Logo Seebrücke Schweiz

Lucerna dice no a Frontex

28. March 2022, 0:00 - 15. May 2022 0:00
Azioni

La violenza, la miseria e la morte sono diventate parte della vita quotidiana alle frontiere esterne dell’Europa. I rifugiati e i migranti sono privati dei diritti, picchiati e deportati. Come guardia di frontiera e costiera europea, Frontex è in parte responsabile. Frontex non è trasparente. Frontex guarda dall’altra parte. Frontex è complice delle violazioni dei diritti umani. Nonostante questo, Frontex viene espansa in modo massiccio in tutta Europa. Il 15 maggio si voterà se la Svizzera deve partecipare a questo ampliamento di Frontex.

NO a Frontex.
SÌ alla libertà di movimento.
Anche a Lucerna.

Programma attuale.

NoFrontex-Demo: 23.4.22 | 14:00 | Schützenmatte | Bern

23. April 2022, 14:00 - 6:00
Azioni

Noi diciamo: NO a Frontex il 15 maggio e oltre. SÌ alla libertà di movimento per tutti. NO alla disparità di trattamento razzista. SÌ alla solidarietà senza frontiere – Portiamo insieme il NoFrontex nelle strade.

Condividete l’appello, mobilitate i vostri amici, unitevi. Ci vediamo il 23.04 a Berna!


open eyes Balkanroute: Notte della cultura 2022: LaKuZ

29. April 2022, 19:00 - 2:00
Manifestazioni

Dalle ore 19.00 Infokafi Molotow
19.30 p.m. Cortometraggio ‘Near our border
Dalle 19.30 alle 21.00. Raccolta di donazioni in natura per le persone in fuga in Bosnia ed Erzegovina da parte di open eyes
21.00 Le rotule fracassate
22.15 Churchieboys
23.30 Nebbia spaventosa
Seguito da & open end Lost in Time Record Show

Infokafi Molotow

L’Infokafi apre le sue porte e vi invita a sedervi per un drink, conoscervi, sfogliare i libri e scambiarvi opinioni sulla politica extraparlamentare.

Dalle 19.30 Cortometraggio ‘Near our border‘: film documentario di Martina e Pina (21min./Engl.). Il cortometraggio dà un’impressione della situazione delle persone in fuga al confine bosniaco-croato.

Seguono input e discussioni aperte.

open eyes raccoglie donazioni in natura per le persone in fuga in Bosnia ed Erzegovina Raccogliamo:

  • Abbigliamento uomo e unisex (taglia S e M).
  • Niente giacche da sciScarpe max. 44, allacciate insieme
  • Guanti, cappelli, sciarpe
  • Sacchi a pelo, stuoie, coperte (non piumini), coperte di salvataggio
  • Zaini (non valigie o borse)
  • Pentole e cucchiai da cucina
  • Batterie e telefoni con GPS e caricabatterie.
  • Si prega di non consegnare merce danneggiata, lavata volentieri, asciutta.
  • La biancheria intima sarà accettata solo nuova, non indossata.
  • Attualmente non ci sono vestiti per neonati, bambini o donne.

Più informazioni qui e su Facebook.

Buskers Festival 2022

9. August 2022, 18:00 - 13. August 2022 1:00
Sessione

Dopo due lunghi anni di assenza, il Buskers Festival di Berna è tornato!

Unisciti a noi dal 9 al 13 agosto nelle strade di Berna per celebrare la musica e le arti di strada.

Sotto il nome di “rotte migratorie sicure per tutti”, Seebrücke, sea-eye e open eyes avranno uno stand e raccoglieranno il vostro deposito. Venite a mangiare, a connettervi e a chiacchierare.

Partecipa alle giornate di azione  Abolish Frontex 22-23-24 Aprile 2022

22. April 2022, 8:00 - 24. April 2022 20:00
Azioni

Sostieni il referendum svizzero “No Frontex” 

 A maggio, la Svizzera avrà l’opportunità unica di dire SÌ alla libertà di movimento per tutti e NO a Frontex.  Il parlamento svizzero ha deciso di rafforzare l’Agenzia europea per la protezione delle frontiere Frontex con 61 milioni di franchi svizzeri all’anno.  Ma gli attivisti hanno raccolto 50.000 firme per un referendum che si terrà il 15 maggio. Se avrà successo, il referendum potrebbe portare la Svizzera ad essere il primo Paese europeo a decidere di definanziare attivamente Frontex.  A causa dell’acquis di Schengen è anche probabile che la Svizzera si ritiri completamente da Frontex.

In occasione delle prossime Giornate d’azione per l’abolizione di Frontex, vogliamo dimostrare che l’argomento non riguarda solo la Svizzera.  Vi invitiamo a organizzare azioni contro Frontex e il regime omicida di frontiera in Europa.  Qualsiasi tipo di azione è benvenuta, ma la nostra idea era quella di mostrare solidarietà alla iniziativa in Svizzera e di evidenziare il contributo del vostro Paese a Frontex.  Potrebbero essere aerei, personale, armi, navi, denaro o altro… 

Se avete bisogno di aiuto per scoprire quali sono i contributi nazionali del vostro  Paese, potete mettervi in contatto con il gruppo di ricerca: research@abolishfrontex.org.

Anche le date degli Action Days sono simbolicamente significative: il 22 aprile 2021, 130 persone sono annegate nel Mar Mediterraneo nonostante Alarm Phone abbia chiamato le autorità per chiedere aiuto per 10 ore intere e un aereo Frontex abbia sorvolato i naufraghi, sorvegliando la loro sofferenza.  Le persone avrebbero potuto essere salvate, ma l’UE le ha lasciate consapevolmente  morire in mare.  Abbiamo bisogno di efficaci meccanismi di ricerca e salvataggio invece di un’agenzia di frontiera assassina!  

