Nous exigeons :

  1. L’arrêt immédiat des violents refoulements illégaux aux frontières extérieures de l’Europe. Le droit de toute personne à accéder à une procédure d’asile équitable dans l’UE doit enfin être respecté ! #NoPushbackisLegal
  2. Le soutien à la police des frontières croate doit cesser immédiatement.
  3. Le gouvernement fédéral doit agir immédiatement et évacuer les camps. Les villes et les communes de Suisse sont également prêtes à les accueillir. #WirHabenPlatz et exigeons #AnahmeStattAbschottung.

La Suisse et l’UE doivent enfin prendre leurs responsabilités. La reconstruction improvisée de tentes à Lipa n’est pas une solution pour la population. Les camps ne sont pas une solution. Ils font partie du problème!

Nous resterons bruyants jusqu’à ce que les frontières extérieures de l’UE ne soient plus un espace de non-droit ! Parce que #NoPushbackIstLegal !

Eichwäldli rimane, rifugiati benvenuti!

30. January 2021
Notizie

La città di Lucerna non si astiene ancora dall’annunciata demolizione dell’alloggio alternativo Eichwäldli. La manifestazione di oggi è diretta contro l’insensata demolizione, per progetti, quartieri e città autodeterminati e per una vita in amicizia e solidarietà. Seebrücke Luzern partecipa con un discorso alla giornata d’azione #KeinPushbackistlegal, che si svolge anche oggi.

Forse il paragone tra una frontiera esterna dell’Europa sigillata e lo sfratto minacciato di uno spazio vitale di Lucerna sembra inverosimile. Ma fondamentalmente, i dipartimenti e i governi impediscono una cosa in comune: ed è la buona vita per tutti!
Non vogliono né persone che vengono qui da qualche altro posto, né persone che vivono una vita diversa da quella che la loro norma borghese esige.

Gli incendi devastanti di Moria sull’isola greca di Lesbo, il campo di Lipa in Bosnia e quello di Vathy sull’isola greca di Samos sono diventati emblematici della crisi europea della solidarietà. Questa crisi si è trasformata da tempo in un disastro umanitario.

Per oggi, il Ponte dei Balcani ha indetto una giornata internazionale di azione. Nei Balcani e nei campi alle frontiere esterne dell’Europa, le persone sono esposte alla lotta per la sopravvivenza. Sono congelati, affamati, feriti fisicamente ed emotivamente. Pensiamo anche a loro oggi. Accogliamo insieme le persone e lottiamo per il loro arrivo e il loro diritto di restare.

Conosciamo l’Eichwäldli come un luogo dove le persone possono arrivare. Come un luogo dove le persone antirazziste e antifasciste possono fare rete. L’Eichwäldli è un luogo con personalità creative e arrabbiate. Questo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno.

Uniamoci e lavoriamo insieme e difendiamo ciò che tutti vogliamo: Alloggio e riparo per tutti. Eichwäldli rimane, rifugiati benvenuti!

Fonte immagine: https://www.facebook.com/eichwaeldlibleibt/photos/108203174449647

Il Comune di Turgi non accetta i rifugiati di Moria

10. January 2021
Notizie

A dicembre, nel comune argoviese di Turgi è stata presentata una petizione per accogliere i rifugiati di Moria. Gli iniziatori criticano la situazione dei campi nelle isole greche e sottolineano l’ampio sostegno all’evacuazione di questi campi da parte della popolazione svizzera, delle chiese nazionali e di numerose organizzazioni.

Tuttavia, il consiglio locale non è disposto ad accettare altri rifugiati. Ancora una volta si fa riferimento alla responsabilità della Confederazione. Inoltre, i rifugiati sono già curati più di quanto previsto dalla quota.

Il fatto che queste argomentazioni non si oppongano a un’ulteriore ammissione nel governo federale è già dimostrato da 25 città e comuni della Svizzera, tra cui il vicino comune di Baden, che vorrebbe accogliere 14 persone del nuovo campo di Kara Tepe.

Tutti i dettagli della proposta.

Fonte dell’immagine: https://static.az-cdn.ch/__ip/nUyE6Jf3rMSaucWthTaA27YfjxQ/27d056c675cf5002fc1b1e68b9202867b6b05500/n-small2x-16×9-far

Revisione annuale del Mediterraneo

28. December 2020
Notizie

Nel 2020, la rotta attraverso il Mar Mediterraneo è stata di nuovo una delle vie di fuga più frequenti e mortali verso l’Europa. La maggior parte dei gommoni o delle barche di legno partono dalla Libia. Lì la gente aspetta in campi disumani e molti vengono intercettati dalla guardia costiera libica o si trovano in difficoltà in mare.

Sebbene il salvataggio in mare sia un compito dello Stato, le organizzazioni civili di salvataggio in mare devono salvare le persone dall’annegamento e sono inoltre ostacolate e criminalizzate. Ad esempio, alle navi viene spesso negato il permesso di entrare in un porto europeo per un lungo periodo di tempo, anche se a bordo ci sono spesso persone che hanno bisogno di cure mediche urgenti, compresi i bambini e le donne incinte. Oppure le navi vengono trattenute per ragioni astruse e incomprensibili e talvolta le operazioni devono essere effettuate senza il coordinamento delle autorità marittime.