Idee per azioni:

  • Crea poster, volantini, ecc. per informare le persone sul contributo del tuo paese a Frontex e sui problemi con Frontex
  • Organizza una manifestazione davanti alle ambasciate o ai consolati svizzeri
  • Organizza una manifestazione davanti agli edifici governativi per protestare contro il contributo del tuo paese a Frontex
  • Pianifica un’azione in una località collegata al contributo del tuo paese a Frontex (ad esempio un ministero, una base navale o una fabbrica di armi)
  • Organizza una manifestazione o un incontro per informare le persone sul referendum svizzero e invitare processi simili per porre fine al coinvolgimento in Frontex nel tuo Paese 
  •  Scrivi lettere di massa o e-mail alle autorità nazionali (membri del parlamento, ecc.) per informarle del coinvolgimento di Frontex nelle violazioni dei diritti umani e chiedere la fine del sostegno del tuo paese a Frontex
  •  Trova altre idee per azioni e un elenco delle sedi di Frontex qui: https://abolishfrontex.org/take-action/

NoFrontex – Installazione artistica a Lucerna promuove un No a Frontex il 15 maggio

28. March 2022, 18:30 - 26. April 2022 20:00
Manifestazioni

La violenza, la miseria e la morte sono diventate parte della vita quotidiana alle frontiere esterne dell’Europa. Le persone in fuga sono diseredate, picchiate e deportate. Come guardia di frontiera e costiera europea, Frontex è in parte responsabile. In vista del voto sul previsto ampliamento del sostegno dell’agenzia, diversi gruppi di Lucerna denunciano la politica europea di sigillare le persone – con una recinzione di confine a Lucerna.

Nell’area di operazione di Frontex, le frontiere esterne dell’UE, le conseguenze dell’isolamento stanno diventando evidenti. Le persone annegano, muoiono di freddo o soccombono a ferite e malattie. Sono bloccati, subiscono violenze e vengono loro negati i diritti fondamentali.

La ricerca conferma ciò che i rifugiati dicono da anni: Frontex è complice degli abusi dei diritti umani e dei respingimenti illegali. Le registrazioni mostrano che Frontex è presente quando le guardie costiere nazionali distruggono i motori delle barche e lasciano i rifugiati in mare. Frontex collabora anche sistematicamente con la cosiddetta guardia costiera libica, che intercetta in massa le barche e le riporta con la forza in Libia.

“La situazione attuale mostra ciò che è possibile: frontiere aperte, grande solidarietà. Questa possibilità di fuga non deve essere garantita solo oggi e a questa frontiera, ma deve essere possibile anche domani e ovunque. Ha bisogno di libertà di movimento per tutti”. NoFrontex Gruppo Lucerna

NoFrontex Grenzzaun ausf Programm.jpeg

Demo: Tutto significa tutto. Per una politica migratoria antirazzista.

18. March 2022, 18:30 - 20:00

Una conversazione con le donne del salvataggio in mare

8. March 2022, 19:00 - 21:00
Manifestazioni

Eine Veranstaltung von SOS MEDITERRANEE Suisse

Am diesjährigen Weltfrauentag möchten wir euch die Möglichkeit geben zwei tolle Frauen kennenzulernen, die an Bord der Ocean Viking waren: Stefanie, Leiterin des medizinischen Teams, und Emmanuelle Chaze, die unsere Rettungseinsätze im April 2021 als unabhängige Journalistin begleitet hat.

Sie werden von ihren Erfahrungen erzählen, über die starken Frauen sprechen, die übers Mittelmeer geflohen sind und die sie an Bord der Ocean Viking getroffen haben, und euren Fragen antworten. Seit Beginn unserer Rettungseinsätze 2016 konnten wir über 5000 Frauen retten.

Zu ihnen haben unsere weiblichen Teammitglieder eine ganz spezielle Beziehung. Denn im Gegensatz zu ihren männlichen Kollegen haben sie Zugang zum Frauenschutzraum auf der Ocean Viking. Dort und in der Bordklinik kommt es zu besonderen Begegnungen, wo frau Vertrauen aufbaut, füreinander da ist und sich öffnet.

Wir freuen uns, diesen Weltfrauentag mit euch zu verbringen und mit Frauen rund um die Seenotrettung zu sprechen!

Über diesen Link kannst du am 8. März um 19 Uhr am Gespräch teilnehmen: https://bit.ly/3gThZGl

Formazione del gruppo locale NoFrontex Lucerne

27. February 2022, 14:00 - 16:00
Sessione

Vogliamo organizzarci insieme e invitarti a una prima riunione:

Data: 27.02.2022
Ora: 14.00
Luogo: RäZel, Horwerstrasse 14, 6005 Lucerna
Obiettivi: Pianificare azioni, eventi informativi e mobilitazione

Sei con noi?

Contro Frontex e per la libertà di movimento!

No al finanziamento di Frontex!

15. May 2022, 10:00 - 18:00

Riunione di avvio NoFrontex

16. February 2022, 18:00 - 19:00
Sessione

Contro Frontex e per la libertà di movimento! Insieme vogliamo organizzare e invitarvi a una prima riunione di avvio:

16 febbraio alle 18:00 su zoom:
https://zoom.us/j/99612290730?pwd=M3RvODdYdHArZ1ovenpyaXNhQ1k4UT09

Il Comitato NoFrontex presenterà la campagna NoFrontex e discuteremo su come le persone possono essere coinvolte – sia in un gruppo locale o in un gruppo di lavoro sovraregionale del referendum NoFrontex, come individuo o come organizzazione. Creiamo spazio per una resistenza diversa fino al 15 maggio e oltre!

Open Eyes Balkanroute: shapes of lesbos

7. February 2022, 19:00 - 21:00
Azioni

Lu. 07.02.2022, 19h ★ cinématte Bern

Serata cinematografica di solidarietà seguita da una discussione – Regia: Jana Stallein; film documentario; GR/D 2020, versione originale con sottotitoli in tedesco, 1h21 – il ricavato è devoluto al Legal Centre Lesvos.

Riprese dell’enorme campo per i rifugiati a Lesbo, dove a volte vivono più di 15.000 persone, poche settimane prima del grande incendio. C’è una parte ufficiale e una parte non ufficiale, “Moria Jungle”, dove migliaia di persone vivono illegalmente negli oliveti circostanti. All’interno del campo, fa differenza sotto quale delle organizzazioni umanitarie sei collocato, ci dice un residente. Il tedesco viene insegnato in tende di fortuna da un giovane che fugge dall’Afghanistan per la seconda volta dopo la sua deportazione. I volontari dei rifugiati incontrano i volontari di tutta Europa per formarsi a vicenda. I traduttori cercano anche di trasmettere le differenze culturali.

In SHAPES OF LESBOS, però, si parla anche degli abitanti di Lesbo; l’economia e la vita sull’isola non funzionano più come prima. Non solo per le masse di rifugiati, ma anche per le legioni di volontari. Dove all’inizio c’era una grande volontà di aiutare, c’è la rassegnazione di fronte alla permanenza della situazione. Condizioni anguste ovunque, capacità limitate, richieste eccessive. In mezzo, spazi impressionanti che i rifugiati come il sedicenne combattente di arti marziali Sohela si creano dove in realtà non c’è spazio.

La regista Jana Stallein era sul posto e cerca di ritrarre diverse prospettive e punti di vista. In mezzo, immagini della spiaggia con i numerosi resti della traversata, sovrapposte a livello tonale con stralci di reportage sulla politica europea dei rifugiati. “E poi qualcuno mi chiede”, riferisce una giovane dottoressa dopo la sua estenuante missione nel campo profughi di Moria, “quando ci sarà un altro conflitto”. La maggior parte dei combattimenti avvengono dopo le 22, quando nessuno degli aiutanti è più presente”. (Stefanie Gaus)

maggiori informazioni su cinématte.

CommemorAction

4. February 2022, 0:00 - 6. February 2022 23:00
Azioni

Chiamata all’azione!

Le CommemorActions sono azioni per ricordare le persone che sono morte, scomparse o scomparse con la forza durante i loro viaggi attraverso le frontiere.

Vogliamo riunirci per ricordare le persone uccise e scomparse nei deserti, negli oceani e alle frontiere e per parlare insieme contro la violenta politica di chiusura dell’UE. Allo stesso tempo, vogliamo riunirci per esprimere la nostra solidarietà a tutte le persone in cerca di protezione che sono morte e scomparse in mare e alle frontiere, alle loro famiglie e ai loro amici, e a tutti coloro che lottano per la libertà di movimento.

Ci uniamo all’appello di Watch The Med – Alarmphone: organizzate azioni decentralizzate nel maggior numero possibile di città il fine settimana del 4/5 e 6 febbraio! Riuniamoci in solidarietà in questo giorno per esigere delle risposte!

Manifestazione contro la deportazione a Lucerna /Wauwil

18. December 2021, 12:45 - 16:00
Azioni
Ist möglicherweise ein Bild von Text „DEMO GEGEN AUSSCHAFTUNG 18. Dez. 2021 12.45 Uhr Bahnhofplatz, Lu anschliessend gemeinsam auf den Zug (Ticket wird übernommen eir fach damit zum Soundwager kommen) 14.00 Uhr Demo ab Wauwil Bhf zumAusschaffungsgefängnis ABOLISH FRONTEX SEEBRÜCKE bewilligt“

Kein Mensch ist illegal! Schluss mit Ausschaffungen!

18. Dezember // 12:45 Uhr // Bahnhofplatz Luzern // um 13:30 Uhr gemeinsame Anreise nach Wauwil zur Demo

Anstatt geflüchteten oder migrierten Personen ein sicheres und würdiges Leben zu ermöglichen, werden in der Schweiz jedes Jahr Tausende Menschen unter Zwang ausgeschafft. Dahinter steht ein zutiefst rassistisches System: Geflüchteten Menschen wird grundsätzlich mit Misstrauen begegnet, sie werden in «richtige» und «Schein-Geflüchtete» eingeteilt. Folgen davon sind die Illegalisierung, der Verlust praktisch aller Rechte in der Nothilfe, oder zuletzt die Ausschaffung. Wir sagen: Kein Mensch ist illegal! Keine Person sollte jemals an den Ort zurückkehren müssen, den sie verlassen wollten oder mussten. Wir fordern: Bleiberecht für alle!

No person is illegal! Stop deportations!

December 18// 12.45 PM // Banhofsplatz Lucerne // At 1.30 PM joint journey to Wauwil for the demo

Instead of providing refugees and migrants with a safe and dignified life, thousands of people are forcibly deported out of Switzerland every year. Behind this stands a profoundly racist system: refuges are on principle treated with suspicion, they are divided into “real” and “pretend” refugees. The consequences of this are illegalization, the loss of practically all rights in emergency aid, or finally deportation. We say: No human being is illegal. No person should ever have to return to the place they wanted to or had to leave. We demand: The right to stay for all!

Hiç kimse yasa dışı değil! sınır dışı edilmeyi sonlandır.