Le navi delle ONG salvano vite umane

Nel 2020, un totale di 3.500 persone sono state salvate da otto navi di ONG. Ma di gran lunga non tutte le persone in fuga attraverso il Mediterraneo possono essere individuate. Per tutto il 2020 l’OIM (Organizzazione internazionale per le migrazioni) ha registrato 1’111 morti in tutto il Mediterraneo e 739 morti nel Mediterraneo centrale. 82.704 persone hanno raggiunto l’Europa continentale. Più di 11.000 persone sono state intercettate dalla guardia costiera libica nel 2020 e riportate a riva. La pandemia di Covid 19 ha complicato ulteriormente il lavoro delle ONG quest’anno. La crisi ha portato a volte a un completo arresto di alcune missioni nel Mediterraneo.

“A causa della pandemia di Corona, i politici* hanno giustamente parlato molto della necessità di fare tutto il possibile per salvare vite umane. Purtroppo, questo non sembra valere per le persone che annegano nel Mediterraneo. Oggi siamo al punto in cui i governi dell’UE stanno a guardare mentre la gente annega nei mari del Mediterraneo e chi cerca rifugio soffre la fame, la paura e il dolore nelle isole greche”.

Gordon Isler, Presidente di Sea-Eye

A marzo, tutte le navi civili di salvataggio in mare sono state fermate a causa di una modifica delle norme di sicurezza delle navi o per la pandemia COVID-19. Secondo una ricerca di Der Spiegel, il Ministero dei Trasporti ha voluto prevenire specificamente il salvataggio in mare. Sono state inviate lettere del Ministero dell’Interno in cui si chiede espressamente di non navigare. La nuova missione UE “Irini” ha il compito di monitorare l’embargo sulle armi contro la Libia e l’espansione della guardia costiera libica, il salvataggio in mare non viene preso in considerazione.

Sul fragile terreno della pandemia di Covid 19, spesso alle navi non viene dato il permesso di entrare in un porto. Di conseguenza, la situazione sulle navi è peggiorata a tal punto che un uomo ha tentato di togliersi la vita e, a settembre, oltre 120 persone hanno tentato di raggiungere a nuoto la terraferma italiana. Nel mese di maggio, diverse navi di soccorso sono state fermate dalle autorità italiane. In risposta, l’ufficio per i diritti umani dell’ONU ha chiesto l’apertura immediata dei porti e ha criticato la detenzione delle navi di salvataggio e i “pushback” verso la Libia, che violano i diritti umani. I paesi dell’UE coinvolti hanno violato il diritto internazionale con queste misure.

Gli ultimi mesi del 2020 sono stati costellati da nuove detenzioni di navi civili di soccorso e di aerei civili da ricognizione. Alcune missioni di salvataggio potrebbero essere effettuate nonostante i blocchi.

“L’anno 2020 è stato estremamente drenante e frustrante per tutti i soccorritori in mare*.”

Gordon Isler, Presidente di Sea-Eye

SEEBRÜCKE Berna supporta Sea-Eye

Nell’ottobre 2020 Sea-Eye ha acquistato una nave di rifornimento offshore (costruita nel 1972) attraverso il supporto dell’alleanza di salvataggio in mare United4Rescue per convertirla in operazioni di salvataggio. Il Sea-Eye 4 dovrebbe essere operativo dal febbraio 2021. Speriamo nel vostro sostegno sia a terra che in mare. Spargete la voce tra voi stessi e gli altri. Attualmente Sea-Eye sta ancora organizzando una raccolta di fondi a Berna. Vogliamo finanziare una giornata di salvataggio della nuova nave. Potete aiutare a raggiungere l’obiettivo al seguente link: https://betterplace.org/f36493

Fonti:

  • Nadja Schlüter, Raphael Weiss, 23/12/2020 Ora: Queste ONG operano attualmente nel Mediterraneo. Salvataggio in mare nel Mediterraneo 2020 – il bilancio – SZ.de (sueddeutsche.de)
  • SOS Méditerranée Suisse. SOS MEDITERRANEO – SOS MEDITERRANEO Svizzera

Baden vuole accogliere 14 rifugiati di Moria

10. December 2020
Notizie

Ieri il consiglio dei residenti di Baden (AG) ha approvato a netta maggior ragione l’ammissione dei rifugiati dell’ex campo di Moria a Lesbo. La maggioranza di tutti i gruppi parlamentari ha votato a favore della mossa, ad eccezione dell’SVP. In precedenza, il consiglio comunale aveva già espresso la sua disponibilità ad accogliere i rifugiati.

In particolare, la città di Baden si è dichiarata pronta ad accogliere 14 rifugiati di Moria. Chiederà al Cantone e alla Confederazione di adottare le misure necessarie per consentire l’accoglienza dei rifugiati di Moria.
L’iniziatrice Nora Langmoen dice: “Il cantone e la Confederazione bloccano l’accoglienza dei rifugiati di Moria. Questo è incomprensibile e deludente. È quindi tanto più importante che anche il consiglio degli abitanti del Baden si dichiari disposto ad accogliere i rifugiati, se possibile. Più città e comuni partecipano, più è probabile che il cantone e la Confederazione si trasferiscano”.

A tal fine, il Baden si coordinerà anche con altre città e comuni del Canton Argovia disposti ad accogliere i rifugiati, nonché con Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, San Gallo, Winterthur e Zurigo, che hanno adottato iniziative analoghe per l’accoglienza dei rifugiati.
Circa 25 città svizzere si sono dichiarate solidali con le persone che sono fuggite e sono pronte ad accoglierle.

Tutti i dettagli dell’iniziativa.

Bildquelle: www.baden.ch

Bülach accoglierà direttamente i rifugiati

7. December 2020
Notizie

I consiglieri locali del SP Bülach e del Partito dei Verdi Bülach chiedono al consiglio comunale di sostenere l’ammissione diretta dei rifugiati della regione dell’Egeo.

Nell’aprile 2020 è stato presentato al consiglio comunale un appello firmato da oltre 100 persone dal titolo “Bülach sostiene i rifugiati”. Poiché il consiglio comunale non ha risposto pienamente alle richieste, segue ora un postulato con una richiesta concreta:

Il Consiglio comunale dovrebbe dichiarare al Consiglio federale di essere disposto ad accogliere i rifugiati direttamente nella propria comunità. “Poiché finora il Consiglio federale si è astenuto dall’accogliere direttamente i rifugiati, spetta a noi comuni esortare il Consiglio federale a cambiare direzione e al tempo stesso a mostrare la volontà di sopportarne le conseguenze”, spiega l’iniziatore Dominik Berner della SP Bülach.

Inoltre, il Consiglio comunale dovrebbe chiarire come l’accoglienza diretta e l’alloggio dei rifugiati nel centro d’asilo “Müliweg” possano essere forniti nel prossimo futuro, se la Confederazione permette l’accoglienza diretta.

Tutti i dettagli dell’iniziativa.

Fonte dell’immagine: SP Zurigo, https://buelach.spkantonzh.ch/app/uploads/2020/04/2020.04.08.Rathaus_1.jpeg

Ricettività anche nelle comunità più piccole

23. November 2020
Notizie

Dopo che negli ultimi mesi dieci grandi città svizzere si sono già dichiarate pronte ad accogliere i rifugiati nei campi delle isole greche di fronte al disastro umanitario, sempre più città e villaggi più piccoli si dichiarano pronti ad accogliere i rifugiati. Ciò aumenta la pressione sulla consigliera federale Karin Keller-Sutter, che blocca l’accoglienza dei rifugiati da parte delle città a livello federale. Le condizioni legali per questo sono già in vigore.

In una prima ondata di riscontri positivi, sei città hanno dichiarato pubblicamente la loro disponibilità ad accogliere i rifugiati e l’hanno comunicato al Consiglio federale:

Wohlen (BE): Il Comune di Wohlen ha scritto al SEM chiedendogli di intensificare significativamente gli aiuti suburbani, e in particolare l’accoglienza senza complicazioni dei rifugiati vulnerabili del campo bruciato di Moria, in considerazione della situazione umanitaria di Lesbo. Allo stesso tempo, la comunità offre, nei limiti delle sue possibilità, sia un sostegno finanziario per gli aiuti locali, sia un sostegno sotto forma di alloggio e assistenza nella comunità.

Sevelen (SG): Il comune di Sevelen è disposto ad accogliere e ad occuparsi di una famiglia oltre ai rifugiati già assegnati.

Arlesheim (BL): Il consiglio locale sostiene la richiesta dei firmatari e ha confermato la sua volontà di accettare altre cinque persone da un campo su un’isola greca. Il Cantone è stato informato di questa disponibilità.

Baden (AG): La città di Baden è disposta a prendere in considerazione ulteriori ammissioni se la Confederazione e il Cantone creano le condizioni legali. Questo è stato comunicato alla Confederazione attraverso l’Iniziativa delle città per le politiche sociali.

Penthalaz (VD): Il comune di Penthalaz si aspetta che la Svizzera fornisca un’accoglienza adeguata alle persone provenienti dai campi greci per ridurre la situazione di emergenza e si dichiara disposto ad accogliere le famiglie.

La città di Losanna (VD) ha espresso ancora una volta la sua disponibilità ad accogliere persone e i suoi sforzi per lavorare ad una soluzione a livello federale. La città spera di collaborare con le altre città ospitanti

La richiesta alle città è stata fatta con una petizione, che può continuare ad essere utilizzata per aumentare ulteriormente il numero di città disposte a ricevere visitatori e renderla visibile.

Tutti i dettagli della petizione.