18. Aralik//13.00’de Bahnhofsplatz Luzern’de buluşup saat 13.30’de hep beraber Wauwil

‘deki eyleme katılacağız Mülteci veya göçmenlerin güvenli ve onurlu bir yaşam sürmelerini sağlamak yerine her yıl binlerce insan İsviçre’de zorla sınır dışı ediliyor. Bunun arkasında ırkçı bir sistem var: Mültecilere genellikle şüpheyle yaklaşılıyor, “gerçek” ve “sahte mülteciler” olarak ikiye ayrılıyor. Bunun sonuçları ise mültecileri yasa dışı ilan etme, acil yardımla ilgili neredeyse tüm hakları ellerinden alma veya nihayetinde sınır dışı edilmesidir.Diyoruz ki: kimse yasa dışı değildir! Hiç kimse istemediği veya ayrılmak zorunda bırakıldığı yere geri dönmek zorunda kalmamalıdır. Talep ediyoruz: herkes için kalma hakkı!

ዘይሕጋዊ ዝዀነ ይኹን ሰብ የለን! ደጊም ምጥራዝ ክውገድ ኣለዎ!


18 ታሕሳስ ሰዓት 12.45 Bahnhofsplatz Luzern
ሰዓት 13.30 ጉዕዞና ብሓባር ንሰለማዊ ሰልፊ ናብ Wauwil

ኣብ ዓዓመት ብኣሽሓት ዚቝጸሩ ሰባት ስደተኛታት ብሰላም ክነብሩ ኣብ ክንዲ ዝግበረሎም፡ ብድፍኢት እዮም ካብ ስዊዘርላንድ ዝጥረዙ። ኣብቲ ናይ ስደተኛታት መስርሕ ውን ብሓፈሻ ሕማቅ ወይ ዓሌትነት ዝተሓወሶ መስርሕ እዩ ዘሎ። ስደተኛታት ብሓፈሻ ኣዝዩ ሕማቅን ምትእምማን ዝጎደሎ ኣቀባብላ ክግበረሎም እንከሎ፡
ናይ ሓቂ ኸምኡውን ናይ ሓሶት ስደተኛታት ተባሂሎም ካኣ ተመቒሎም ኣለዉ። ሳዕቤኑ ከኣ ዘይሕጋዊ ምግባር ዳርጋ ዅሉ መሰላት ህጹጽ ረድኤት ምጥፋእ ወይ ኣብ መወዳእታ ምጥራዝ እዩ።
ንሕና ካኣ ዋላ ሓደ ሰብ ዘይሕጋዊ ኣይኰነን ንብል!
ዝዀነ ይኹን ሰብ ናብቲ ክገድፎ ዝተገደደ ወይ ክወጽእ ዝመረጾ ቦታ ብዘይምርጭኡ ክምለስ የብሉን። ንሕና ከኣ ኩሉ ሰብ ኣብቲ ዘለዎ ቦታ ናይ ምጽናሕ መሰል ኽህልዎ ጻዊዕትና ነቅርብ ኣለና!

Tû kes ne îllegal e! Êdî dersînorkirin nema!

18 Kanûn, seet 13:00 Bahnhofsstrasse Lucerne.
Cûyîna hevbeş ji bo demo li Wauwil di 13:30

de Her sal bi hezaran kes bi darê zorê ji Swîsreyê têne dersînorkirin, li şûna ku penaber an koçber karibin jiyanek bi ewle û bi rûmet bijîn. Li pişt vê pergalek nijadperest a kûr heye: Penaber pir caran bi gumanan têne dîtin, di bin navên “penaberên rast” û “penaberên sexte” de têne dabeş kirin. Encam dersînorkirin, windakirina hema hema hemî mafên alîkariya acîl, û di dawiyê de dersînorkirin in. Em dibêjin: Tû kes ne îllegal e! Divê tu kes nevegerê cîhê ku ew naxwaze an jî cîhê ku ji bo wî xetereyê.
Em daxwaz dikin: Mafê mayînê ji bo her k

Giorni di raccolta in tutta la Svizzera per il referendum di Frontex

10. December 2021, 0:00 - 12. December 2021 23:00
Azioni
News | Solidaritätsnetz Bern

Il referendum contro Frontex richiede 50.000 firme di persone con diritto di voto in Svizzera. O per dirla in un altro modo: 1.000 persone sono necessarie per raccogliere 50 firme ciascuna. Gruppi e organizzazioni che vogliono sostenere il referendum contro Frontex sono naturalmente i benvenuti! Le firme devono essere raccolte entro la fine del 2021.

Ogni giorno Frontex viola i diritti umani alle frontiere esterne dell’Europa, nel Mediterraneo o nei Balcani. Anche il 10.12 – la giornata internazionale dei diritti umani. Stiamo usando questa giornata come un’opportunità per raccogliere firme contro Frontex dal 10 al 12 dicembre.

Ci saranno chat di gruppo nelle singole regioni per coordinare le azioni congiunte di raccolta:
https://frontex-referendum.ch/take-action/

Sea-Eye : ROUTE 4 – A DREADFUL JOURNEY

24. November 2021, 20:00 - 23:00
Manifestazioni

Per più di 15 mesi, un team di media ha accompagnato la nave di salvataggio in mare ALAN KURDI durante diverse missioni nel Mediterraneo. Oltre a numerosi momenti commoventi in mare, il materiale è stato prodotto anche in paesi come Niger, Tunisia, Libia, Italia e Malta. Questo materiale, la maggior parte del quale non è stato ancora pubblicato, sarà ora presentato al pubblico sotto forma del film documentario “Route 4”.

Sea-Eye vuole usare il film per attirare l’attenzione sui problemi creati dalla stessa UE. Alle sofferenze e alle difficoltà che le persone affrontano nei loro viaggi e all’incredibile lavoro delle ONG (in questo caso Sea-Eye) che sono le uniche ad assumersi il compito di salvare le persone nel Mediterraneo.

Un film di Boxfish commissionato da Sea-Eye e dalla Mennonite Relief Society.

In Svizzera, il gruppo Sea-Eye di Berna organizza la proiezione del film:

Quando? 24 novembre alle 20:00.

Dove? Cinema Cinematte Bern, Wasserwekgasse 7, 3011 Bern

Più informazioni presso Sea-Eye e Cinematte.

SOS – Save our Souls

2. December 2021, 20:00 - 23:00
Manifestazioni

Un evento di SOS Mediterranee Svizzera


Testimoni che erano a bordo della nostra nave di soccorso o sono dovuti fuggire attraverso il Mediterraneo raccontano le loro esperienze in questa serata di beneficenza. Inoltre, l’autore Roger de Weck e Caroline Abu Sa’Da, amministratore delegato di SOS MEDITERRANEE Svizzera, accompagneranno la serata sul palco insieme a Franz Hohler, Patti Basler e la violoncellista Chiara Enderle Samatanga.

I biglietti possono essere acquistati qui:

https://www.schauspielhaus.ch/de/kalender/21958/sos-mediterrane-ein-benefizabend/21959

Frontex Referendum

25. October 2021, 0:00 - 7. January 2022 0:00
Azioni

Niente soldi per le violazioni dei diritti umani

La violenza, la miseria e la morte sono diventate una triste vita quotidiana alle frontiere esterne dell’UE. I rifugiati delle zone di guerra vengono picchiati, derubati e rimandati indietro. Frontex svolge un ruolo centrale in questo. La controversa guardia di frontiera e costiera europea deve ora essere ampliata, con più soldi dalla Svizzera. Il Parlamento ora vuole pagare 61 milioni all’anno per Frontex invece dei 14 milioni precedenti. Chiediamo: niente soldi per le violazioni dei diritti umani! Per il referendum occorrono 50.000 firme di persone aventi diritto di voto in Svizzera entro la fine dell’anno.

Come puoi sostenere il referendum:

Firma il modulo di segnalazione.

  • Scarica il modulo su https://frontex-referendum.ch/, compila, invia.
  • Firma, stampa e invia su https://wecollect.ch/projekte/frontex-referendum.

Diffondi le informazioni sul referendum sui tuoi canali, sia sui social che nel quartiere.

Sostieni finanziariamente il referendum: IBAN: CH72 0900 0000 6024 4887 5, nota: “Referendum Frontex”.

Cos’è Frontex?

Frontex è stata fondata nel 2004. La loro area di attività è quella di supportare le autorità nazionali nella protezione delle frontiere esterne dell’UE e di Schengen. Dal 2016 è diventata una specie di super organizzazione con un budget più elevato, più personale e armi proprie. Anche i rimpatri fanno ora parte dei loro compiti.

Disprezzo sistematico per i diritti umani

Numerosi rapporti di organizzazioni della società civile e giornalisti rivelano: Le guardie costiere nazionali e le pattuglie di frontiera fermano sistematicamente i rifugiati e li lasciano indifesi al confine europeo. La ricerca in Grecia mostra come le autorità hanno distrutto i motori delle barche e lasciato i rifugiati su veicoli non manovrabili o pinne di salvataggio gonfiabili. Durante diversi di questi «respingimenti»,

Frontex si è trovata nelle vicinanze o ha addirittura fermato le barche dei profughi e le ha consegnate alla guardia costiera. Frontex utilizza anche droni per monitorare il Mar Mediterraneo e segnala i rifugiati alla guardia costiera libica, sebbene i rifugiati in Libia siano minacciati di reclusione nei campi e gravi violazioni dei diritti umani.

Il ruolo della Svizzera

In quanto Stato membro di Schengen, la Svizzera contribuisce al finanziamento di Frontex. Con l’adozione del regolamento UE sulla guardia di frontiera e costiera europea, il Parlamento ha deciso nella sessione autunnale di più che quadruplicare il contributo, passando dai 14 milioni di oggi a 61 milioni all’anno. Inoltre, in futuro più svizzeri prenderanno parte a operazioni armate. L’espansione di Frontex, senza alcuna garanzia che i diritti umani non saranno più sistematicamente violati, non può essere conciliata con i valori umanitari.

Uccidere le frontiere! Installazione sul disinteresse dei comuni della Svizzera centrale e della Fortezza Europa.

4. October 2021, 18:30 - 18. October 2021 18:30
Azioni

En Méditerranée, dans les forêts de Bosnie ou à Moria sur Lesbos – le régime frontalier de l’Europe provoque des souffrances inconcevables. Avec l’installation sur le désintérêt des communautés de Suisse centrale et de la forteresse Europe, nous attirons l’attention sur cette politique mortifère. Nous exigeons : Abolir Frontex, la liberté de circulation pour tous!

Nel Mediterraneo, nelle foreste della Bosnia o a Moria su Lesbo – il regime di frontiera dell’Europa causa una sofferenza inconcepibile. Con l’installazione sul disinteresse delle comunità della Svizzera centrale e della Fortezza Europa attiriamo l’attenzione su questa politica mortale. Noi chiediamo: Abolire Frontex, libertà di movimento per tutti!

Vernissage: 4 ottobre 18:30, Inseli Luzern
Con discorsi, cibo e protesta.

Finissage: 18 ottobre 18:30, Inseli Luzern

Solidarité sans frontières: Manifestazione del 2 ottobre // 14:00 // Schützenmatte, Berna

2. October 2021, 14:00 - 17:00

Solicamp 4 Moria

28. August 2021, 12:00 - 29. August 2021 15:00
Azioni

Un evento del collettivo “Solidaritätscamp Ostschweiz”.

Programma

Porta la tua tenda, il tuo sacco a pelo e gli utensili per mangiare e sensibilizziamo insieme sulla crisi umanitaria alle frontiere dell’Europa.

Passeremo il sabato pomeriggio, dalle 12:00, fino alla domenica 15:00 allo Stadtweiher di Wil. Avremo cena, pranzo e colazione.

Durante il giorno ci sarà un angolo di artigianato, giochi, attività e uno stand informativo, la sera un open-mic e letture. Tutti sono invitati a unirsi a noi, a modellare insieme il fine settimana e a organizzare il campo.

Campo di solidarietà per profughi
(specie per i rifugiati)

Non vogliamo più starcene seduti a casa e sopportare la terribile situazione dei rifugiati in Europa. Vogliamo che quanti vengono da noi siano accolti umanamente. Del resto, c’è abbastanza posto per loro, sia Svizzera che in Europa.

Un nostro gruppo nell’aprile del 2021 ha organizzato un campo di solidarietà a San Gallo e messo davanti agli occhi di tutti come stanno le cose. Speriamo ora che il governo agisca.

Il prossimo campo di solidarietà sarà organizzato alle fine dell’estate. Va da sé che porremo la massima attenzione alle azionipreventive per contrastare il Covid-19.

Hai/ avete voglia di partecipare alle nostre azioni?

Tutti sono benvenuti a condividere. Vi sono diverse possibilità di spendere con noi del tempo libero e per sostenere le nostre richieste di evacuazione da tutti i campi!

Ogni donna e ogni uomo è benvenuto!

Stiamo anche cercando persone che siano disposte a raccontare la loro storia, le loro esperienze in Svizzera, per rappresentare la situazione reale dei rifugiati. Cerciamo anche profughi o persone che hanno già prestato aiuto nei campi e possono raccontare le loro esperienze. Vogliamo trasmettere un impressione veritiera!

Se avete altre idee da proporre siete ugualmente benvenuti! Chi desidera aiutare questa organizzazione? Mettetevi in contatto con noi!

Kollettivo «Solidaritätscamp Ostschweiz»
solicamp4moria@riseup.net | +41 77 480 79 66

Homepage des Solicamps.

Corsa della solidarietà 2021 a Lucerna

4. September 2021, 13:00 - 15:00
Manifestazioni

Il 4 settembre, la terza corsa di solidarietà della Rete di solidarietà di Lucerna avrà luogo al Lidowiese. Vogliamo inviare un segnale forte per una maggiore solidarietà con i rifugiati.

Se vuoi correre con noi e sostenere i progetti di solidarietà e i rifugiati, puoi registrarti qui.

Una corsa dura 40 minuti. I giri si svolgono intorno al Lidowiese vicino al Museo dei Trasporti (1 giro = 500 metri). Ci sono 2 orari di inizio: 13:00 o 14:00.

Anche se non sei in grado di correre, c’è la possibilità di sostenere sponsorizzando una persona che non ha potuto trovare sponsor privati.

“Mittelmeer-Monologe” im Kleintheater Luzern

20. September 2021, 20:00 - 22:00
Manifestazioni

I “Monologhi del Mediterraneo” raccontano di Naomie dal Camerun e Yassin dalla Libia, della resistenza politica, di una barca in viaggio verso l’Europa, di brutali guardie costiere, di dubbi centri di salvataggio in mare. E di attivisti che stanno facendo qualcosa per le morti nel Mediterraneo. Fanno quello che non si può più dare per scontato: salvano la vita umana!

I “Monologhi del Mediterraneo” sono documentari, teatro verbatim basato su interviste di diverse ore. Casi reali di salvataggio in mare sono ricostruiti e raccontati dalla prospettiva delle persone coinvolte e degli attivisti.

Una produzione del MAXIM Theater transculturale di Zurigo
Scritto e diretto da Michael Ruf, Wort und Herzschlag

La proiezione sarà seguita da una discussione.

Ingresso: 25.- / 5,- franchi svizzeri (rifugiati) / 35,- (prezzo unico)

Un evento di Hello Welcome in collaborazione con seebrücke.ch, wort-und-herzschlag.de, alarmphone.org

Teatro “Monologhi mediterranei” – San Gallo

18. June 2021, 19:30 - 21:30
Manifestazioni
Dieses Bild hat ein leeres Alt-Attribut. Der Dateiname ist mitelmeermonologe_header2-1024x240.jpg

I “Monologhi del Mediterraneo” raccontano di Naomie dal Camerun e Yassin dalla Libia, della resistenza politica, di una barca in viaggio verso l’Europa. I “Monologhi del Mediterraneo” sono documentari, teatro verbatim, basato su interviste di diverse ore. Casi reali di salvataggio in mare sono ricostruiti e raccontati dalla prospettiva delle persone coinvolte e degli attivisti.

Autore: Michael Ruf (Word and Heartbeat)
Uno spettacolo del MAXIM Teatro di Zurigo

Quando: Vendredi 18 giugno, ore 19.30.

Dove: Grabenhalle, San Gallo

Costo: ingresso gratuito, raccolta.

Teatro “Monologhi mediterranei” – Berna

11. June 2021, 19:00 - 21:00
Manifestazioni
Dieses Bild hat ein leeres Alt-Attribut. Der Dateiname ist mitelmeermonologe_header2-1024x240.jpg

I “Monologhi del Mediterraneo” raccontano di Naomie dal Camerun e Yassin dalla Libia, della resistenza politica, di una barca in viaggio verso l’Europa. I “Monologhi del Mediterraneo” sono documentari, teatro verbatim, basato su interviste di diverse ore. Casi reali di salvataggio in mare sono ricostruiti e raccontati dalla prospettiva delle persone coinvolte e degli attivisti.

Autore: Michael Ruf (Word and Heartbeat)
Uno spettacolo del MAXIM Teatro di Zurigo

Quando: Venerdì 11 giugno, ore 19.00.

Dove: Heiliggeistkirche, Berna

Costo: ingresso gratuito, raccolta.

Teatro “Monologhi mediterranei” – Zurigo

16. June 2021, 19:30 - 21:30
Manifestazioni
Dieses Bild hat ein leeres Alt-Attribut. Der Dateiname ist mitelmeermonologe_header2-1024x240.jpg

I “Monologhi del Mediterraneo” raccontano di Naomie dal Camerun e Yassin dalla Libia, della resistenza politica, di una barca in viaggio verso l’Europa. I “Monologhi del Mediterraneo” sono documentari, teatro verbatim, basato su interviste di diverse ore. Casi reali di salvataggio in mare sono ricostruiti e raccontati dalla prospettiva delle persone coinvolte e degli attivisti.

Autore: Michael Ruf (Word and Heartbeat)
Uno spettacolo del MAXIM Teatro di Zurigo

Quando: Mercoledì 16 giugno, ore 19.30.

Dove: nella chiesa di Offener St. Jakob, Zurigo

Costo: ingresso gratuito, raccolta.

Teatro “Monologhi mediterranei”

17. June 2021, 19:00 - 21:00
Manifestazioni

I “Monologhi del Mediterraneo” raccontano di Naomie dal Camerun e Yassin dalla Libia, della resistenza politica, di una barca in viaggio verso l’Europa. I “Monologhi del Mediterraneo” sono documentari, teatro verbatim, basato su interviste di diverse ore. Casi reali di salvataggio in mare sono ricostruiti e raccontati dalla prospettiva delle persone coinvolte e degli attivisti.

Autore: Michael Ruf (Word and Heartbeat)
Uno spettacolo del MAXIM Theater di Zurigo

Dopo lo spettacolo, i rifugiati di Lucerna parleranno delle loro esperienze. Saranno mostrate possibilità concrete per un impegno solidale.

Quando: Giovedì 17 giugno, ore 19.00.

Dove: nel Pavillon Nationalquai

Costo: ingresso gratuito, raccolta.

From the Sea to the City Conferenza

25. June 2021, 9:00 - 26. June 2021 17:00
Conferenza/Webinar

Save the date! 
Conference From the Sea to the City:
A Conference of Cities for a Welcoming Europe
25-26 June 2021
Palermo/online

Siamo lieti di annunciare finalmente le date di questa prossima conferenza che si terrà a Palermo e online!

Mentre l’UE e i governi nazionali europei raddoppiano sulla deterrenza migratoria ad ogni costo, sempre più città in tutta Europa stanno diventando gli agenti del cambiamento per un’Europa solidale, assumendosi la responsabilità di proteggere le vite umane. I comuni accoglienti stanno crescendo di numero in tutta Europa e rappresentano una voce politica potente, in grado di rilanciare l’Europa dal basso verso l’alto.

La conferenza “From the Sea to the City” riunirà sindaci, rappresentanti delle città e della società civile di tutta Europa che si battono per un passaggio sicuro, al fine di aprire opportunità per soluzioni pratiche e aperte che mettano i diritti umani al centro della futura politica migratoria.

La conferenza è pensata per essere un altro passo nel processo di creazione di una rete europea di città, comuni e società civile con l’obiettivo di sostenere un ruolo attivo delle città nella politica migratoria europea. Questa rete vuole aumentare la visibilità dei comuni accoglienti a livello europeo, incoraggiare altre città ad agire e costruire alleanze più forti con gli attori della società civile.

Per ulteriori informazioni e per essere aggiornati sul prossimo programma, iscrivetevi alla newsletter di From the Sea to the City: https://fromseatocity.eu/

Registrati per seguire i panel online e le discussioni dei sindaci qui:
https://zoom.us/meeting/register/tJElduCvqTMqHtC5yOkPHqMsZKi44K1Vxrsd

Evento online del Seebrücke Bern

9. May 2021, 13:30 - 14:30
Azioni

Domenica, 09 maggio, alle 13:30, noi come il gruppo locale Bern, ma anche altre persone con testimonianze e storie personali, parlerà in un evento online del No WEF Spring Quarter.

Quest’anno, invece del trimestre invernale No WEF, ci sarà un trimestre primaverile. Ci sono eventi online sui movimenti politici (per esempio Seebrücke, Basel Nazifrei…). Allo stesso tempo ci sarà una mostra (all’esterno) con interviste registrate di compagni* sulle lotte internazionali in corso. Quindi sarà eccitante! Mostriamo la nostra solidarietà in tempi di pandemia e diamo un segno a coloro che stanno resistendo in questo momento! Maggiori informazioni saranno presto disponibili su winterquartier-bern.ch.

Aktionstage Enough.

6. September 2021, 8:00 - 12. September 2021 20:00

Beim Namen nennen

11. June 2021, 12:00 - 19. June 2021 12:00

Mostra di poster #NowYouSeeMeMoria

14. February 2021, 10:00 - 28. February 2021 10:00
Azioni

Dal 14 al 28 febbraio, Seebrücke Luzern, ReSolut e la Biblioteca Lotte esporranno una grande selezione di poster della serie #NowYouSeeMeMoria nelle finestre del Neubad Bistro. Le fotografie sono state scattate dai rifugiati di Moria e documentano le condizioni di Moria / Kara Tepe. I disegni sono stati creati da numerosi designer* e rendono visibile la realtà della vita dei rifugiati a Lesbo. L’obiettivo è quello di portare il cambiamento attraverso la visibilità.

La mostra è progettata per essere visibile dall’esterno al Neubad Bistro. Vi chiediamo di guardarlo tenendo conto del regolamento della corona e di evitare i raduni al di fuori di Neubad. Quindi, per favore, mascheratevi e mantenete le distanze! In questo modo possiamo rendere i manifesti accessibili a molte persone.
Quindi una passeggiata verso Neubad vale doppiamente la pena, aria fresca e poster notevoli!

Inoltre, davanti al Neubad saranno disponibili dei poster da portare a casa e da esporre in altri luoghi. Spargete la voce! Diffondi i manifesti! Niente più Moria!

Neubad, Bireggstrasse 36, 6003 Luzern

Campagna di poster #NowYouSeeMeMoria

14. February 2021, 6:00 - 23:00
Azioni

Il 14 febbraio, ci sarà un’azione di manifesti coordinata dai rifugiati di Lesbo in tutta Europa. L’obiettivo è di appendere questi manifesti ovunque il 14 febbraio. Le fotografie sono state scattate dai rifugiati di Moria e documentano le condizioni di Moria / Kara Tepe. L’obiettivo è quello di portare il cambiamento attraverso la visibilità.

Su https://nowyouseememoria.eu/gallery/ i poster sono disponibili per il download. Abbiamo la possibilità di fornirvi dei manifesti stampati se non avete la possibilità di stamparli da soli. Se sei interessato, scrivici a schweiz@seebruecke.org entro il 08 febbraio.

Spargete la voce! Diffondi i manifesti! Niente più Moria!

#KeinPushbackIstLegal

30. January 2021, 8:00 - 23:00
Azioni

In estate Moria bruciava, ora Lipa. Il 23.12.2020 il campo Lipa nel nord-ovest della Bosnia è bruciato quasi completamente. In un colpo solo, più di 1.000 persone hanno perso il tetto sopra le loro teste, lasciandole indifese contro la neve e il freddo.

Anche prima dell’incendio, la situazione dei rifugiati in Bosnia era catastrofica: migliaia di persone hanno dovuto resistere nelle foreste e nelle rovine.

Al confine esterno croato con la Bosnia, alle persone in cerca di protezione viene negato con ogni mezzo l’accesso all’UE. La polizia di frontiera sta effettuando dei pushback in cui si ricorre sistematicamente alla violenza. Il governo tedesco sostiene questo approccio – a dicembre sono stati donati alla polizia di frontiera croata 20 veicoli per un valore di 800.000 euro.
Vucjak, Moria, Lipa – i nomi dei campi cambiano, ma quello che mostrano rimane lo stesso: l’UE conta sull’isolamento ad ogni costo!

Non lo accettiamo più! Il 30.01.2021 uniamo le forze e diciamo forte e chiaro: Vogliamo l’ammissione invece del pignoramento! Noi chiediamo:

  1. Un arresto immediato dei violenti respingimenti illegali alle frontiere esterne dell’Europa. Il diritto di tutti di accedere a una procedura di asilo equa nell’UE deve essere finalmente rispettato! #NoPushbackisLegal
  2. Il sostegno alla polizia di frontiera croata deve essere immediatamente interrotto.
  3. Il governo federale deve agire immediatamente ed evacuare i campi. Anche le città e i comuni della Svizzera sono pronti ad accoglierli. #AbbiamoLuogo e la domanda #AnahmeStattAbschottung.

La Svizzera e l’UE devono finalmente assumersi le proprie responsabilità. La ricostruzione di fortuna delle tende a Lipa non è una soluzione per la gente. I campi non sono una soluzione. Sono parte del problema!

Per questo motivo chiediamo una giornata di azione a livello europeo il 30 gennaio. Organizzate azioni nelle vostre città e comunità all’insegna del motto “l’accoglienza invece dell’isolamento”, portate le nostre richieste all’esterno. Lasciate tracce nelle vostre città e nei vostri villaggi e mostrate la vostra solidarietà alle persone ai confini europei. Si prega di attenersi alle misure di protezione Corona. Ora è importante essere visibili e rumorosi! Ci vediamo in strada e in rete!

Resteremo rumorosi fino a quando le frontiere esterne dell’UE non saranno più uno spazio senza legge! Perché #NoPushbackIstLegal!

Idee di azione: Mettere cartelli in luoghi della città con un messaggio chiaro, scrivere slogan per le strade, dipingere striscioni e appenderli.

Sessione online

3. January 2022, 18:30 - 19:30
Sessione

Abbiamo telefonate regolari in tutta la regione e parliamo con volti noti e nuovi di ciò che sta accadendo nei gruppi locali, del lavoro politico sui porti sicuri, delle relazioni pubbliche e del networking e molto altro.

I partecipanti scelgono gli argomenti e danno forma al lavoro e alle azioni di SEEBRÜCKE Svizzera. Se volete farne parte, scriveteci all’indirizzo schweiz@seebruecke.org e vi invieremo i dati per il dial-in.

Sessione online

19. April 2021, 18:00 - 19:00
Sessione

Parliamo al telefono ogni 2 settimane su base sovraregionale e scambiamo informazioni con volti noti e nuovi su ciò che accade nei gruppi locali, sul lavoro politico sui porti sicuri, sulle relazioni pubbliche e sul networking e molto altro ancora.

I partecipanti scelgono gli argomenti e danno forma al lavoro e alle azioni di SeEBRÜCKE Svizzera. Se volete farne parte, scriveteci all’indirizzo schweiz@seebruecke.org e vi invieremo i dati per il dial-in.